venerdì 18 gennaio 2013

I documenti "ufficiali" della Sardegna arcaica (1 di 4)

di Atropa Belladonna

Mostro di seguito alcuni dei documenti testimoni di segni di scrittura sarda arcaica (a partire dall' epoca nuragica),  pubblicati su libri o riviste specializzati e/o esposti in Musei. I documenti, che chiameremo "ufficiali" sono di diversa complessità, andando dal singolo segno fino a sequenze più lunghe e complesse, passando per segni ideografici e possibilmente metrici. Non riporto alcuna interpretazione, se non in casi particolari. Poichè il catalogo è giocoforza parziale, ma già impressionante*, lo pubblico a puntate. Ringrazio Romina e Piero per l'aiuto e la collaborazione, e altri che mi hanno fornito materiale. Per ogni sezione metterò in prima posizione un documento caratterizzante, una sorta di logo che la rappresenti. Inizio con la parte forse meno coccolata da Gigi Sanna ed invece più cara all' Accademia: i segni/marchi singoli (o quasi), talvolta diplomaticamente definiti "decorazioni "plastiche". Per questa sezione ho scelto come logo un vaso stupendo, che reca in rilievo uno dei segni più caratteristici ed ubiquitari della Sardegna antica: quello variamente definito ad Y, a forcella, a gruccia o corniforme. 

LEGENDA: Immediatamente sotto la figura, la denominazione "ufficiale" del reperto. 
In rosso: riferimenti bibliografici accademici e/o  riconosciuti dagli organi ufficiali. 
In blu: altre pubblicazioni, quasi sempre di Gigi Sanna. MoMa = Mostra epigrafica di Macomer.

I. Singoli segni /"marchi" /"decorazioni plastiche"

1. Museo del territorio di Sedilo, vaso piriforme capanna 7, villaggio nuragico Iloi (inf. Umberto Soddu)

2. S' Anastasia  di Sardara, tempio nuragico: bacile con decorazioni plastiche
N. Ialongo, 2011, Il santuario nuragico di Monte S. Antonio di Siligo (SS). Studio analitico dei complessi cultuali della Sardegna proto-storica. Tesi di dottorato in Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche, Università La Sapienza, Roma


 3. S' Anastasia  di Sardara, tempio nuragico: vaso frammentario.
 a. A. Taramelli, "Il tempio nuragico di S. Anastasia", in Scavi e scoperte:1918-1921, Collana  Sardegna archeologica. Reprints, a cura di A. Moravetti, Carlo Delfino Ed., 1984; b. N. Ialongo, 2011, Il santuario nuragico di Monte S. Antonio di Siligo (SS). Studio analitico dei complessi cultuali della Sardegna proto-storica. Tesi di dottorato in Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche, Università La Sapienza, Roma

 4. S' Anastasia  di Sardara, tempio nuragico: vaso frammentario.
 a. A. Taramelli, "Il tempio nuragico di S. Anastasia", in Scavi e scoperte:1918-1921, Collana  Sardegna archeologica. Reprints, a cura di A. Moravetti, Carlo Delfino Ed., 1984; b. N. Ialongo, 2011, Il santuario nuragico di Monte S. Antonio di Siligo (SS). Studio analitico dei complessi cultuali della Sardegna proto-storica. Tesi di dottorato in Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche, Università La Sapienza, Roma


 5. Santa Vittoria di Serri, tempio nuragico: vaso frammentario con segni corniformi
 a. A. Taramelli, "Il tempio nuragico ed i monumenti primitivi di S. Vittoria di Serri (Cagliari)", in Monumenti Antichi dei Lincei, XXIII, 1914, coll. 313-436, figg. 1-119, tavv. I-VIII; b. N. Ialongo, 2011, Il santuario nuragico di Monte S. Antonio di Siligo (SS). Studio analitico dei complessi cultuali della Sardegna proto-storica. Tesi di dottorato in Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche, Università La Sapienza, Roma; c. Moravetti A. 1986 (1990), Nota preliminare agli scavi del nuraghe S. Barbara di Macomer, NBAS 3, pp. 49-113





6. Nuraghe Santu Antine di Torralba. Ceramica con motivo corniforme o a forcella in rilievo.
Moravetti A. 1986 (1990), Nota preliminare agli scavi del nuraghe S. Barbara di Macomer, NBAS 3, pp. 49-113.


7. Nuraghe Santu Antine di Torralba. Ceramica con motivi corniformi o a forcella in rilievo
Moravetti A. 1986 (1990), Nota preliminare agli scavi del nuraghe S. Barbara di Macomer, NBAS 3, pp. 49-113.


8. Nuraghe Santa Barbara di Macomer. Frammenti di vaso con motivi corniformi e a "T" in rilievo. 
Moravetti A. 1986 (1990), Nota preliminare agli scavi del nuraghe S. Barbara di Macomer, NBAS 3, pp. 49-113.



