lunedì 11 febbraio 2013

Una perda non fait a si ndi dimìtiri de unu fràbicu

de Efisio Loi

“Tui ses Pedru” e una perda non fait a si ndi dimìtiri de unu fràbicu, totu chi siat perda de contonada.
“Tu es Petrus” e una pietra non si può dimettere da una costruzione, massime quando è testata d’angolo.

Fuat sussèdiu prus de otuxentus annus a oi, un aborta e bona, candu su de cìncui Celestinus iat fatu po vilesa s’arrefudu prus mannu.
Successe più di ottocento anni fa, la prima e l’unica volta, quando Celestino V° fece “per viltade il gran rifiuto”.


Custu no’ dha fatu po vilesa, custu est tedescu. Is tedescus non faint nudha sentza de dhu’ ari pentzamentu a frimu. S’idea, dha portàt in conca giai prima de dhu fari a Papa.
Questo non l’ha fatto per viltà, questo è tedesco. I tedeschi nulla fanno, senza averci pensato ben bene. L’idea l’aveva già in testa ancora prima di essere eletto Papa.

Deu no isciu puita dh’apat fatu. Mi parit, perou, ca feti Bersani, fintzas a immoi, si dhu’est acostiau a-i cussa idea, frotzis ca dhi parit potzat torrari cun s’interessu de sa parti sua. Segundu issu est unu sinnali de innui non fait a ndi torrari asegus.
Non so perché l’abbia fatto. Ho la sensazione, comunque, che il solo Bersani, fino ad ora, abbia fatto un passo in direzione di quell’idea, forse perché ha l’impressione che si raccordi con l’interesse della sua parte. A suo modo di vedere si tratterebbe di un “segno” da cui non sarà possibile fare retromarcia.

Curiosu, a Bersani totus is “rotamatzionis”dh’ andant beni, bastat a no’ dhas fari in domu sua.
Curioso, a Bersani tutte le rottamazioni vanno bene, basta non farle in casa sua.

Torru a nàrriri, deu cumprendu pagu meda. Feti pitzi pitzi, su chi mi lassat atrudiu est candu pòngiu faci a faci sa bessida de custus urtimus dusu: “Non timais”, naraiat cudhu; “Timu de non nci dha fari”, at nau cust’atru.  
Ripeto, poco o niente capisco. Come un tremolio di pelle, ciò che mi lascia malinconico è il confronto dell’addio di questi ultimi due: “Non abbiate paura”, diceva quello; “Temo di non farcela”, ha detto questo.  

Ma chini seu deu? Imprefinis, su Spiridu tirat conca anca bolit e sa chi parit trota dh’eus a biri piana.
Ma chi sono io? In fin dei conti, lo Spirito soffia in direzioni impensate e ciò che sembra storto, si svelerà piano.