venerdì 21 giugno 2013

PICCAPERDERIS

de Francu Pilloni

Gustave Courbet - Scalpellino
Seu seguru chi no fut su satu nostu; no seu seguru chi essit Mikkelj sa cumpangìa. Fuaus andendi e arraxonendu de nosu e no di atiri: mi premiat a fai a cumprendi a Mikkelj chi deu seu …, ita hia a podi nai?, evasivu. Sì, in su sensu chi mi praxit a evadiri, a mi fuìri de sa realtadi, candu su mundu chi seu bivendu mi parrit troppu strintu. Po nai, deu no hia a podi essi stetiu mai una locomotiva, unu chi andat e currit sempri po totu sa vida de innoi a inguddeni, passendi sempri in is proprius logus, firmendu e torrendu a movi a cumandu: si m’essit accuntessiu, hiap’ a essi stetiu una locomotiva trista e disastrosa!
Custu bolia fai a cumprendi a su cumpangiu de camminada in su satu chi no fut su miu, inconnotu, forzis su satu de sa bidda de Mikkelj chi no sciu cali siat. De su restu, no connosciu mancu a Mikkelj, no dd’hapu mai biu, mai ind’hapu intendiu sa boxi, mancai scipia tantis cosas de issu po hai liggiu su chi scrit. No ddu bidìa in facci mancu in su bisu, ma mi ddu figurà artu e langiu, cun sa chistionada tranquilla chi mancai ti andat avatu comente unu cani sighit su lepuri sene attochidai.

Sa sensazioni mia fut cussa, ca no mi lassàt acabbai sa frasia c’hiat giai cumprendiu e insistiat a mi cumbinci chi deu puru hia a depi donai una manu de aggiudu in sa circa de sa storia de is Antigus nostus.
Aici andendu, fuaus intraus in una tanca aundi is matas fuant artas e, asubetotu, prantadas apposta in fileras derettas chi si perdiant anca s’ogu podiat arribbai. Is truncus fuant a colori de arruina, cirdinus e derettus cantu mai m’est accuntessiu de indi biri, tanti chi mi fut beniu a conca de pensai a cantu scalas de carru s’hiant a hai pozzias fai.
Si fuaus firmaus a castiai, Mikkelj puru parriat spantau: a donnia parti chi giraiaus is ogus, su spettaculu fut sempri cuddu: matas e matas, truncus artus chena cambus bascius, in terra mancu erbixedda, pastura o molas de sparau, ma vetti una stoia de follas siccadas chi, a ddas castiai, no renescìa a cumprendi de ita razza de mata fuant.
“Innoi unu si perdit comente nudda, ca a donnia parti chi si girit, parrit sempri sa propriu cosa!”, hiat pensau luegu e forzis dd’hiat nau puru murrungendu, poita Mikkelj fut inguni inguni po nai calincuna cosa, candu intendeus unu picchiu. Unu picchiu sistematicu comente candu su maistu de muru pistat sa perda cun su marteddu po ddi donai su settiu chi serbit a dda murai. E su picchiu benìat de innoi e de inguddeni, no renescia a cumprendi deu, ma mancu Mikkelj chi furriàt sa conca po poni origa.
Si fuaus castiaus in facci e, sene aturus fueddus e lassendu is chistionis nostas a una parti, hiaus fattu passus sene scerai facci a cali parti, ca tanti fut totu gualis.
E bai e bai, cuddus truncus fuant devveras specialis, tundus e grussus chi inci bolìat tres ominis a ddus imprassai, ma de genti ammarteddendu, assumancu pistendu giarra, mancu s’umbra. Fuaus po torrai agoa, agoa tantu po nai ca fut totu gualis e no hiaus lassau mancu arrastu cun is peis, candu hiaus intendiu una boxi, in su tonu comente nai de meri a serbidori o de maistu a scienti, in custa occurrenzia, manorba, una boxi chi si fut parta accanta. Hiaus fattu atrus passus finzas candu hiaus biu su maistu chi, in pei e cun unu munzioni studau, fut pintendu colorus, concas de boi, pinnettas, ogus e ateras figuras asuba de una perda allisada. Nosu si fuaus firmaus in truncu, si parrìat de essi intraus in domu allena a fura. Su maistu s’hiat castiau e hiat arziau sa manu aberta, no hia cumprendiu chi fut po saludu o po si nai de abettai inguni. Su scienti, sezziu in terra, portàt una bella tallazza sterria in mesu de cambas e, comenti su maistu hiat acabbau de pintai sa pedra sua, hiat tallau is proprias figuras cun sa punta de su scrafeddu e pustis si fut postu a pistai cun su mazzolu a sa conca de s’agullinu, circhendu de repiti cun corettedas  in sa perda sempri cuddas figuras. De tanti in tanti arzìat de conca po biri ita facci fut fadendu su maistu, po indi liggi sa cumpraxenzia e su rennegu in facci. Po una de is bortas chi su scienti hiat arziau de conca, mi fut partu de hai connotu a calincunu, ma mi fui spantau poita no fut unu picciocchedu a fai su scienti, ma un’omini mannu.
Su maistu s’hiat fattu cinnu de inci stesiai, po lassai fai su doveri asseliu a su scienti. Si fut postu a palas de un’atera mata, e deu no hia cumprendiu poita si depessit cuai un’atera borta, e … “Seis arribbaus…” s’hiat nau in unu tonu chi no sciu si essit de pregonta o de constatazioni (po cussu no hapu postu su puntu interrogativu o cussu clamativu. Berus est chi, in sa duda, ddus hia a hai pozzius ponniri ambaduus, ma aici est bessiu!).
“Seus benius … “ hia cumenzau a nai deu, “Ma no scieus aundi seus capitaus!”, hiat acabbau de nai Mikkelj.
“Chi seis intrraus in Prugadoriu, est cosa chi si pozzu scoviai. Po s’ateru, sighei su camminu ch’heis a agatai su postu prontu”.
“Cumpodessadamì, o su maistu. A mimi m’est partu de hai connotu ai cussu chi fut pistendi cun s’agullinu e sa massetta. Ma fut unu grandu archeologu, no unu manorba…”.
“Bellu miu, sa logica in custu logu est un’atera: po intrai in su Celu Sardu de is Archeologus, bisongiat a connosci assumancu s’abicidì, comenti narais immoi. Alloddu chi de unu cursu de piccaperderi, a liggiri e a scriri su sardu in sardu, no indi podit fai de mancu”.
Sa cosa fut crara e solari. Anzis, solilunari hiaus a depi nai po cumenzai a chistionai comenti si depit in custu logu. A mimi fudi scappendiminci s’arrisu, castiendu in facci a Mikkelj, poita mi fut passada in conca sa pregonta: o Mikkelj, e a nosu ita s’hant a poni a fai?
Custa borta su cumpangiu de passillu m’hiat cumprendiu sene chi hessi nau unu fueddu scetti: “Lassa chi custu contu bessat in su blog, has a biri chi un’impicciu si dd’agatant”.
M’indi scidu e funti vetti  is sesi de mangianu: depu andai a bingia primu chi callentit troppu su soli.
Mi stratallu su sonnu de ogus cun una manu de aqua frisca e pensu a su Prugadoriu: picca sa pedra, amigu, picca sa pedra. Si bolis pesai in Celu!
E pensu chi, si sa donaxoni de Babbai su Soli po nosu est sa raxoni, is bisus funti s carinnius de Mammai sa Luna.


