lunedì 24 giugno 2013

Cantu nos mancas Gianfrà!!!

Semus sardos solu pro bolontade
de Nanni Falconi

S’iscola italiana de Sardigna, chi nos leat cando intramus in s’edade de comintzare a pensare, nos faghet tzitadinos italianos a su versu de sardos. E tando bi cheret una bolontade de abberu manna a nos nche torrare a su caminu deretu, a diventare tzitadinos sardos. Deo m'ammento bene de cando in cuss’iscola m'imparaiant sa mannosia de Roma e de sa paga cosa de s'istòria de sa Sardigna. B’apo crètidu fintzas a mannu a cussu chi aia imparadu; comente sa parte manna de sos sardos creo.

Sos fraigadores de sos nuraghes no ischiant iscrìere, naraiant sos mastros nostros, e nos naraiant puru chi s’istòria e sa tziviltade de s’òmine comintzat cun s’iscritura, e chi duncas semus istados barbaros fintzas chi non nos ant agiuadu sos romanos e nd’essire dae s’iscurigore. Nois sos iscolanos, chi no aiamus mèdiu de nd’ischire de prus dae babbos nostros, bi creiamus.
E gasi semus crèschidos chene istòria  peruna e cun sas cumbintzione chi sos sardos no aiant fatu mai nudda de aficu, a banda cussos nuraghes chi l’ischiant issos chie los aiat arritzados. 
Bisongiat puru de nàrrere chi pro cussos mastros de tando, comente sos prus de sos de como, sos nuraghes, sas tumbas de zigantes e totus sos àteros monumentos pesados in Sardigna, sunt solu moderinas de pedra.

Si b'at carchi cosa de bonu chi nos ant lassadu sos antigos cussa est fata dae àtere.
Dae sos Finitzos e Cartaginesos narant.
Issos eja chi ischiant iscrìere.

Sa parte prus manna de sos sardos si sunt arressos a cussu imparamentu iscolàsticu, ca pròpiu no lis interessat a andare a si chircare connoschèntzia noas. E non si ponent pensamentos.
Pro fortuna nostra non semus istados totu ammaestrados bene. Bi nd’at chi murigant e murigant, ca non sunt nen cuntentos ne apasiguados, e ca non bi creent chi siat capitadu comente a issos puru ant imparadu.

Apo comintzadu a duditare de sas beridades chi m'aiant imparadu cando aia già passa de vint'annos e apo lèghidu s'istòria de sa Sardigna de Remundu Carta Raspi. Un’istòria chi m'at abertu sos ogros ma a su matessi tempus fiat malu a crèere chi isse no aiat unu pagu ammisturadu fàulas e beridades pro mi fàghere crèere su chi cheriat isse, e gasi mi nche so torradu a drommire. Non mi pariat possìbile chi sos sardos aerent fraigadu sas tzitades sardas de s’antighidade, cudda tzitades, chi m’aiant imparadu fiant istadas fraigadas dae àteros pòpulos chi nos aiant conchistadu.
Sos contos non torraiant.

No est chi una pessone b'abbarret bene a ischire chi si fiant fatos befe de a isse cando fiat minoreddu.
Como isco chi Carta Raspi aiat resone. L’apo ischidu dae pagu cando a bellu a bellu mi so acurtziadu a su blog de Gianfranco Pintore. Est istadu cue chi apo comintzadu a intèndere cuddas cosas de s’istòria de sos sardos chi mi fiant istadas negadas. Est istadu cue chi apo comintzadu a connòschere cuddas persones chi forsis devia connòschere dae prima. No b’aiat bolontade in megus si bidet.

Posca, a dolu mannu e tropu cuitende Gianfranco nos at lassadu. In chelu che siat. Non nos depimus ismentigare mai de isse e ne de cussu chi at criadu cun su blog suo. No est paga cosa s’ereu suo. Non nos depimus ismentigare de isse chi in su blog suo at dadu boghe a tanta  gente chi fintzas a tando no l'aiat e forsis non l’aiat apida mai. Cantu nos mancas Gianfrà!!! .
In su blog suo apo connotu persones che a Aba Losi, e la mentovo pro prima ca est un'istràngia chi meritat su rispetu semper dèvidu a s'istràngiu ma moltipricadu a s'infinidu ca issa est sarda pro bolontade sua. Fèminas che a issa nd'aiamus chèrfidu meda in Sardigna.  E apo connotu a Gigi Sanna. De isse  non b’at nen mancu bisòngiu de lu nominare già est persone nòdida: e chie est chi non lu connoschet? Semper in gherra cun totus cuddos de malas intrànnias chi lu garrigant de infàmias solu ca isse est dae annos e annos iscarrargende su chi est istadu semper carrargiadu de s’identidade nostra, ca non fiant cosas de ischire; non siat chi sos sardos si nd'esserent ischidados dae tzertos sonnos malos.

