sabato 10 novembre 2012

Il ritorno di Abraxas

Cara Graziella, finalmente! finalmente condividi con tutti noi la tua esperienza, la tua innovazione, i tuoi risultati, le tue parole. Ti facciamo i nostri migliori auguri, ma sappiamo bene che non ne avrai bisogno. Permettici solo di condividere alcune tue frasi ed una delle foto più care. Un caro saluto anche ai tuoi ragazzi,  cui tu hai dato armi di indagine potentissime. 


[..]Quale metodo adottare, dunque, affinché la verità storica sia quanto più possibile scevra da inganni?
-    Intanto, come sempre nella ricerca, bisogna privilegiare un atteggiamento di grande umiltà, pazienza eflessibilità intellettuale: mai arroccarsi sulle proprie convinzioni e/o pretendere la loro imposizione acritica;
- Il campo di ricerca è sconfinato e continuamente soggetto ad aggiornamenti/ridefinizioni/cambiamenti;
-  La ricercazione deve essere mirata alla definizione del contenitore entro il quale si muovono i contenuti oggetto di studio: ogni dettaglio del quadro è importante, ma molti dimenticano la cornice in cui il quadro è contenuto;
-  Perseguire, con open mind, nuove strade di conoscenza laddove l’approccio consueto sia risultato fallimentare e da riscrivere, disposti ad abbandonare metodi rigidi utili ai fini del dato immediatamente obiettivo, ma incapaci di sondare spazi di indagine più profondi, per esplorare i quali è necessario dotarsi di strumenti intellettuali e culturali differenti.[...]
Graziella Pinna Arconte, da SA PREDA ‘E S’ARRAGODU, APPROCCIO LOGICO CON LA CONOSCENZA