domenica 13 gennaio 2013

Arrodedhas de concas de fusu su de jossu o su de susu?

de Efisio Loi

Arrodedhas-de-concas-de-fusu-si-e-jossu-o-si-e-susu?”. Fata sa mazina in palas de sa schina, tocada a su pipiu de tres, cuatur’annus, intzertari in cali pinnigosu serrau fut cuau  su boboi. Is pinnigosus arrodedhanta de asuta a pitzus e de pitzus a suta, fintzas a candu si frimanta, unu in pitz’e s’atru, abetendu a respùndiri a sa pregunta fata, arrodedha arrodedha e canta canta. Su notzentedhu, o notzentedha, prenu de ispera, si nci getada: “Su de jossu” oburu, “su de susu”.

Imparada, gioga gioga, totu cumenti podiat andari sa “sorti”. Si fut de ischilla bona e sentza de malitzia, agatendu sa manu bùdia candu iat iscioberau “su de susu”, sa borta infatu scioberada “su de jossu”. Ma chini faiat su giogu dhi podiat cuncordari sa brullixedha e su pipiu, a pagua pagu, si ndi sapiada ca su boboi ndi depiat bessiri, de una manu o de s’atera, o a primu o a poi. A cumandari fut e chini faiat sa “mazina”, ma pagu ndi dhi importada, ca tantis su tzucureddhu si dhu depiant ameari.
Feti prus a trigadiu si ndi at èssiri sapiu ca candu sa “statistica” narat chi si papaus mesu pudha a peromini, podit sutzèdiri chi unu si ndi papit duas e tresi abarrint sentza, sempri po mori de cancunu chi fait is cosas drivessas de cumenti ti dhas abetas.
Immoi, a pipiedhus crèscius, su giogu megant de si dhu fari de aici: “Fùrria fùrria sa pasteta est a manca o a dereta?”. Cumenti fait su pipiu conchicanu a nàrriri a manca o a dereta? Ita cosa est su “Fiscal compact”, una politica de manca o de dereta? Bai e cicandedhi.  Ocannu passau, Sarkozy, ca pariat de dereta, narada is proprius cosas, acotza acotza cun Angela Merkel, chi megat de nai in dis de oi Pedruluisu Bersani: “Rispetteremo i nostri impegni con l’Unione europea, li reputeremo come nostri.” E sighi sighi: “Credo che sarà possibile raggiungere il pareggio di bilancio strutturale il prossimo anno.” E Hollande,  sèmpiri ocannu passau, in cuntierra cun Sarkosy po is eletzionis in Frantza, ca fut sotzialistu,  narada: “Il Fiscal Compact è un’illusione e anche un rischio, quello di creare le condizioni di una crisi economica prolungata”.
Custu Cuntrattu Fiscali iat a parriri paris paris de dereta. E tandus, Bersani? Po agiudari su pipiu, intendei su chi narat immoi Berlusconi: “Le norme del Fiscal Compact impediscono la crescita” e po non bastari: “L’austerity messa addosso a una economia che non è in crescita produce un danno economico”. Berus puru ca Berlusconi est de sa dereta populista e ca Hollande s’est amucitau ma su maschotedhu, o sa mascotedha, si timit de s’agatari sempri sa manu bùdia.
Po su chi mi pertacat, sceberendu a Monti, iap’èssiri che turra in culixonis, puita, issu, anca si ponit “in contrapposizione alle forze politiche conservatrici, prone a interessi particolari” e, prus e prusu, ca est po su mèritu e sa cumpetentzia. Perou, totu custu dhu bolit fari cun Fini e cun Casini. Si no est “mazina”, mi parit chi dh’at a tocai a ndi bessiri cun cancuna brusceria manna po parai faci a-i cussus dusu.
Pagu mali ca nosu in Sardìnnia podeus biri totu custu cument’e cosas de perunu importu. Cun-d unu bellu “Fortza paris” eus a iscioberai, totus aunius, su chi est mellus po nosu. 

**** 
“Rotelline di teste di fuso, quello in basso o quello in suso?” La “faccenda” si sistemava dietro la schiena, stava al bambino di tre, quattro anni, indovinare in quale pugno serrato fosse nascosta la chicca. I pugni chiusi ruotavano vorticosamente alternandosi  sopra e sotto, l’uno rispetto all’altro, finché si fermavano, uno su e uno giù. Si aspettava la risposta alla domanda fatta girellando i pugni e cantarellando. Il piccolo, o la piccola, innocente , fremente nell’attesa, si buttava: “Quello di su” oppure “Quello di giù”.  
Apprendeva, nel gioco, in che modo girasse “la sorte”. Se di spirito sveglio e senza malizia, trovando la mano vuota una volta scelto “quello di su”, il giro successivo avrebbe scelto “quello di giù”. Il play maker, però, poteva facilmente preparargli/le lo scherzetto e il bambino/a , piano piano, si rendeva conto che, prima o poi, da una mano o dall’altra, lo zuccherino sarebbe venuto fuori. A condurre il gioco era chi faceva la “mazzina”, ma non aveva importanza, ché, comunque , il “bobò” glielo dovevano dare.
Solo più tardi si sarebbe accorto che se la statistica dice che mangiamo mezzo pollo a testa, può succedere che uno ne mangi due e tre rimangano senza. Beninteso, per colpa di chi fa le cose diversamente da come te le aspettavi.
Ora, al bambinello cresciuto, il gioco glielo propongono in codesto modo: “Si rigira la minestra, starai a manca oppure a destra?”. Come fa il bambino canuto a decidere per la destra o la sinistra? Cosa è mai il Fiscal Compact, una politica di destra o di sinistra? Vattelappesca! Quest’anno scorso, Sarkozy, che pareva di destra, diceva le stesse cosa, reggendo bordone a Angela Merkel, ripetute in questi giorni da Pierluigi Bersani: “Rispetteremo i nostri impegni con l’Unione Europea, li reputeremo come nostri.” E subito appresso: “Credo che sarà possibile raggiungere il pareggio del bilancio strutturale il prossimo anno.” E Hollande, da buon socialista, ancora l’anno scorso, in campagna elettorale contro Sarkozy, nel ballotaggio per l’elezione alla presidenza della Repubblica Francese, diceva: “IL Fiscal Compact è un’illusione e anche un rischio, quello di creare le condizioni di una crisi economica prolungata”.
Questo Contratto Fiscale sembrerebbe assolutamente di destra. E allora, Bersani? Per venire in aiuto al bambino, sentite quanto dice in questi frangenti Berlusconi: “Le norme del Fiscal Compact impediscono la crescita.” E se non bastasse: “L’austerity messa addosso a un’economia che non è in crescita produce un danno economico”. È pur vero che Berlusconi è un populista di tre cotte e Hollande  è diventato muto ma, il maschietto, o la maschietta, avanti con gli anni, ha il terrore di ritrovarsi “la mano” sempre vuota.
Per quanto mi riguarda, scegliendo Monti mi sentirei del tutto appagato, dal momento che dice di mettersi “in contrapposizione alle forze politiche conservatrici, prone a interessi particolari” e, più ancora, in favore del merito e della competenza. Tutto questo, però, lo vuole realizzare con Fini e con Casini. Se non è “mazzina”, ho l’impressione che dovrà inventarsi qualcosa di miracoloso per tener testa a quei due.
Meno male che noi, in Sardegna, possiamo guardare a queste grandi manovre, con una certa tranquillità, come a cose di non rilevante importanza. Con un bel “Fortza Paris”, potremo scegliere, tutti uniti, ciò che più ci conviene.
 “Arrodedhas de concas de fusu su de jossu o su de susu?”