sabato 19 gennaio 2013

Po prexeri, faimi’ unu caffè sentza de caffeina

de Efisio Loi

Apu lìgiu, in su blog cosa insoru, “Como chie semus?” de Nanni Falconi e “Sa vindita de Tziu Paddori” de Robertu Bolognesi. Si ndi boleis isciri, baxei e ligeisidhu. Seghendu a grussu, dha podeus incrutzariari aici: a parri de N.F., po su chi pertocat sa lìngua, is “intelletualis” funt sona sona e canta canta tra issus e issus e no arrennescint a intrari a mesu de sa genti po ndi dha storrari de s’italianu e po ndi dhi fari bodhiri su sardu un’atra borta. Si sighit aici, e non at a passari tempus meda, su sardu nci dh’at a acabbar’ a lìngua de is intelletualis. Ca is atrus, a su chi parit, non ndi bolint intèndiri. Balla càlliu! Dh’apu torrau, aciungendi ca po is indipendentistas puru est sa mantessi cosa:  si dha cantant e si dha sonanta sentza de arribbari a su populu ca est su chi contat.
A parri de R.B., sa farta est sa nosta, est a narri de totus. Perou si ndi podit bessiri, bastat a arribbari a su “puntu criticu”, narat  issu (baxei e ligei). Lassendu is puntus, criticus o no’ chi siant, iat a pàrriri ca eus incumentzau po imbìdia. Sa pròpriu cosa de i-cudhu chi si poniat s’arrellògiu in pitzus de su brutzonitu ca fut imbidiosu de Gianni Agnelli. Eus incumentzau a fuedhari  in italianu po imbìdia de chini si pariat mellus de nosu fuedhendudidhu. R.B. a-i custu “giogu” dh’at batiau “fui ca ti cassu”: non serbit a cicari de mi lassari acorrau in-d unu currungoni po fai su togu cun dònnia cosa noa, ca tantis dhu fatzu fintzas-e deu. Tui ti bolis fùiri? E deu ti cassu.

Balla càlliu a Robertu puru. Est pròpriu aici - "fui ca ti cassu!" - In atrus tempus, perou, donniunu sa cassixedha sua si dha faiat a giru a giru de domu e chi su lèpuri curriat tropu e su logu fut malu a dhui trastigiari, dhu lassanta finas-e a andari. Cassari su lèpuri, gei si scidi, est cosa praxili meda ma sa genti pentzada, candu dhi pariat giustu, narada: "Po cùrriri a tui non m'apu mancu a isperrumari in cussus brichilis legius". A unu certu puntu, cancunu at nau: "Totus depint cassari su lèpuri ca est deretu insoru".

