mercoledì 9 gennaio 2013

No est beru chi non b’at prus rimèdiu

de Nanni Falcone

Onni tzitadinu sardu chi faeddat in sardu faghet polìtica linguìstica, gasi comente la faghet unu sardu chi faeddat in italianu in Sardigna. 
E gasi puru comente la faghet chie faeddat in sardu e in italianu.
Onni unu de issos mandat a chie l’ascurtat o a chie lu leghet unu messàgiu simbòlicu chi narat a cale perra s’est acoiladu. 
Ca neune bivet a banda in sa sotziedade e onni unu, in su fainare suo, faghet a bìdere ite pensat impitende una limba a su versu de un'àtera prus de cantu lu nèrgiat cun sas paràulas suas matessi.
No isco, ma non creo, si custu capitet fintzas in cuddas sotziedades chi ant solu una limba de riferimentu cun sa cale fraigat s’identidade sua. In una de cuddas sotziedades ue sa gente at sa fortuna de si regonnòschere faeddadores de sa limba issoro de riferimentu, e a sa cale annanghent totu sas limbas chi cherent, pro si relatare tra issos e sos istràngios.
Sa sorte mala nostra est chi a nois sardos nos ant imparadu, dae sèculos como, chi sa limba de riferimentu chi devimus àere no est cussa istòrica nostra ma cussa de su guvernu, pesende∙nos, in contu a limba, intro de unu limbu in ue perdimus s’identidade istòrica nostra.
Semus cròmpidos finas a fàghere crèere a sos pitzinnos chi sa limba no est fintzas unu marcadore de s’identidade de unu pòpolu, ma solu una manera de si relatare chi no at prus perunu sinnificadu identidàriu.
O peus puru, chi sa limba italiana siat cussa de s’identidade sarda de oe.
Totu podet èssere in su mundu, e in logu perunu b’at una sotziedade isballiada o una giusta, e si fiat istadu chi galu sa limba betza, sa limba istòrica de sos sardos, chi pro sèculos nde at marcadu s’identidade, fiat istada giai morta e ismentigada, aia pòtidu nàrrere chi ant resone a leare cussa de su guvernu.

Su malu, o si cherimus, su bonu chi siat, est chi su sardu galu no est mortu, fintzas si benit faeddadu dae una minoràntzia como.
Tzertus, no est in  istat in abbas pàsidas, chi chentinas de annos de assugetamentu de sos sardos a àteras limbas non sunt colados de badas.
E s’ùrtimu istadu a su cale semus assugetados nos at abiadu a unu monilinguismu in italianu chene rimèdiu. "Est unu dovere a imparare s'italianu," nos ant naradu.
Unu monolinguismu chi neune, a paràulas, cheret, ma chi medas, a sa muda, atzetant comente e cando siat istadu postu a cara a unu ostinu giai iscritu in su libru de su tempus benidore.
Chi nos pragat o nono, sa limba italiana nos identìficat  comente italianos, ca custu est pro su cale l'istudiamus fintzas dae criaduras.
E nche bogat su sardu chi identìficat sos sardos. 

Faghet polìtica linguistica chie non creet a unu ostinu chi non si potzat cuntierrare, gasi comente la faghet chie si nd’afutit e sighit s’andera sua; e la faghet puru chie narat chi essende istadu alfabetizadu in italianu no at peruna gana de andare a s’istudiare una limba chi no at a impitare mai.
Chi s’italianu in Sardigna andat bene pro totus e pro totu.
E chi non b’at perunu bisòngiu de imparare finas cussa de minoràntzia. 
E gasi capitat cuddu chi s’est semper negadu chi potzat capitare, chi bastat su tempus de una o duas generatziones pro chi una impositzione arbitrària de una limba istràngia bèngiat atzetada comente naturale in su presente in unu pòpolu assugetadu.
Chi bèngiat atzetada finas a bènnere a èssere sa sola limba sua.

