lunedì 10 dicembre 2012

Sa limba de su futuru

de Nanni Falconi

S’atibidura chi nd’at una pessone chi no est interessada a sa chistione limba sarda, est cussa de una contierra chene agabbu tra sardos.
Una cuntierra chi comintzat giai dae comente la devimus mutire.
B’at chi la cheret mutire limba, e chie lingua.
Penso chi custa contierra siat nàschida in su matessi momentu chi paritzos amantiosos, in sos annos setanta\otanta de su sèculu passadu, ant comintzadu a buscare frimmas pro presentare unu disegnu de lege chi aeret riconnotu sa limba sarda comente una limba diversa intro s’istadu italianu. Una limba chi deviat àere sos matessis deretos chi aiat sa limba statale.
Devo atrogare chi deo puru, chi a su tempus fia tra sos binti e sos trint’annos, apo pensadu chi custu interessu pro sa limba fiat antistòricu; pròpiu comente meda sardos de como chi essint friscos∙friscos dae s’iscola italiana.
Ca s’iscola italiana isvilit su sentidu de amore pro totu cussu chi est curtura sarda. Unu istudente sardu no nde podet essire sanu in s’amore pro sa pàtria sua pustis de bint’annos de imparamentu de custu isvilimentu. Deo puru so istadu malaidu.
Fia malaidu mancari fiat su sardu sa limba primàrgia mia, e finas si iscriia poesias in sardu.
Pensaia a s’italianu, e comente non podiat èssere gasi, comente a sa limba de su futuru.
Custu pro bos nàrrere chi bisòngiat de àere passièntzia meda cun sos pitzinnos. Passièntzia pro resessire a nde los bogare dae sos imparamentos de monolinguismu istericu. 
A dolu mannu essende dae custa iscola su pensamentu dominante in sos istudentes est galu cussu chi aia deo carant’annos a como. Ca nos ant incurcadu chi est contra su progressu naturale a chèrrere pèrdere tempus imparende una limba chi est abbarrada a coa.
Una limba morta o chi est dende sas ùrtima alenadas.
E custa est una de cuddas positziones malas a cumbatare intro de sa contierra, prus e prus ca benit dae pessones chi ant istudiadu, dae tzetos sotziales privilegiados, dae intelletuales orgànicos a su podere statale. E in ùrtimu, ma non pro cussu de mancu importante, dae sa borghesia tzitadina chi s’est adatada bene a s’imparamentu istèricu monolinguista. 
No est chi siant inimigos de sa limba sarda, est solu gente chi no est istada tocada dae sa gràtzia.
E benimus a cussos chi sa limba la cherent amparare.
Ca est pròpiu in custa gente chi sa contierra ischirriolat de prus sas ànimas. No est su negare s’esistèntzia de una chistione limba, ma sunt sas ideas diversas de comente l’isboligare chi inchendet.
E tando agatamus cuddos chi diant chèrrere lassare chi sa limba si salvet a bonu suo. Custos narant chi si est sana giai si campat chene chi s’òmine li mintat poddìghes. Narant chi non b’at bisòngiu chi bengiat imparada in iscola ma bastat a la faeddare in domo issoro ca issa est sa limba de sa famìllia. Peruna fortzadura a la cambiare, perunu arrumbu, nudda de nudda. Si est sana giai si salvat e ca si no si bidet chi sos sardos non nd’ant bisòngiu.
E agatamus cuddos chi narant: s’eredu nostru est totu sa limba faeddada. Amus eredadu unu siddadu mannu in su patrimòniu linguìsticu de onni bidda e lu devimus muntènnere gasi comente est.
Si su sardu l’amus de l’imparare in iscola, a sos istudiantes lis devimus imparare sa faeddada de sa bidda issoro. Sos istudiantes devent iscrìere in sa faeddada de sa bidda in sas cales sunt nàschidos.
E posca agatamus cuddos chi narant chi amus unu connotu leteràriu belle e che istandardizadu dae s’impitu chi nd’amus fatu in su passadu; e chi custu connotu est in duas bariedades de sardu: su campidanesu e su logudoresu illustre.
Custos diant chèrrere partzire sa Sardigna in duas limbas standardizadas.
E a pustis agatamus cuddos chi narant chi sas paràulas scritas si devent lèghere a s’italiana: gasi comente sunt scritas.
E agatamus cussos cuntràrios, chi narant chi non benit bene de cussa manera ma chi su sardu scritu cheret lèghidu a s’inglesa.
E agatamus cuddos chi cherent iscrìere cun duas consonantes ca narant chi est cussu su connotu.
E agatamus sos cuntràrios chi bi nde cherent una ca narant chi non bi nd’at bisòngiu, e faghet prus fàtzile s’iscritura.
E totus semus che canes arrajolidos difendende sas ideas nostras.
E a ùrtimu agatamus cuddos chi sparant cannonadas pro parare cale si siat standard ca nanchi gosi si ochiet sa libertade de sos sardos de iscrìere comente lis paret in sa limba issoro.
E agatamus cuddos chi lu difendent custu standard bogadu a campu pro chi s’esseret impitadu in s’amministratzione e solu in essida.
E bi sunt cuddos chi l’atacant custu standard ca nanchi est tropu conchinadu a sa perra de su cabu de subra de sa Sardigna e nde diant chèrrere unu prus conchinadu a sa perra de su cabu suta. 
E cuddos chi narant chi chene unu standard non bi podet àere mai unu imparamentu de aficu in sas iscolas, prus nche àteru ca bi cheret finantziamentos; e dinari no nd’amus.
E s’industria curturale chi narat chi su seberamentu in milli riareddos de sa possibile iscritura est de impedu a una indùstria curturale forte chi potzat cumpètere in unu mercadu de oe.
E nos ammentant chi chene unu mercadu curturale de aficu non s’achipit a nudda.
E gasi, pro totu custos motivos chi apo elencadu, e àteros milli chi no apo mentovadu, nois sardos nos la faghimus cossumende sas energias nostras in gherras bagadias; e totu andat in bene pro chie su sardu de abberu lu cheret mortu.



