lunedì 25 febbraio 2013

Siamo tutti prigionieri?

Seus totus presoneris?

de Francu Pilloni
Finzas troppu facili, me is tempus chi seus, a nai chi s’hanti fattu totus presoneris a mesu de una propaganda elettorali chi currit in groppas a su bentu. Chini no s’est sapìu de is cartellonis abbarraus libertus de is manifestus? Is partidus hanti decidiu de lassai is spazius buidus po no trumbullai su regordu chi de issus heus a teni, una borta passau su sciaccu o su miraculu?
Lassaimì pensai chi siat unu risparmiu: una borta presentau su nomini de sa lista, a ita serbit totu s’ateru candu no pozzu sceberai manc’unu de is candidaus?
Nisciunus, mi parrit, hat decrarau comenti pensat de fai po indi bessiri de sa bia strinta chi si mandat a poni infatu a is urgenzas de custu Stadu, siat a nai a cosiri unu zappulu innoi o inguddeni, a firmai cun su didu su spironciu sempri prus frequenti de sa diga Italia, giustu po no fulliai a su muntronaxu cantu de bonu heus cungiau in annus de sacrifiziu.
A s’acabbu, tenendusì bascius, s’est biu chi su prus esplicitu est stetiu su prus brullanu: “a foras totus!” hat zerriau e heus cumprendiu ita bolit nai. E appustis?
E is aturus, totus is aturus, it’hanti nau? “Votai po nosu!”, hiat a andai beni puru, ma … e appustis?

No est de custa presonìa, a nai su beru, chi bolia chistionai, datu chi, lassai passai duas cidas, e s’heus a essi scarescius de totu.
M’hiat a praxi, a su contrariu, a sighiri su raxonamentu in un’andala laterali a sa politica, chi est cussa esistenziali. E po mi fai a cumprendi chene dudas, pigu a modellu unu conoscenti de trint’annus fait, de su tempus anca su “Bentu sardista” sulàt prus de su bentuestu. Seu fueddendu de Salvatori Meloni (Ddoddori po is parentis e is amigus strintus), Presidenti fundadori de s Repubbrica de Maluentu, candidau a Presidenti de su Cunsillu de is Ministrus de sa Repubbrica italiana cun sa lista “Meris in domu nosta”. Scriu “domu” e no “dommo” poita Ddoddori hat a essi puru unu politicu de valori e un’imprendidori chi hat fattu dinari, ma no est certamenti unu studiosu de lingua sarda. Impari cun issu e a Oresti Pili de Cabuderra, a aturus chi no serbit a nai, hiaus pensau su manifestu contras a sa “continuidadi territoriali”, in cussus momentus sa “rivendicazioni” a s’ordine de sa dì, passau in cincu linguas cun sa pregonta manna: MA SU MARI DIVIDIT O PONIT IMPARI? Totu su Campidanu ind’hiaus prenu, no ddoi hiat palu de luxi o de filobus chi no ind’hessit portau unu attaccau.
Si de Roma rispundint chi DIVIDIT, - aici hiaus arrexonau - heus a cumprendi is raxonis insoru, ddas respettaus, prazzeus su padriedu e donniunu po cpntu suu. E custu fut indipendentismu: una chistioni crara, chi totus fuant in gradu de cumprendi, ma pirigulosa meda, a parri de calincunu ch’hiat cumenzau a ddu zerriai separatismu. Alloddu chi, de insaras, aici comente est bessiu a pillu hoi in su sequestru de Ddoddori, arribbat s’ora de is “Castiadoris de sa Nazioni”, de cussa italiana naturalmenti, mancai no siat mai esistida, e no de sa nazioni sarda, chi esistit ma nemus carculat.
Fut s’anima de longa vida de su senadori De Mita chi si fut postu a spiegai a su Senau ita tipu de pirigulu fuat currendu s’Italia, si ddu regordais?