E chini fut custu "cancunu"? is "intelletualis" e is fraigadoris de lèpuris. Chini apat incumentzau po primu, no isciu, ma pendu po is intelletualis, ca funt abristus meda. Chini est nàsciu po bèndiri e arricari, non s'est abarrau in pentzus e at cumentzau a prodùsiri dònnia tipu de lèpuri o a comporari innoi e a bèndiri ingudhei.
Totus boliant su mellus lèpuri e dhis pariat  ca su prus bellu fiat cument’e i-cussu chi iat cassau Fulanu. Sigumenti sa genti dh’arròscidi a cassai sempri lèpuris e feti lèpuris, anti provau a cambiari, a diferentziari su chi bendiant. Tandus at cumentzau a ndi bèssiri lèpuris de dònnia arratza e colori: lepuris lepuris, lepuris de boscu, lèpuris de ispiàgia e lepuris de ni’(ca giai si nd’agatada), lèpuris a unu, a duus e a tres bolùminis, lepuris de terra, lèpuris de mari e lepuris de xelu, lèpuris de axrola, lepurisposus e lèpuris divortziaus.
Sentza de istùdius meda fait a cumprèndiri, assumancu pagu pagu,  cumenti funtzionat s’economia: anca est sa lei de sa “domanda” e de s’ “offerta”. Si bolis una cosa abarra seguru chi cancunu, allestr’ allestru, ti dha cuncordat. Sa bella est ca, de unu paghedhu a-i custa parti, tui ancora mancu ti dhu sònnias e ita est sa cosa chi disigias e, cumenti siat chi siat, ti dh’agatas belle pronta ainnanti a is ogus. E si ti ponint s’intzillu ca dha tenit Fulanu o Fulana, sa cosa est fata: cussu “lèpuri” tocat a dhu cassari.
Po torrari a sa chistioni de sa lìngua e a su puntu criticu de Robertu, issu narat chi abbastat pagu po chi totus torreus a fuedhari su sardu: tocat a nc’impèlliri cussu puntixedhu. Iat a bastari chi unus cantu si dhui pongiant a chistionari in sardu cun chinecoi capitat e in calichisiat logu. Parit ca sa genti non siat abetendu atru, una spintixedha, e seus a postu. Deu dh’apu postu a menti, seu intrau in-d unu bar de via Roma in Casteddu e a su barista dh’apu nau, in casteddaiu , puita deu seu “poliglotta”: “Po prexeri, faimi’ unu caffè sentza  de caffeina.” E issu mi fairi: “Io già glielo faccio il caffè, ma però mi dia del lei”. Puntori! Ma, assumancus,  su sardu g’i ddu cumprendiara.
 Femu po ddi nai, “ma però non si dice” e ddi bolia spiegai chi in sardu si nci na’ de rui puita esti prus famigliari e serbit po si sciolli po no aturai inghisciaus, tipu,  po mor’e nai, “non mi tocheti che mi cagheti”. Ma mi seu citiu, asinuncas cussu, su caffè, cun strichinina mi dd’iar essi donau, sentza de caffeina ma cun strichinina. E poi, torrendinci a pentzai, ita boliat nai? M’est torrau a conca chi is baristas, a fortza de ndi biri, anchi connòscint  tot’ is trassas de is borrochianus. Non ar essi chi m’at bofiu nai: “Is intelletualis a mei mi pigant a callonis”? e non portamu ne unu libbru ne s’Espresso asuta de suercu.
Mah, ap’èssiri malu pentzadori. Su fatu ìstada ca si ti bolis pònniri s’arrellògiu a parti de foras de su brutzunitu, tocat a essiri Agnelli, e totus ti ponint infatu. Candu dhu fais tui, ti pigant a piredhus. Imprefinis, Robertu puru m’est partu dudosedhu innui nci pònniri su puntu criticu. 
(Efisio Loi)
Per favore fammi un caffè senza caffeina
Ho letto, nel loro blog, “Como chie semus?” di Nanni Falconi e “Sa vindita de tziu Paddori” di Roberto Bolognesi. Se ne volete sapere, andate e leggetevelo. Tagliando a grosso, la possiamo accorciare così: a parere di N.F., per quanto riguarda la lingua, gli intellettuali sono suona suona e canta canta fra loro e loro e non riescono a entrare in mezzo alla gente per distoglierla dall’Italiano e per fargliene raccogliere il Sardo un’altra volta. Se seguita così, e non passerà molto tempo, il Sardo ce la finirà a lingua degli intellettuali. Perché gli altri, a quel che sembra, non ne vogliono sentire. “Balla càlliu!" (intraducibile, ‘pallottola bello’. Potrebbe essere, “Bravissimo o benissimo”) gli ho risposto, aggiungendo che pure per gli indipendentisti è la stessa cosa: se la cantano e se la suonano senza arrivare al popolo che è ciò che conta.