S’israighinamentu de totu su pòpolu sardu dae sa limba istòrica sua fiat istada giai agabbadu si non fiat capitadu chi pagos tzitadinos sardos, mancari ammaestrados bene dae s’iscola italiana e dae totu sos aparados curturales egemones, no l’aerent bojadu.
B’at semper calicunu o carchi cosa chi si ponet de traessu a su podere. 
B’at semper calicunu chi li fuit, calicunu chi iscàsciat dae sa tula prenada dae s’abba pàsida de sa cunformidade. B’at semper calicunu chi non si rendet nen mancu a cussu ostinu, chi si cheret manifestadu dae s’istòria. 
Est cuddu tzitadinu chi non creet chi siat s’istòria chi faghet s’òmine ma chi siat pròpiu a su revessu.
E gasi pensat chi si podet galu torrare in segus e si nde podet torrare a acabidare sas cosas frundidas addae e a las torrare in possa. Sas cosas frundidas in su muntonàrgiu de sa cosas sardas in ue finas sa limba nche fiat istada fuliada.

No est chi nois sardos apemus isseberos meda in contu a sa limba sarda. A cussu chi paret a mie nd’amus solu una paja. Sa de una est a sighire s’andera de annichilamentu de su sardu sighende a nàrrere chi tantu como cun isse non nos cumprendimus prus apare, chi totus ischimus faeddare e iscrìere in italianu e nos bastat. Sa de duas est a s’ismentigare totu su chi est capitadu finas a como, bortare sa pagina de su libru de su ostinu chi nos narat chi totu est giai istòria in contu a sa limba, e incomintzare a pensare chi no est beru chi non b’at prus rimèdiu ma chi a onni cosa b’at rimèdiu si b’at sa bolontade.

Si sa parte manna de sos pitzinnos sardos pensant chi est tempus pèrdidu a s’impelegare in s’istùdiu de una limba chi a pàrrere issoro podet èssere solu una copia pro de badas de sa chi faeddant giai, est solu ca cussu est su chi l’ant imparadu, sos babbos e sas mammas cando fiant criaduras e sas iscolas cando sunt istados prus mannitos.
Est unu imparamentu a su cale si depent isbortare como chi sunt crèschidos.
Giai l’isco chi benit fintzas male a s’isbortare a sos imparamentos de chie los at generados, ma si unu ostinu b’at in in sos òmines, est pròpiu cussu si furriare a issos, pro nde bogare a campu su naturale de onni unu.

Cando sos pitzinnos de oe, cussos chi comintzant a intrare in sa sotziedade comente sugetos, nos narant: “a nois no nd’afutit nudda de su sardu, nois amus giai s’italianu comente limba primàrgia,” nois tando depimus pensare chi non sunt boghende a campu unu ischire meledadu bene, ma chi sunt sighende solu su caminu in ue los ant postos e chi no est istadu ischirriadu dae issos.
E lis depimus insingiare s’àteru caminu.



Non è vero che non c'è più rimedio
di Nanni Falconi


Ogni cittadino sardo che parla in sardo fa politica linguistica, così come la fa un sardo che parla in italiano in Sardegna.
E così come la fa chi parla le due le lingue.
Ognuno di loro manda un messaggio simbolico a chi lo ascolta o a chi lo legge, e mostra da quale parte si è schierato.
Perché nessuno sta isolato nella società, e tutti, nel loro vivere, fanno vedere cosa pensano servendosi di una lingua invece che di un’altra più di quanto possano dire le loro stesse parole.
Non so, ma non credo, che questo capiti anche in quelle società che hanno una sola lingua di riferimento con la quale costruiscono la loro identità. In una di quelle società dove la gente ha la fortuna di riconoscersi parlanti della loro lingua di riferimento, e alla quale aggiungono tutte le lingue che vogliono, per relazionarsi tra di loro e i forestieri.

La nostra mala sorte è che a noi sardi hanno insegnato, da secoli, che la nostra lingua di riferimento non è quella che avevamo da sempre, ma quella dello stato che ci governa; crescendoci, per quanto concerne la lingua, dentro un limbo dove perdiamo la nostra identità storica.

