mercoledì 17 aprile 2013

I documenti "ufficiali" della Sardegna arcaica (4 di 4)

di Atropa Belladonna

Vd. parte 1parte 2, parte 3.  Questa  sezione  è forse la più difficile e discutibile di tutte, ad iniziare dal logo che ho scelto: un vaso, purtroppo frammentario, dove sono incisi due pugnaletti ad ansa gammata -vera e propria icona del mondo nuragico- con la tecnica a puntinato. Immediatamente sopra due bitorzoli in rilievo. Poichè Lilliu ha definito ideogrammi i pugnaletti incisi sul doppiere in bronzo (nr.2), e nessuno mai lo ha smentito, ho ritenuto lecito considerare il pugnaletto un segno ideografico in generale. La domanda in questa sezione è: dove e quando ci fermiamo? la risposta che non mi sono data (mi sono fermata per esaurimento), risulta in una sequenza documentaria eterogenea, dove coabitano, ad esempio, puntini incisi sui presunti pesi da bilancia di Santu Brai e quelli sul doppio betilo dal tempio di Santa Vittoria di Serri. Dove coabitano segni che gli archeologi classificano come ideogrammi, come segni metrici o semplicemente come simboli. Le novità più belle? per me il nr. 39. Mancano le statue stele, che ancora sono di incerta collocazione cronologica. Abbiamo speranza di scrivere, nel prossimo futuro, un post apposito. Per la legenda vd. la sezione I

IV. Segni ideografici e pittografici/linee/punti/altro

1. Frammento di brocca askoide dal nuraghe Piscu di Suelli con due pugnaletti incisi a puntinato sotto due bozze mammillari; Santoni, Vincenzo and Sabatini, Donatella (2010) Gonnesa, Nuraghe Serucci. IX Campagna di scavo 2007/2008. Relazione e analisi preliminare. FOLD&R, 198 (198). pp. 1-53
N.D.R: Moravetti riferisce di altre due testimonianze di pugnaletti su supporti fittili (Moravetti A. 1986 (1990), Nota preliminare agli scavi del nuraghe S. Barbara di Macomer, NBAS 3, pp. 49-113, note 140, 141)1. pugnaletto in rilievo su un'ansa a gomito rovescio, nuraghe Genna maria di Villanovaforru (V.Santoni, 1987: Le stazioni nuragiche all’aperto nell’entroterra del golfo di Cagliari, in “F.CLEMENTE, Cultura del paesaggio e metodi del territorio”, Janus, pp. 63 – 88.); 2.  pugnaletto in rilievo orizzontale, dal villaggio nuragico di S. Barbara di Bauladu (L. Gallin-S. Sebis, 1989: Bauladu (Oristano). Villaggio nuragico di S. Barbara, NBAS, 2/1985, Sassari, 1989, pp. 271-275.)


2. Doppiere nuragico in bronzo da Santa Maria di Tergu (?) con segni ideografici (corniformi ed a pugnaletto ad elsa gammata), Museo Nazionale di Cagliari
a. G. Lilliu, 2008, D'un candelabro paleosardo del Museo di Cagliari, In: Sardegna e Mediterraneo negli scritti di Giovanni Lilliu : vol. 2, A cura di: Moravetti Alberto, pp., 487-519 (estratto da Studi Sardi, 1948) Carlo Delfino ed.; 
b. Fulvia lo Schiavo, Tergu: due torrette nuragiche su un "doppiere" bronzeo. In: Simbolo di un simbolo. I modelli di nuraghe, A cura di Franco Campus e Valentina Leonelli, Monteriggioni pub., 2012 . (Lo Schiavo ipotizza che il "doppiere" simbolizzi un trattato di pace tra due fazioni nuragiche, e che i pugnaletti rappresentino personaggi maschili, capi nuragici stilizzati)
3. Faretrina in bronzo con pugnali in rilievo, collezione E. Pischedda Sinis di Cabras
L. Deriu, Le "faretrine" nuragiche. Contributo allo studio delle rotte fra
Sardegna ed Etruria, Etruria, in A. Mastino, P. G. Spanu, R. Zucca (a cura di), Tharros Felix/3I. Naves plenis velis euntes, Roma 2009, pp. 136-177 (Nr. 12)
(N.D.R. Si rimanda all' articolo di Deriu per le rimanenti faretrine ed al libro di Gigi Sanna per una sua ipotesi sul valore epigrafico di esse, Gigi Sanna, Sardōa Grammata. 'ag 'ab sa'ab Yhwh il dio unico del popolo nuragico, S'Alvure Oristano 2004;)