A parere di R.B., la colpa è la nostra, si direbbe di tutti. Però se ne può uscire, basta arrivare al “punto critico”, dice lui (andate e leggete). Lasciando i punti, critici o no che siano, sembrerebbe che abbiamo cominciato per invidia. La stessa cosa di quello che si metteva l’orologio sopra il polsino perché era invidioso di Gianni Agnelli. Abbiamo cominciato a parlare in Italiano per invidia di chi ci sembrava meglio di noi parlandolo. R.B. a questo “gioco” l’ha battezzato “fuggi che ti acchiappo”: non serve a cercare di lasciarmi rinchiuso in un angolo per fare il togo con ogni cosa nuova, perché tanto lo faccio anche io. Tu ti vuoi fuggire? E io ti acchiappo!
“Balla càlliu” anche a Roberto. È proprio così – “fuggi che ti acchiappo” – In altri tempi, però, ciascuno la sua piccola caccia se la faceva attorno alla sua casa e se la lepre correva troppo e il posto era molto accidentato, la lasciava anche andare. Prendere la lepre, già si sa, è cosa molto piacevole ma la gente avvertita, quando gli sembrava giusto, diceva: “Per correre a te non mi dovrò neanche sfracellare in quelle pietraie brutte”.
A un certo punto, qualcuno ha detto: “Tutti devono acchiappare la lepre che è loro diritto”. E chi era questo “qualcuno”?  gli intellettuali e i fabbricanti di lepri. Chi abbia incominciato per primo, non so, ma propendo per gli intellettuali, perché sono molto svegli. Chi è nato per vendere e arricchire, non è rimasto a pensare molto e ha cominciato a produrre ogni tipo di lepre o a comprare qui e a vendere lì.
Tutti volevano la lepre migliore e gli sembrava che la più bella era come quella che aveva acchiappato il Tale. Siccome la gente si stufa a prendere sempre lepri e solo lepri, hanno provato a cambiare, a differenziare il prodotto. Allora hanno iniziato a uscire lepri di ogni genere e colore: lepri lepri, lepri di bosco, lepri da spiaggia, lepri delle nevi (che già ce n’erano), lepri a uno, a due e tre volumi, lepri di terra, di mare e di cielo, lepri di aia (pavoncelle), lepri sposi (ciclamini) e divorziati.
Senza di tanti studi fa a capire, almeno poco poco, come funziona l’economia: dice che è la legge della domanda e dell’offerta. Se vuoi una cosa stai sicuro che qualcuno, in fretta in fretta, te la prepara. Il bello è che, da un pochino in qua, tu ancora neanche te lo sogni cosa è che desideri e, comunque, te la trovi bella e pronta davanti agli occhi. E se ti mettono il pepe in culo che ce l’ha il Tale o la Tale, la cosa è fatta: quella “lepre” bisogna prenderla.
Per tornare alla questione della lingua e al punto critico di Roberto, lui dice che basta poco e tutti torniamo a parlare il Sardo: bisogna solo spingere quel punticino. Basterebbe che qualcuno si  metta a parlare in sardo con chiunque capiti e in qualsiasi posto. Io gli ho ubbidito, sono entrato in un bar di via Roma a Cagliari e al barista gli ho detto, in cagliaritano, ché sono poliglotta: “Per favore fammi un caffè senza caffeina”. E lui mi fa: “Io già glielo faccio il caffè, ma però mi dia del lei”.  Infarto (ma vuol dire anche altro: “levati dalla corrente che ti viene il puntore”)! Ma, almeno, il sardo già lo capiva.
Stavo per dirgli, “ma però non si dice” e gli volevo spiegare che in sardo ci si dà del tu perché è più famigliare e serve per sciogliersi, per non rimanere ingessati, per modo di dire: “Non mi tocchetti che mi caghetti”. Ma mi sono rimasto zito, altrimenti, quello, il caffè, con stricnina me l’avrebbe dato, senza caffeina ma con stricnina. Ripensandoci, che cosa mi voleva dire? Mi è venuto in mente che i baristi, per vederne tanti, conoscono anche i pensieri più nascosti dei loro clienti. Che volesse dirmi: “A me, gli intellettuali, mi stanno sulle palle”? e non avevo ne un libro ne l’Espresso sottobraccio.
Mah, sarò un malpensante. Il fatto sta che se ti vuoi mettere l’orologio sopra il polsino, bisogna essere Agnelli, e tutti ti vengono dietro. Quando lo fai tu, ti prendono a pernacchie. In fin dei conti, anche Roberto mi è sembrato in dubbio su come sistemare il “punto critico”.       
(Efisio Loi)