Ma bi nd'at àteros meda de istudiosos chi como iscrient in su blog Monte Prama e ci sunt torrende a isperiare a s'istòria de s'isula nostra e deo no los poto mentovare totus ca b'est s'arriscu chi calicunu mi l'ismèntighe faghende mustra de maleducadu. E tando lis torro unu gràtzias dae coro a totus impare pro su chi deo apo imparadu. Gràtzias pro su trabàlliu mannu e de aficu si seis faghende pro torrare sas cosas a su logu giustu suo. E gratzias puru pro sas isperas noas chi sos istudios bostros dat a sos sardos.


Siamo sardi solo per volontà
di Nanni Falconi

La scuola italiana di Sardegna, che frequentiamo quando siamo in età di cominciare a pensare, ci fa cittadini italiani invece che sardi. Ci vuole una forte volontà per riprendere la giusta  via, per diventare cittadini sardi. Mi ricordo bene di quando a scuola mi insegnavano la grandezza di Roma e la poca cosa che era la storia della Sardegna. Ho creduto a quello che m’avevano insegnato per molto tempo; come la maggior parte dei sardi credo.

I costruttori dei nuraghi non sapevano scrivere, dicevano i nostri insegnanti, e ci dicevano che la storia e la civiltà dell’uomo comincia con la scrittura, e che dunque siamo stati un  popolo barbaro fino a quando non ci  hanno aiutato i romani ad uscire dall’oscurità. Noi scolari, che non avevamo la possibilità di saperne di più in famiglia, ci credevamo.
E così siamo cresciuti senza storia e con la convinzione che i sardi non hanno mai fatto nulla di buono, a parte quei nuraghi che lo sapevano loro chi davvero li aveva elevati.
Bisogna anche dire che per gli insegnanti di allora, così come per quelli di oggi, i nuraghi, le tombe dei giganti e tutti gli altri monumenti innalzati in Sardegna, sono soltanto mucchi di pietre. 

Se abbiamo qualcosa di buono lasciatoci dagli antichi è stati fatto da altri.
Dai Fenici e Cartaginesi.
Loro sì che sapevano scrivere.
La stragrande maggioranza dei sardi si è fermata all’insegnamento scolastico, perchè proprio non interessa loro andare a cercare nuove conoscenze. Non hanno dubbi.
Per fortuna non tutti siamo stati  ben ammaestrati. Ci sono anche quelli che cercano e cercano, perchè non sono nè contenti nè in pace, e perchè non credono che la verità sia quella che anche a loro è stata insegnata.

Ho cominciato a dubbitare delle verità che m’avevano insegnato quando avevo poco più che vent’anni e ho letto la storia della Sardegna di Raimondo Carta Raspi. Una storia che mi ha aperto gli occhi ma allo stesso tempo era difficile credere che tutto quello che mi era stato insegnato era falso, che anche lui non avesse mischiato verita e falsità per farmi credere a quello che egli voleva, e così mi sono messo di nuovo a dormire. Non mi sembrava possibile che i sardi avessero costruito le città sarde dell’antichità, quelle città, che mi avevano insegnato, erano state costruite dai popoli che ci avevano conquistato. I conti non tornavano.

Ci rimane male una persona quando viene a sapere di essere stato ingannato fin da piccolo.
Adesso sono certo che Carta Raspi aveva ragione. L' ho capito lentamente quando mi sono avvicinato al blog di Gianfranco Pintore. E’ stato nel suo blog che ho cominciato a sentire di quei fatti della storia che mi erano stati negati. E’ stato nel blog che ho conosciuto le persone che forse avrei dovuto conoscere già da prima. Non c’era stata volontà di sapere in me per tanto tempo purtroppo. Gianfranco ci ha lasciato troppo presto. In Chelu che siat. Non ci dobbiamo dimenticare di lui e di quello che ha creato col suo blog.  Non è poca cosa la sua eredità.Non dobbiamo dimenticarci nè di lui che nel suo blog ha dato voce a molte persone che forse senza di lui non l’avrebbero mai avuta. Quanto sentiamo la tua mancanza Gianfrà!!!
Nel suo blog ho conosciuto persone come Aba Losi, e la nomino per prima perchè è una forestiera che si merita il rispetto sempre dovuto a un ospite ma moltiplicato all’infinito perchè lei è sarda per sua volontà. Donne come lei ce ne vorrebbero molte in Sardegna. E ho conosciuto, attraverso i suoi scritti, Gigi Sanna. Di lui non c’è nemmeno bisogno di nominarlo, già è persona conosciuta: e chi non lo conosce? Sempre in guerra con tutti quei falsi e bugiardi che negano la verita e che lo coprono d’infamie solo perchè da anni e anni va scoprendo quello che era stato nascosto della nostra identità; forse perchè le sue scoperte non erano cose da far conoscere, non sia mai che i sardi si montassero la testa. 

Ma ci sono tantissimi altri studiosi che guardano nuovamente alla nostra storia  e io non li posso nominare tutti perchè corro il rischio di dimenticarmene qualcuno facendo la figura del maleducato. E allora dico grazie di cuore a tutti quanti per quello che ho imparato. Grazie per l’importante lavoro che svolgete perchè le cose e la nostra storia ritornino al loro giusto posto. Grazie per la speranza nuova che i vostri studi danno ai sardi