mercoledì 13 febbraio 2013

Dalla I lettera di Grima Vermilinguo ai Sassaresi

Pubblichiamo stralci della missiva che un medico di Roma ha inviato al magnifico rettore dell´ateneo Sassarese,  il prof. Attilio Mastino, per cercare di bloccare il seminario in programma il 9 febbraio scorso. Il nome non viene reso qui noto, chiamiamolo per il momento Grima Vermilinguo. 

di Grima Vermilinguo

"[...] Recentemente ho avuto modo di difendere il Professor Pittau nel (piuttosto indegno) blog archeoastronomico "Archeologia Nuragica" di Mauro Peppino Zedda dalle furie di quella groupie assatanata (una vera erinni!) che è la fisica Aba Losi, depositaria, secondo lei stessa, dell'unica verità e soprattutto del Vero Metodo Scientifico. E' la principale rappresentante di un'Armata Brancaleone veramente anticulturale che opera ormai liberamente in Sardegna. Ora pubblicizza quel pensiero malato e antiscientifico che il defunto giornalista in pensione Gianfranco Pintore aveva raccolto sotto la propria egida [...] Comincio a pensare che non si fermerà se non davanti alla squalifica accademica ufficiale e definitiva del proprio idolo Gigi Sanna, il professore di liceo pensionato, teorico e visionario della "Scrittura Nuragica".

A questo punto avrei due domande.

1. Da chi é caldamente raccomandata questa Maria Rita Piras (Neurologa in forza all´ateneo di Sassari, della cui abilitá clinica non mi permetto di dubitare a priori che straparla di facezie mastodontiche [..]?

2. Da chi é mai rappresentata la Societá archeologica Sassarese che sponsorizza ed avvalla una goliardata di questa entitá (presumo che -essendo archeologi -tali rappresentanti dovrebbero avere idee piuttosto precise in merito alla possibile (?) esistenza di segni grafici Nuragici). 

Ma la domanda vera é quella che pone "Ainis" nel suo blog "Archeologgia Nuraggica": come si possono spendere soldi pubblici, strutture pubbliche e personale pubblico (un´aula dell´Universitá di Sassari, locandine, materiale etc.) per favorire teorie di questa armata Brancaleone, questa distorta e strumentale interpretazione di reperti, alcuni dei quali provatamente artefatti a scopo di truffa [..]?

[..]iniziativa sincrona con gli archeologi veri, volta alla squalifica definitiva di questi soggetti, in modo categorico e su basi scientifiche, dando quanto piú rilievo mediatico possibile alla cosa.

[..] Molte persone semplici e non preparate credono a queste cose perché sono presentate in forma favolistica e piacevole - e si sa - le favole piacciono a tutti..La forma é quella che giunge piú gradita un pó a tutti i sardi: ai sardi che semplicemente amano la propria terra, a quelli che sentono il bisogno di aumentare la propria autostima, agli indipendentisti, sardisti e a nazionalisti che desiderano dimostrare che - non essendoci un gran bel presente sardo - almeno ci sia stato un grandissimo passato [..]