4. Faretrina in bronzo con un pugnaletto e tre spilloni  in rilievo, Tharros, necropoli meridionale (?).
L. Deriu, Le "faretrine" nuragiche. Contributo allo studio delle rotte fra
Sardegna ed Etruria, Etruria, in A. Mastino, P. G. Spanu, R. Zucca (a cura di), Tharros Felix/3I. Naves plenis velis euntes, Roma 2009, pp. 136-177 (Nr. 8) 
(N.D.R. Si rimanda all' articolo di Deriu per le rimanenti faretrine ed al libro di Gigi Sanna per una sua ipotesi sul valore epigrafico di esse, Gigi Sanna, Sardōa Grammata. 'ag 'ab sa'ab Yhwh il dio unico del popolo nuragico, S'Alvure Oristano 2004;)

5. Modellino di nuraghe  in pasta vitrea da grotta presso il rio Flumineddu
Sin. D. Pulacchini, Il museo archeologico di Dorgali, Delfino ed., 1998; 
Centro e dx: Franco Campus, Dorgali: una raffigurazione di nuraghe su un vago in pasta vitrea  da Rio Flumini, In: Simbolo di un simbolo. I modelli di nuraghe, A cura di Franco Campus e Valentina Leonelli, Monteriggioni pub., 2012 
N.B. le tacche sono 4 (e non tre come credevo in precedenza) e ve ne sono anche sotto, come si vede dal disegno di Campus

6. Faretrina in bronzo con pugnale e tre spilloni in rilievo, collezione Castagnino
Tharros, necropoli meridionale
L. Deriu, Le "faretrine" nuragiche. Contributo allo studio delle rotte fra
Sardegna ed Etruria, Etruria, in A. Mastino, P. G. Spanu, R. Zucca (a cura di), Tharros Felix/3I. Naves plenis velis euntes, Roma 2009, pp. 136-177 (Nr. 7)
(N.D.R. Si rimanda all' articolo di Deriu per le rimanenti faretrine ed al libro di Gigi Sanna per una sua ipotesi sul valore epigrafico di esse, Gigi Sanna, Sardōa Grammata. 'ag 'ab sa'ab Yhwh il dio unico del popolo nuragico, S'Alvure Oristano 2004;)


7. Complesso nuragico di S. Anastasia - Sardara (CA). Lingotto di piombo di forma ellittica con 31 segmentini 
a. Parole di segni. L'alba della scrittura in Sardegna, di Marco Minoja, Consuelo Cossu, Michela Migaleddu. Con interventi di Paolo Bernardini e Giuseppe Garbati,  2012, Carlo Delfino ed.; b. P. Bernardini, 2011, Elementi di scrittura nella Sardegna protostorica, In: L'epigrafe di Marcus Arrecinus Helius: esegesi di un reperto i plurali di una singolare iscrizione, Atti della giornata di Studi (Senorbì, 23.04.2010), a cura di Antonio Forci, Ortacesus: Sandhi; c. N. Ialongo, 2011, Il santuario nuragico di Monte S. Antonio di Siligo (SS). Studio analitico dei complessi cultuali della Sardegna proto-storica. Tesi di dottorato in Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche, Università La Sapienza, Roma