Si è arrivati a far credere ai nostri ragazzi che la lingua non è ormai anche un segno di identità, ma semplicemente un modo di relazionarsi che non ha più un significato identitario.
O ancora peggio, che la lingua italiana sia quella dell’identità sarda di oggi.
Tutto può essere in questo mondo, e in nessun posto c’è una società sbagliata o una giusta, e se fosse stato che la lingua vecchia, la lingua storica dei sardi, che per secoli ha segnato la nostra identità, fosse già morta e dimenticata, avrei potuto dire che hanno ragione a prendere quella dello stato.
Il male, o se vogliamo, il bello che sia, è che il sardo non è morto, anche se ormai viene usato da una minoranza.
Non sta neanche molto bene, che centinaia d’anni di assoggettamento dei sardi a altre lingue non sono passati invano.
L’ultimo stato al quale siamo assoggettati ci ha avviato verso un monolinguismo in italiano senza più rimedio. “È un dovere imparare l’italiano,”ci hanno detto.

Un monolinguismo che nessuno, a parole, vuole, ma che molti, in silenzio, accettano come se fossero messi davanti a un destino già scritto nel libro del futuro.
Che ci piaccia o no la lingua italiana ci identifica come italiani; è per questo il motivo per cui la quale la studiamo fin da piccoli. E sostituisce il sardo che ci identifica come sardi.
Fa politica linguistica chi non crede in un destino che non si possa combattere, così come la fa chi se ne frega e segue la sua strada; e la fa anche chi dice che essendo alfabetizzato in italiano non ha nessuna voglia di rimettersi a studiare una lingua che non userà mai.
Che l’italiano in Sardegna basta e avanza.
E che non c’è nessun bisogno di imparare anche la lingua di minoranza.
E così capita quello che si è sempre negato che potesse capitare, che bastano una o due generazioni perché una imposizione arbitraria di una lingua straniera venga accettata come naturale nel presente di un popolo sottomesso.
Che venga accettata fino al punto da diventare la sua sola lingua.
Lo sradicamento del popolo sardo dalla sua lingua storica sarebbe già concluso se non fosse capitato che pochi cittadini, anche  se ben ammaestrati dalla scuola italiana e da tutti gli apparati culturali egemoni, non l’avessero fermato.
C’è sempre qualcuno o qualcosa che si mette di traverso al potere.
C’è qualcuno che fugge, qualcuno che esonda dal solco pieno dell’acqua calma della conformità. C’è sempre qualcuno che non si arrende nemmeno al destino, quello che si vuole manifestato dalla storia.
È quel cittadino che non crede che sia la storia che fa l’uomo ma che è proprio il contrario.
E così pensa che si possa ancora ritornare indietro e si possa raccogliere le cose buttate e le si possa far rivivere. Le cose buttate nel mondezzaio delle cose sarde dove anche la lingua era stata gettata.
Non è che noi sardi abbiamo molte scelte per quanto riguarda la lingua sarda. A me pare di averne solo un paio. La prima è quella di continuare la strada dell’annichilimento del sardo continuando nel dire che tanto adesso in quella lingua non ci capiamo più tra di noi, che tutti sappiamo parlare e scrivere in italiano e ci basta. La seconda e quella di dimenticarsi tutto quello che è capitato fino ad oggi, voltare la pagina del libro del destino che ci dice che tutto è già storia per quanto riguarda la lingua, e cominciare a pensare che non è vero che non c’è più rimedio, ma che ogni cosa si può rimediare se c’è la volontà.

Se la maggioranza dei ragazzi sardi pensa che sia tempo perso l’impeciarsi nello studio di una lingua che per loro sarebbe una inutile di quella che già parlano, è solo perché quello gli hanno insegnato, prima i familiari quando erano bambini e poi la scuola.
È un insegnamento al quale si devono rivoltare adesso che sono più grandi.
Lo so che viene male rivoltarsi contro i propri genitori, ma se un destino c’è negli esseri umani, è proprio quello di ribellarsi a loro, per far uscire allo scoperto la propria personalità.
Quando i ragazzi di oggi, quelli che cominciano a far parte della società come soggetti, ci dicono: “non ce ne frega nulla del sardo, noi abbiamo già l’italiano come lingua madre,” allora dobbiamo pensare che non stanno esprimendo un sapere ben ragionato, ma stanno solo seguendo una strada sulla quale li hanno messi e che non è stata scelta da loro.
E dobbiamo insegnare loro l’altra strada.