Si “indipendenzia” est fueddu de bonus sentidus (chini s’est scaresciu de is 4 groriosas gherras de indipendenzia?), “separatismu” est fueddu malu, feu in is implicazionis chi tenit, parenti strintu de sa politica bombadora de is Bascus, de su terrorismu de s’IRA e, comenti chi no essit bastanti, fillora de s’anima de tialu chi est stetiu su colonellu Gheddafi in cussus annus.
E alloddu a propositu su F.I.S., Fronti Indipendentista Sardu, nasciu in Libia e allattau de su Tialu: sa tessera totu rosigada si dd’ammostàt “il soldato Lussu”, in domu nosta etotu e no una borta vetti, is sa sezioni de su Partidu sardu de Selargius, finzas a candu una dì dd’hia arrosciu e dd’hia ammostau sa genna po inci bessiri (insaras fui commissariu). E no si fut limitau a Selargius “il soldato Lussu”, ca fut andau in sezionis medas po recuperai genti a s’idea de su F.I.S., reclutendi giovunus chi prestus hiant pigau is gradus de colonellu e de generali in sa gherra po finta me is montis de Burcéi, a parti issu chi fut abbarrau sordadeddu simplici portaordinis hiaus a nai de unu cumandanti a s’ateru, comenti hiat postu a verbali, scoviendu totu su chi hiat biu e hiant fattu.
Nisciunu contradditoriu intre is imputaus a su processu, giai chi su sordau Lussu, parriat chi s’essit fuiu, forzis in Libia anca biviat su Dimoniu doidori, a apporri fascinas de murdegu po su fogu de s’odiu.
In is propius annu, una sennora tedesca de bellus modus m’hiat pediu s’aggiudu a dd’ammostai comenti presentai una lista de babbus e mammas a is elezionis scolasticas. Sa femina teniat tres o quattru fillus chi de sangunau faint Lussu: “E comenti si dda passat, sennora, sa familia est mamma e su maridu latitanti?”; “Latitanti? Maridu miu est traballendu in Germania”. Mi fui citiu, no sciendu si intre Italia e Germania ddoi siant pattus po estradai sa genti po dda presentai in tribunali. Su fattu stait chi “il soldato Lussu” fut dichiarau irreperibili, mentris Oresti Pili, reu de su misfattu de pensai liberamenti, s’hiat fattu mesis e annus de presoni. Ddoddori, a su cali dd’hiant carrigau sa bombixedda a sa billetteria de sa Tirrenia puru, de presoni ind’hiat pappau de prus ancora.
E is Castiadoris de sa Nazioni? Fait a crei chi s’hapant buscau totus calincuna cosa, avanzamentus de carriera o aturu. Ma ita inc’intrat custa pobera cronica passada cun cantu bolia nai?
Custu vetti: mi parri chi Ddoddori siat diventau presoneri de issu etotu, presoneris de is bideas suas. Est beru chi una cosa aici ddi nant coerenzia e sa storia s’ind’ammostat de ominis e feminas chi po un’idea funti bivius e a bortas mortus puru: Mazzini e totus cuddus a is calis heus intitulau una strada o una prazza in bidda. E funt aici tantis chi me is biddas piticas, no abbastant is bias po cuntentai a totus.
Immui chi seu arribbau, ddu cunfessu: ita cumbengiat a Ddoddori no toccat a mimi a ddu nai. No seu cumpetenti  e no curru s’arriscu.
Ddi pozzu però fai un’auguriu chi, creu, siat sa cosa mellus chi pozza accuntessi a sa Sardigna intrea?
Ch’is nebodis conosciant una bia de logu insoru intitulada a “Ddoddori Meloni, indipendentista”.