8. Complesso nuragico di S. Anastasia - Sardara (CA). Lingotto di piombo di forma ellittica con 26 segmentini 
a. Parole di segni. L'alba della scrittura in Sardegna, di Marco Minoja, Consuelo Cossu, Michela Migaleddu. Con interventi di Paolo Bernardini e Giuseppe Garbati,  2012, Carlo Delfino ed.; b. P. Bernardini, 2011, Elementi di scrittura nella Sardegna protostorica, In: L'epigrafe di Marcus Arrecinus Helius: esegesi di un reperto i plurali di una singolare iscrizione, Atti della giornata di Studi (Senorbì, 23.04.2010), a cura di Antonio Forci, Ortacesus: Sandhi; c. N. Ialongo, 2011, Il santuario nuragico di Monte S. Antonio di Siligo (SS). Studio analitico dei complessi cultuali della Sardegna proto-storica. Tesi di dottorato in Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche, Università La Sapienza, Roma
9. Santu Brai, Furtei. Probabile peso nuragico da bilancia in steatite (26.8 g)
N. Ialongo, 2011, Il santuario nuragico di Monte S. Antonio di Siligo (SS). Studio analitico dei complessi cultuali della Sardegna proto-storica. Tesi di dottorato in Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche, Università La Sapienza, Roma

10. Santu Brai, Furtei. Probabile peso nuragico da bilancia in steatite (25.17 g)
N. Ialongo, 2011, Il santuario nuragico di Monte S. Antonio di Siligo (SS). Studio analitico dei complessi cultuali della Sardegna proto-storica. Tesi di dottorato in Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche, Università La Sapienza, Roma


11. Forraxi Nioi, Nuragus Probabile peso nuragico da bilancia in steatite (23.87 g)
N. Ialongo, 2011, Il santuario nuragico di Monte S. Antonio di Siligo (SS). Studio analitico dei complessi cultuali della Sardegna proto-storica. Tesi di dottorato in Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche, Università La Sapienza, Roma
 12. Bipenne miniaturistica nuragica, in piombo, Marina di Arbus. Museo di Sardara


13. Concio di coronamento, in trachite, del nuraghe Nurdole di Orani Museo Archeologico  di Nuoro
M.A. Fadda, Nurdole- Orani-Un tempio nuragico in Barbagia, punto d’incontro di grandi civiltà. Rivista di Studi Fenici – Vol. XIX, 1- 1991 
G. Sanna. L'emblema del Museo archeologico di Nuoro. Decorato? No, scritto (III), http://gianfrancopintore.blogspot.it/ 17.05.2011

14. Concio di coronamento, in trachite, del nuraghe Nurdole di Orani Museo Archeologico  di Nuoro
M.A. Fadda, Nurdole- Orani-Un tempio nuragico in Barbagia, punto d’incontro di grandi civiltà. Rivista di Studi Fenici – Vol. XIX, 1- 1991 
G. Sanna,   Nurdole di Orani. Decorazioni? No, scrittura potente (II), http://gianfrancopintore.blogspot.it/ 12.04.2011; 


15. Concio di coronamento, in trachite, del nuraghe Nurdole di Orani Museo Archeologico  di Nuoro
M.A. Fadda, Nurdole- Orani-Un tempio nuragico in Barbagia, punto d’incontro di grandi civiltà. Rivista di Studi Fenici – Vol. XIX, 1- 1991 


16. Concio di coronamento, in trachite, del nuraghe Nurdole di Orani Museo Archeologico  di Nuoro
M.A. Fadda, Nurdole- Orani-Un tempio nuragico in Barbagia, punto d’incontro di grandi civiltà. Rivista di Studi Fenici – Vol. XIX, 1- 1991 


17. Concio di coronamento, in trachite, del nuraghe Nurdole di Orani Museo Archeologico  di Nuoro
M.A. Fadda, Nurdole- Orani-Un tempio nuragico in Barbagia, punto d’incontro di grandi civiltà. Rivista di Studi Fenici – Vol. XIX, 1- 1991 

18. Pietra incisa presso tomba di  giganti, 300 metri dal nuraghe Creminalana di S- Giovanni Suergiu, Sulcis.
A. Taramelli, 1906, Incisioni sopra monumenti preistorici nel Sulcis, In: Sardegna archeologica, reprints, Scavi e Scoperte 1903- 1910, a cura di A. Moravetti, 1982, Delfino ed. ,  pp. 185-189

