mercoledì 12 dicembre 2012

Pepi Scintu e Angelino Pinna

de Giorgio Cannas

Candu traballà in agricoltura meda annus faidi , in sa fui ancora piciocheddu, is anzianus contanta is contus de un tempus. Tempus chi a die de non s’agattada prusu. Custu contu, de ziu  Pepi Scintu e ziu Angellinu Pinna (nomini frassus) fiada unu pagu brullanu. Ziu Pepi traballada cumenti pastotri cun su srogu ziu Angelinu ca fiada connottu po pagai pagu, candu dd’iada pagau po un mesi de traballu, ddiada giau 8 francus, chi fiada sa paga de una giornada.
Candu is amigus, ca connoscianda is trassas de ziu Angelinu ddi naranta a ziu Pepi,"e cantu t’adi pagau ziu Angelinu?" Issu, arranagau meda, arrispondiada "m’adi donau scetti 8 francus, arroris  e lampus, lampus e arroris, mabis e puntoris e cundannas mannas de codice nuovo". Insandus tottus arrianta a imbussiu.

Quando lavoravo in agricoltura, molto tempo fa, allora ero ancora ragazzino, gli anziani raccontavano i fatti di un tempo, tempi che oggi giorno non esistono più. Questo racconto, del Sig. Pepino Scintu e Angelino Pinna (nomi di comodo) era un po’ ridanciano. Sig. Pepino lavorava come servo pastore con il suocero, Sig. Angelino, il quale era conosciuto come un poco tirchio per pagare i dipendenti. Quando pagò sig. Pepino, suo genero, per un intero mese di lavoro, gli diede 8 lire, che era la paga corrispondente ad un solo giorno di lavoro.
Quando gli amici, che ben conoscevano i modi del sig. Angelino, chiedevano al sig. Pepino "quanto ti ha pagato tuo suocero Angelino?" Allora il sig. Pepino con fare infuriato, rispondeva con imprecazioni: "mi ha dato solo 8 lire, orrori e fulmini, fulmini ed orrori, mali ed infortuni e grandi condanne da codice (penale) nuovo". Al sentire le imprecazioni rimate del sig. Pepino tutti presenti scoppiavano a ridere a crepapelle.