9. S' Anastasia  di Sardara, tempio nuragico: vaso frammentario con idolo, motivo corniforme ed altri segni incisi (Ndr, Moravetti e Taramelli lo riconducono ai reperti 3-8)
 a. A. Taramelli, "Il tempio nuragico di S. Anastasia", in Scavi e scoperte:1918-1921, Collana  Sardegna archeologica. Reprints, a cura di A. Moravetti, Carlo Delfino Ed., 1984; b. N. Ialongo, 2011, Il santuario nuragico di Monte S. Antonio di Siligo (SS). Studio analitico dei complessi cultuali della Sardegna proto-storica. Tesi di dottorato in Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche, Università La Sapienza, Roma; c. Moravetti A. 1986 (1990), Nota preliminare agli scavi del nuraghe S. Barbara di Macomer, NBAS 3, pp. 49-113
Gigi Sanna, a. Sardôa grammata, S’ Alvure, 2004; MoMa, Pl. 5


10. Museo di Perfugas, peso da telaio nuragico (Inf. DedaloNur)


11. Anfora miniaturistica fittile, villaggio nuragico Fadd'e Idda, Soleminis. BF/I età del Ferro  
M.R. Manunza, Cuccuru cresia arta. Indagini archeologiche a Soleminis, 2005, Grafica del Parteolla, Dolianova

12. Ascia nuragica a margini rialzati in bronzo con contrassegno, Sant'Imbenia
A. Depalmas, G. Fundoni, F. Luongo,  2011, Ripostiglio di bronzi della prima età del ferro a Sant'Imbenia-Alghero (Sassari), Rivista di Scienze preistoriche, 61: 231-256

13. Nuraghe S'Uraki di San Vero Milis, segno inciso a crudo
P. Bernardini, a. 2011, Elementi di scrittura nella Sardegna protostorica, In: L'epigrafe di Marcus Arrecinus Helius: esegesi di un reperto i plurali di una singolare iscrizione, Atti della giornata di Studi (Senorbì, 23.04.2010), a cura di Antonio Forci, Ortacesus: Sandhi; b. 2011, Necropoli della Prima Età del Ferro in Sardegna: una riflessione su alcuni secoli perduti o, meglio, perduti di vista. In: Mastino, Attilio; Spanu, Pier Giorgio; Usai, Alessandro; Zucca, Raimondo (a cura di). Tharros Felix 4. Roma, Carocci editore. p. 351-386

14. Lingotto oxhide in rame da Nuragus, Serra Ilixi
Fulvia Lo Schiavo, Archeometallurgy in Sardinia from the origins to the beginning of the First Iron Age (a cura di A. Giumlia-Mair, F. Lo Schiavo R. Valera,), Monographie Instrumentum 30, Montagnac 2005, ed. Monique Mergoil.
15. Lingotto oxhide in rame da Nuragus, Serra Ilixi
Fulvia Lo Schiavo, Archeometallurgy in Sardinia from the origins to the beginning of the First Iron Age (a cura di A. Giumlia-Mair, F. Lo Schiavo R. Valera,), Monographie Instrumentum 30, Montagnac 2005, ed. Monique Mergoil.

16. Lingotto oxhide in rame da Nuragus, Serra Ilixi
Fulvia Lo Schiavo, Archeometallurgy in Sardinia from the origins to the beginning of the First Iron Age (a cura di A. Giumlia-Mair, F. Lo Schiavo R. Valera,), Monographie Instrumentum 30, Montagnac 2005, ed. Monique Mergoil.


17. Lingotto oxhide in rame da Sant'Antioco di Bisarcio, strato di fondazione di un nuraghe (?)
Fulvia Lo Schiavo, Archeometallurgy in Sardinia from the origins to the beginning of the First Iron Age (a cura di A. Giumlia-Mair, F. Lo Schiavo R. Valera,), Monographie Instrumentum 30, Montagnac 2005, ed. Monique Mergoil.

18. Monastir (CA), loc. 
Monte Olladiri:
 ansa di brocca askoide con elemento scrittorio
P. Bernardini, 2011, Elementi di scrittura nella Sardegna protostorica, In: L'epigrafe di Marcus Arrecinus Helius: esegesi di un reperto i plurali di una singolare iscrizione, Atti della giornata di Studi (Senorbì, 23.04.2010), a cura di Antonio Forci, Ortacesus: Sandhi.
19. Monastir (CA), loc.
Monte Olladiri:
 lingotto nuragico in piombo con simbolo
N. Ialongo, 2011, Il santuario nuragico di Monte S. Antonio di Siligo (SS). Studio analitico dei complessi cultuali della Sardegna proto-storica. Tesi di dottorato in Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche, Università La Sapienza, Roma


20.Monastir (CA), loc. 
Monte Olladiri:
 ansa di brocca askoide con elemento scrittorio
P. Bernardini, 2011, Elementi di scrittura nella Sardegna protostorica, In: L'epigrafe di Marcus Arrecinus Helius: esegesi di un reperto i plurali di una singolare iscrizione, Atti della giornata di Studi (Senorbì, 23.04.2010), a cura di Antonio Forci, Ortacesus: Sandhi.