19. Pietra incisa presso tomba di  giganti, 300 metri dal nuraghe Creminalana di S- Giovanni Suergiu, Sulcis.
A. Taramelli, 1906, Incisioni sopra monumenti preistorici nel Sulcis, In: Sardegna archeologica, reprints, Scavi e Scoperte 1903- 1910, a cura di A. Moravetti, 1982, Delfino ed. ,  pp. 185-189

20. Museo archeologico di Dorgali, reperti nuragici di varia provenienza


21. Pintadera da Villanovaforru, villaggio nuragico di Genna Maria
Deriu, L. & Sebis, S. Le pintaderas della Prima Età del Ferro in Sardegna, in Mastino, Attilio; Spanu, Pier Giorgio Ignazio; Usai, Alessandro; Zucca, Raimondo a cura di (2011) Tharros Felix 4. Roma, Carocci editore, pp. 397-419 (nr. 22)
(N.D.R.: per le rimanenti pintaderas nuragica si rimanda all' articolo di Deriu e Sebis)
22. Pintadera da Villanovaforru, villaggio nuragico di Genna Maria 
Deriu, L. & Sebis, S. Le pintaderas della Prima Età del Ferro in Sardegna, in Mastino, Attilio; Spanu, Pier Giorgio Ignazio; Usai, Alessandro; Zucca, Raimondo a cura di (2011) Tharros Felix 4. Roma, Carocci editore, pp. 397-419 (nr. 21)
(N.D.R.: per le rimanenti pintaderas nuragica si rimanda all' articolo di Deriu e Sebis)

23. Pintadera da Nuraxinieddu, Su Cungiau ’e Funtà (nr. 40) (si veda anche il nr...della sezione 4)
Deriu, L. & Sebis, S. Le pintaderas della Prima Età del Ferro in Sardegna, in Mastino, Attilio; Spanu, Pier Giorgio Ignazio; Usai, Alessandro; Zucca, Raimondo a cura di (2011) Tharros Felix 4. Roma, Carocci editore, pp. 397-419 (nr. 40)
(N.D.R.: per le rimanenti pintaderas nuragica si rimanda all' articolo di Deriu e Sebis)


24. Concio di coronamento, in trachite, del nuraghe Nurdole di Orani (o loc. Loghelis?) 
Museo Archeologico  di Nuoro
M.A. Fadda, Nurdole- Orani-Un tempio nuragico in Barbagia, punto d’incontro di grandi civiltà. Rivista di Studi Fenici – Vol. XIX, 1- 1991 
G. Sanna,  La tavoletta di Loghelis. Decorata? No, raffinatamente scritta, http://gianfrancopintore.blogspot.it/ 29.03.2011; b. Nurdole di Orani. Decorazioni? No, scrittura potente (II), 12.04.2011; c. L'emblema del Museo archeologico di Nuoro. Decorato? No, scritto (III), 17.05.2011
25. Pintadera da  località sconosciuta del Sinis 
Deriu, L. & Sebis, S. Le pintaderas della Prima Età del Ferro in Sardegna, in Mastino, Attilio; Spanu, Pier Giorgio Ignazio; Usai, Alessandro; Zucca, Raimondo a cura di (2011) Tharros Felix 4. Roma, Carocci editore, pp. 397-419 (nr. 41)
(N.D.R.: per le rimanenti pintaderas nuragica si rimanda all' articolo di Deriu e Sebis)


26. Doppio betilo dal santuario nuragico di Santa Vittoria di Serri (recinto del doppio betilo), con tre puntini incisi entro il riquadro in alto a sinistra. 
a. A. Taramelli., "Nuove ricerche nel santuario nuragico di Santa Vittoria di Serri", in Monumenti Antichi dei Lincei, XXXIV, 1931, coll. 5-122, figg. 1-67, tavv. I-III; b. R. Zucca, Il santuario nuragico di S. Vittoria di Serri, collana "Sardegna archeologica. Guide e Itinerari", Sassari, Carlo Delfino, 1988