La percezione che ha una persona che non è interessata alla questione lingua sarda, è quella di una discussione infinita tra sardi.
Una discussione che comincia già da come la dobbiamo chiamare.
C’è chi la vuole chiamare limba e chi lingua.
Credo che questa discussione sia nata al tempo in cui i pochi amanti della lingua, negli anni settanta/ottanta del secolo scorso, hanno cominciato a raccogliere firme per presentare una legge che riconoscesse la lingua sarda come una lingua a se stante dentro lo stato italiano. Una lingua che doveva avere gli stessi diritti della lingua statale.
Devo confessare che anch’io, al tempo avevo tra i venti e in trent’anni, ho pensato che questo interesse per la lingua fosse antistorico; proprio come molti sardi di oggi  che escono freschi freschi dalla scuola italiana.
Perchè la scuola italiana svilisce il sentimento d’amore che si ha per la cultura sarda. Lo studente sardo non esce integro nell’amore per la propria patria dopo vent’anni di insegnamento di questa disistima. Anch’io sono stato malato. 
Ero malato anche se  la mia lingua madre  era il sardo, e anche se scrivevo poesie in sardo.
Dell’italiano  pensavo  che fosse la lingua del futuro, ma come non poteva essere che così?
Questa premessa per dirvi che bisogna avere molta pazienza con in giovani. Pazienza per riuscire a distoglierli da certi insegnamenti di monolinguismo isterico. 
Purtroppo, uscendo da questa scuola, il pensiero dominante negli studenti è ancora quello che avevo io quarant’anni fa. Perché ci hanno convinti che è andare contro il progresso naturale voler perdere tempo insegnando una lingua che è rimasta indietro.
Una lingua morta o che sta esalando l’ultimo respiro.
E questa è una di quelle posizioni difficili da contrastare all’interno della discussione, anche perché nasce da persone di una certa istruzione, da ceti sociali privilegiati, da intellettuali organici al potere statale. E per ultimo, ma non per questo meno importante, dalla borghesia di città che si è ben adattata all’insegnamento isterico monolinguista.
Non è che siano nemici della lingua sarda, sono solo persone che non sono state colpite dalla grazia.
E veniamo a quelli che la lingua la vogliono difendere.
Perché è proprio all’interno di questo gruppo che la discussione lacera gli animi. Non è il negare l’esistenza della questione lingua, ma sono le idee diverse di come risolverla quelle che  incendiano.
E allora troviamo quelli che vorrebbero che la lingua si salvasse da sé. Questi dicono che se è sana già si salva senza che l’uomo intervenga. Dicono che non bisogna insegnarla a scuola ma che basta parlarla in casa perché è la lingua degli affetti. Nessuna forzatura per cambiarla, nessun appoggio, nulla di nulla. Se sta bene già si salva e se no vuol dire che i sardi non ne hanno bisogno.
E troviamo quelli che dicono: la nostra eredità è tutta la lingua parlata. Abbiamo ereditato un grande tesoro nel patrimonio linguistico di ogni paese e dobbiamo mantenerlo cosi com’è.
Se il sardo dobbiamo insegnarlo nelle scuole lì si deve insegnare la parlata del loro paese. Gli studenti devono scrivere nella parlata del paese dove sono nati. 
E poi troviamo quelli che dicono che abbiamo una tradizione letteraria quasi standardizzata dall’uso che si è fatto, e che questa tradizione utilizza due varietà del sardo: il campidanese e il logudorese illustre.
Questi vorrebbero dividere la Sardegna in due lingue standardizzate.
E ancora troviamo quelli che dicono che le parole scritte si devono leggere all’italiana: così come sono scritte.
E troviamo quelli che la pensano diversamente, che dicono che non va bene in quel modo, ma che il sardo scritto va letto all’inglese. 
E troviamo quelli che vogliono scrivere con le doppie perché dicono che quella è la tradizione.
E troviamo i contrari che ne vogliono una perché dicono che non c’è bisogno delle doppie, e si facilita la scrittura.
E tutti siamo come cani rabbiosi mentre difendiamo le nostre idee.
E per ultimo troviamo quelli che sparano cannonate per fermare qualsiasi standard perché dicono che così si uccide la libertà dei sardi di scrivere come gli pare la loro lingua.
E troviamo quelli che lo difendono questo standard fatto per servire all’amministrazione regionale nei suoi documenti in uscita.
E ci sono quelli che lo attaccano, questo standard, perché dicono che propenda troppo verso le parlate del capo di sopra e ne vorrebbero uno che propenda di più verso il capo di sotto della Sardegna. 
E quelli che dicono che senza lo standard non ci può èssere un buon insegnamento nelle scuole, più che altro per una questione di finanziamenti; e soldi non ne abbiamo.
E l’industria culturale che dice che la divisione in mille rivoli di una possibile scrittura è un impedimento per una industria culturale forte che possa competere sul mercato di oggi.
E ci ricorda che senza un buon mercato culturale non s’arriva da nessuna parte.
E così, per tutti questi motivi che ho elencato, e altri mille che non ho detto, noi sardi consumiamo le nostre energie in guerre inutili; e tutto va bene per quelli che davvero il sardo lo vogliono morto.