21. Nuraghe Flumenelongu: ansa di brocca askoide con elemento scrittorio
P. Bernardini, a. 2011, Elementi di scrittura nella Sardegna protostorica, In: L'epigrafe di Marcus Arrecinus Helius: esegesi di un reperto i plurali di una singolare iscrizione, Atti della giornata di Studi (Senorbì, 23.04.2010), a cura di Antonio Forci, Ortacesus: Sandhi; b. Graziano Caputa, 2003 Reperti inediti dal nuraghe Flumenelongu (Alghero), Sardinia, Corsica, ET Baleares antiqvae International Journal of Archaeology, 1: 83-94
22. Insediamento nuragico di Monte Zara, Monastir. Frammento di brocca askoide con segno ad X (taw?)
Marco Minoja, Consuelo Cossu, Michela MigaledduParole di Segni. L'alba della scrittura in Sardegna,Carlo Delfino editore, Sassari 2012

23. Santu Brai, insediamento nuragico. Probabile peso da bilancia in steatite. Museo di Sardara
N. Ialongo, 2011, Il santuario nuragico di Monte S. Antonio di Siligo (SS). Studio analitico dei complessi cultuali della Sardegna proto-storica. Tesi di dottorato in Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche, Università La Sapienza, Roma

24. Accetta miniaturistica nuragica in bronzo (5.1 cm, 8.40 g.), segno a kaf su una penna e segno a stella sull'altra
a. E. Usai, R. Zucca, 2011,  Nuovi bronzi nuragici dell’Antiquarium Arborense di Oristano: contributo alle rotte mediterranee della Sardegna. In: Mastino, Attilio; Spanu, Pier Giorgio; Usai, Alessandro; Zucca, Raimondo (a cura di). Tharros Felix 4. Roma, Carocci editore. pp. 323-350; b. Marco Minoja, Consuelo Cossu, Michela Migaleddu
Parole di Segni. L'alba della scrittura in Sardegna,Carlo Delfino editore, Sassari 2012

25. Accetta miniaturistica nuragica in bronzo (5.5 cm, 9.86 g), con segno a su una penna
a. E. Usai, R. Zucca, 2011,  Nuovi bronzi nuragici dell’Antiquarium Arborense di Oristano: contributo alle rotte mediterranee della Sardegna. In: Mastino, Attilio; Spanu, Pier Giorgio; Usai, Alessandro; Zucca, Raimondo (a cura di). Tharros Felix 4. Roma, Carocci editore. pp. 323-350; b. Marco Minoja, Consuelo Cossu, Michela Migaleddu
Parole di Segni. L'alba della scrittura in Sardegna,Carlo Delfino editore, Sassari 2012

26. Accetta miniaturistica nuragica in bronzo (3.52 cm, 2.58 g.), con segno a X
a. E. Usai, R. Zucca, 2011,  Nuovi bronzi nuragici dell’Antiquarium Arborense di Oristano: contributo alle rotte mediterranee della Sardegna. In: Mastino, Attilio; Spanu, Pier Giorgio; Usai, Alessandro; Zucca, Raimondo (a cura di). Tharros Felix 4. Roma, Carocci editore. pp. 323-350; b. Marco Minoja, Consuelo Cossu, Michela Migaleddu
Parole di Segni. L'alba della scrittura in Sardegna,Carlo Delfino editore, Sassari 2012

*Post Scriptum: ricordo inoltre ai lettori le dichiarazioni che Alessandro Usai fece alla stampa, nel 2008: "[...] Altri singoli segni su ceramiche sono segnalati in uno scavo a Villanova Monteleone e a Monte Prama, nella zona dei famosi guerrieri di pietra. I segni però si notano non sulle statue, ma su modelli di nuraghi, fatti con elementi componibili: quindi si può ipotizzare che si tratti di indicazioni per far combaciare i singoli pezzi." da L’Unione Sarda 12 luglio 2008 (Carlo Figari)
Non ho potuto accedere a tale documentazione, che reputo di estremo interesse, e non sono  a conoscenza di pubblicazioni in materia. 
Inoltre, non ho a disposizione la maggior parte dei reperti da cui Giovanni Ugas ha ricavato la sua tabella alfabetica nuragica (G. Ugas, Nuraghi, Shardana, scrittura ed altre questioni, http://gianfrancopintore.blogspot.it, 17.07.2012), in corso di pubblicazione sul volume Tharros Felix/5 

(Atropa Belladonna)