27. Olla con decorazioni plastiche inedite, rinvenuta in frammenti nella Capanna delle riunioni, villaggio nuragico di  La Prisgiona, Arzachena
Testi da: Legislatura 16º - Aula - Resoconto stenografico della seduta n. 491 del 20/01/2011
Gigi Sanna, Scrittura nuragica: ecco il sistema. Forse unico nella storia della scrittura. 09.11.2011; MoMa, Pl. 18


28. Statue menhirs associate  ad una tomba di giganti (fase molto arcaica della civiltà nuragica), in località Pedras Doladas (Silanus, Nuoro), con segni incisi.
A. Moravetti, Statue-menhir in una tomba di giganti del Marghine, in NUOVO BULLETTINO ARCHEOLOGICO SARDO, I, 1984, pp. 41-67, Sassari 1986. Disegni di F. Carta e A. Farina

29. Sedilo, Nurachi ("prima ighina") Betilo aniconico con segni incisi, da tomba dei giganti. 
a. G. Lilliu, Dal “betilo” aniconico alla statuaria nuragica, StSard 1975-77, pp. 73-44; b. G. Lilliu, "Betili e betilini nelle tombe di giganti della Sardegna", in Atti dell'Accademia nazionale dei Lincei, IX, VI, 4, 1995, p. 426 ss.


30. Scarabeo con pittogramma taurino e lettera shin
The Beazley archive, 40/1 Cagliari 19817, da Tharros. Atti I.Conv.Ital. pl. 13.7. BH. 
31. Scarabeo con pittogramma taurino
The Beazley archive, 40/2  Cagliari 9543 (Spano 52), da Tharros. Ebers, pl. H 66. BH

32. Scarabeo con pittogramma taurino e disco solare alato
The Beazley archive, 40/9 Cagliari 21640, da Tharros. Marmora, pl. A 14; Hölbl, Sard no. 242. BL.

33. Scarabeo con pittogramma taurino, crescente lunare e babbuino (dio lunare egizio Thoth)
The Beazley archive, 40/10 Cagliari 19823, da Tharros. 

34. Scarabeo con pittogramma taurino, stella, vitello, cerchio con punto di fronte
The Beazley archive, 40/37 Cagliari 19822, da Tharros. ArchEsp 56 (1983) pl. 1.1 (Acquaro)

35. Scarabeo con pittogramma taurino, stella, vitello
The Beazley archive, 40/38 Cagliari 9519 (Spano 109), da Tharros. Ebers, pl. G 37; ArchEsp 56 (1983) pl. 1.4 (Acquaro)

36. Pietra dal nuraghe Losa di Abbasanta, visibile in situ. Pittogrammi in rilievo: protome taurina e serpentello
Gigi Sanna, Scritta vicino al Nuraghe Losa, sempre vista mai guardata, http://gianfrancopintore.blogspot.it, 31.08.2009;
 MoMa, pl. 30


37. Brocchetta piriforme nuragica, età del bronzo
Fadda G. Nomi di paesi e nuraghi della Sardegna in onore di divinità egiziane,  Graf&Graf -Quartu S.Elena. Illustrazioni p. 100
Gigi Sanna, Croci o svastiche? Filistei o Nuragici? Una brocchetta nuragica per chiudere definitivamente il discorso (parte III), 07.12.2012 (individuazione di lettere lineari oltre al segno a svastica)



38. Villanovafranca, complesso di Su Mulinu "Crescente lunare scolpito sull' altare turrito". Si veda anche qui per una visione di insieme: http://www.flickr.com/photos/neroargento/7148852217/

G. Ugas, "Il sacello del vano E nella fortezza nuragica di Su Mulinu-Villanovafranca (CA)", in Scienze dell'Antichità. Storia, Archeologia, Antropologia, 3-4, 1989-90, pp. 351-373