SIAMO TUTTI PRIGIONIERI?

È facile, di questi tempi, asserire che siamo tutti prigionieri di una propaganda elettorale giocata sulle ali del vento. Chi non si è accorto come gli spazi per i manifesti sono rimasti in gran parte inutilizzati? I partiti hanno deciso di lasciare tanti spazi vuoti per non turbare la futura memoria, dopo che il disastro o il miracolo sarà compiuto?

Del resto, lasciate che io pensi che sia giusto così: dopo aver presentato il nome della lista, a che serve tutto il resto, quando sono impedito ad esprimere la mia preferenza per uno qualsiasi dei candidati? 
Nessuno mi pare che abbia indicato il modo con cui agirà per uscire dalla via stretta che ci porta ad inseguire le urgenze del Paese, vale a dire a mettere una toppa qua e là, ad infilare il dito in ogni nuovo buco che si vada scoprendo nella diga Italia, giusto nel tentativo esasperato di non disperdere quanto di buono abbiamo ammucchiato in anni di lavoro.
Alla fine, stando sul concreto, il più esplicito è stato il più comico: ha gridato un “fuori tutti!” e abbiamo ben capito a cosa si riferisce. Ma dopo?

E gli altri, tutti gli altri, cos’hanno detto? “Votate per noi!”, va anche bene, ma … e dopo?
Non di questo tipo di prigionia volevo però parlare, dato che fra qualche settimana ci saremo lasciato tutto dietro.
Vorrei invece portare l’attenzione su un percorso laterale a quello politico, che è quello esistenziale. E per meglio farmi comprendere, ergo a modello un conoscente di una trentina d’anni fa, del tempo in cui il “Vento sardista” soffiava più forte del maestrale. Sto parlando di Salvatore Meloni (Ddoddori per i parenti e gli amici più stretti), Presidente e fondatore della Repubblica di Maluentu, candidato a Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana con la lista “Meris in domu nosta”. Scrivo “domu” e no “dommo” perché Ddoddori sarà pure un buon politico ed un imprenditore di successo, ma non è certo uno studioso di lingua sarda. Insieme a lui e a Oreste Pili di Capoterra, e a molti altri che non serve nominare, dentro la sezione dei 4 Mori di Selargius ideammo il manifesto contro la “continuità territoriale”, in quel tempo “la rivendicazione” all’ordine del giorno, vergato in cinque diverse lingue, con la fatidica domanda: MA IL MARE DIVIDE O UNISCE? Ne riempimmo tutto il Campidano, non c’era palo della luce o del filobus che non ne avesse almeno uno appiccicato. 
Se a Roma risponderanno che DIVIDE, desumevamo, bene, ne prenderemo atto, divideremo i beni comuni e ognuno per suo conto. E questo era indipendentismo: un ragionamento chiaro, agevole da capire per tutti, ma estremamente pericoloso a giudizio di qualcuno che cominciò a chiamarlo separatismo. Ecco che allora, così come ora si è vociferato per il recente sequestro di Ddoddori, fu il momento dei “Guardiani della Nazione”, di quella italiana naturalmente, anche se non esiste, non certamente della nazione sarda che esiste, ma nessuno la prende in considerazione.
Fu l’anima di lunga vita del senatore De Mita che spiegò al Senato quale tipo di pericolo si corresse, lo ricordate?
Se “indipendenza” è parola piena di buoni significati (chi ha dimenticato le 4 gloriose guerre d’indipendenza?), “separatismo” è parolaccia, orribile nelle sue implicazioni, parente stretta del separatismo sanguinoso dei Baschi, dei terroristi dell’IRA e, se non bastasse, dei soldi maledetti di quell’anima diabolica che fu il colonello Gheddafi degli anni ’80.
Eccolo allora il F.I.S., Fronte indipendentista sardo, nato in Libia e finanziato dal Demonio: la sua tessera usurata ce la mostrava “il soldato Lussu”, a domicilio e ripetutamente nella sezione di Selargius, cercando adepti fra i sardisti, finché un giorno gli mostrai la porta per uscire (allora era commissario). E non si limitò alla nostra sezione “il soldato Lussu”, perché ne visitò tante altre e riuscì a convincere colonelli e generali che presero a praticare manovre di guerra sui monti di Burcei, dove tutti si conquistarono i gradi, a parte lo stesso Lussu. Questo e altro ancora venne fuori dalla lettura dei verbali di interrogatorio, così mi pare di ricordare, dove “il soldato Lussu” ammise la sua criminale appartenenza al F.I.S. e confessò tutto quanto era in grado di raccontare, mettendo nei guai i suoi colonelli e i suoi generali. Non ci fu contradditorio fra gli imputati perché “il soldato Lussu” al processo non si presentò e fu dichiarato irreperibile: chissà, si disse, forse era scappato in Libia dal suo Diavolo protettore, a porgergli bracciate di cisto per incrementare il fuoco eterno dell’odio.
Si tennero, in quegli anni, le elezioni scolastiche e mi si presentò per chiedere aiuto nell’esplicare le procedure atte a presentare una lista di genitori, un’affabile signora tedesca, madre di tanti figli a cognome Lussu. Le chiesi come facesse a tirare avanti con la famiglia, visto che il marito, cioè “il soldato Lussu” era latitante: ma che latitante! – mi rispose – mio marito lavora in Germania, ecc. ecc. Se lo diceva lei, pensai senza andare oltre, non essendo a conoscenza di un qualche accordo di estradizione italo-tedesco.
E i Guardiani della Nazione? Suppongo che abbiano rimediato tutti quanti una promozione, per un lavoro così pulito ed efficace, mentre Oreste Pili, senza che avesse commesso un reato che non fosse di libero pensiero, assaporò mesi o anni di prigione. E Ddoddori? Lo riconobbero responsabile di una bombetta alla biglietteria della Tirrenia, oltre a tutto l’altro, così che di prigione se ne vide assegnare ancora di più.
Cosa c’entra questa cronaca vecchia con quanto volevo dire?
Ecco, mi pare che Ddoddori sia diventato prigioniero di se stesso, delle sue idee. È vero che tutto questo si chiama coerenza e guardate che la storia ci fa menzione di idee come questa per le quali qualcuno è vissuto e, a volte, persino morto: Mazzini, e tutti quelli ai quali è stata dedicata una via o una piazza nelle città. Sono così tanti che nei piccoli paesi non bastano le vie per accontentarli tutti.
Sono giunto al termine e confesso: cosa convenga a Ddoddori non sarò io a dirlo. Non ho le competenze e non m’arrischierei a tanto.
Posso però fargli un augurio, che è il migliore auspicio per la Sardegna intera?
Che i nipoti conoscano una strada nel loro paese dedicata a “Ddoddori Meloni, indipendentista”.