39. Carlo Lugliè, Cabras: Cuccurru 'e Feurras e Fondo Camedda. Il modello in pietra "A" da Fondo Camedda,  In: Simbolo di un simbolo. I modelli di nuraghe, A cura di Franco Campus e Valentina Leonelli, Monteriggioni pub., 2012 


40. Serri, santuario nuragico di Santa Vittoria. Blocco con decorazione in rilievo. 




41. Cardedu, pozzo sacro nuragico di Is Cucuddadas, pittogrammi 
Gigi Sanna, a.  Cardedu: pozzo sacro di Cuguddadas. Tre soli segni ma potentissimi, 16.03.2011;

42. Grafica di un sigillo in olivina, Museo di Sardara
Gigi Sanna, a. Su Santu Doxi. I numeri perfetti e santi . Il sette ed il dodici nella simbologia logo-pittografica, geometrico -numerica e nella scrittura lineare consonantica dei nuragici. Il Santu Doxi e il santu Yacu nella lingua popolare sarda; in Quaderni Oristanesi, n. 55/56, aprile 2006, p. 87; b. I nuragici. Estrosi anche e soprattutto con i numeri, 20.05.2010;  MoMa, Pl.36

Appendice: pittogrammi fallici bi/tridimensionali.

1. Villaggio nuragico di Serra Orrios (Dorgali, Nu). Museo archeologico (alt cm 21). "La parte superiore, lacunosa per un breve tratto, è delimitata da una solcatura semicircolare profonda mm 2 che evidenzia il glande, un'altra solcatura sulla sommità (lunga 3 cm, larga 0.4 e profonda 0.1) indica l'apertura uretrale."
 Maria Rosaria Manunza, Dorgali. Monumenti antichi, Oristano, S'Alvure, 1995





2. Betilo da Silanus, tomba di giganti di Sa Pedra Longa “con segno dell´orifizio del glande nella parte superiore”
G. Lilliu, "Betili e betilini nelle tombe di giganti della Sardegna", in Atti dell'Accademia nazionale dei Lincei, IX, VI, 4, 1995, p. 426 ss.


3. Complesso nuragico Palmavera, amuleto fallico in steatite
Alberto Moravetti, Il complesso nuragico di Palmavera, Carlo Delfino editore, 1992
4. Pozzo votivo di San'Anastasia di Sardara. "Frammento di vaso con simboli bisessuali" (a) o"Decorazione plastica falliforme" (b) 
a. A. Taramelli, "Il tempio nuragico di S. Anastasia", in Scavi e scoperte:1918-1921, Collana  Sardegna archeologica. Reprints, a cura di A. Moravetti, Carlo Delfino Ed., 1984; b. N. Ialongo, 2011, Il santuario nuragico di Monte S. Antonio di Siligo (SS). Studio analitico dei complessi cultuali della Sardegna proto-storica. Tesi di dottorato in Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche, Università La Sapienza, Roma
5. Complesso nuragico di Gremanu-Madau, Fonni. Pianta generale dell'area a valle, di forma quadrangolare (Ndr: la forma è chiaramente fallica con orifizio del glande, come nel reperto 18, definendo un pittogramma monumentale.)
a. M.A. Fadda,  Complesso di templi nuragici di Gremanu (Fonni). Gremanu, in "Bollettino di Archeologia", 43-45, Roma, 1997, Istituto Poligrafico dello Stato; b. N. Ialongo, 2011, Il santuario nuragico di Monte S. Antonio di Siligo (SS). Studio analitico dei complessi cultuali della Sardegna proto-storica. Tesi di dottorato in Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche, Università La Sapienza, Roma

6. Manufatto nuragico (?) in terracotta, Antiquarium di Porto Torres (SS) 
Ndr. (?) (da questo sitonon sono riuscita a verificare se nella didascalia al museo la dicitura sia davvero questa, per cui questo reperto rimane in forse. Se è davvero nuragico, non posso non rimarcarne l' enorme importanza dal punto di vista iconografico e simbolico