SCALPELLINI

Sono certo che non era la campagna conosciuta; non sono certo che fosse proprio Mikkelj la mia compagnia. Camminavamo e ragionavamo di noi stessi e non di altri: mi premeva far capire a Mikkelj chi sia io veramente, che io sono … , come potrei dire?, un evasivo. Sì, proprio un evasivo, nel senso che amo evadere, sfuggire alla realtà, quando il mondo in cui sono costretto a vivere diventa stretto. Per dire, io non potrei mai essere stato una locomotiva, uno che va e corre per tutta la vita da qui a lì, passando sempre per le stesse stazioni, fermandomi e rimettendomi in cammino a comando: se mi fosse capitato, sarei stato una locomotiva malinconica e disastrosa!
Queste le cose che volevo far comprendere al compagno di passeggiata in una campagna che non era la mia, sconosciuta, forse la campagna del paese di Mikkelj che non so dire quale sia di preciso. D’altra parte, non conosco neanche Mikkelj, non l’ho mai visto, mai ho sentito la sua voce, seppure sappia tante cose di lui per aver letto quanto ha scritto. Non lo vedevo in faccia neanche nel sogno, lo immaginavo alto e magro, con la parlata tranquilla che però ti tallona come il cane che insegue la lepre senza scagnare.
Le mie sensazioni erano di questo tipo, visto che non riuscivo a terminare la frase che già aveva capito e insisteva a convincermi che anch’io avrei dovuto dare il mio contributo nella ricerca della storia dei nostri Antichi.
Camminando e discorrendo, ci trovammo in una tanca dove le piante erano alte e, soprattutto, piantate in filari regolari che si allungavano a perdita d’occhio. I tronchi erano color ruggine, eretti e dritti quanto mai m’è capitato di vederne, così che mi venne in mente di pensare a quanti timoni per carro a buoi si sarebbero potuti ricavare. 
Ci fermammo ad ammirare; anche Mikkelj era stupito: a qualsivoglia parte girassimo lo sguardo, lo spettacolo era il medesimo: alberi e ancora alberi, tronchi alti senza rametti bassi, per terra neanche l’ombra di pastura o di macchie di asparagi, solamente una stuoia di foglie secche che, anche ad osservarle bene, non mi riusciva di capire a che tipo di albero appartenessero.
“Qua dentro uno si perde facilmente, vedi che da qualunque parte tu guardi, ti pare sempre la stessa cosa!”, pensai immediatamente e forse lo espressi pure borbottando, dato che Mikkelj era lì lì per ribattere, quando si sentì battere. Un battito sistematico come quando un muratore batte la pietra con la picchetta per adeguarla al posto che deve prendere nel muro. E il battito arrivava da qui e da là, non riuscivo a capirlo io ma neanche Mikkelj che girava la testa per tendere l’orecchio. 
Ci guardammo in faccia e, senza parole e tralasciando i nostri discorsi, facemmo passi in avanti in una direzione a caso, tanto il panorama era dovunque uguale. E cammina, cammina, i trochi erano davvero speciali, tondi e grossi che s’abbisognava delle braccia di tre persone per cingerli interamente, ma di gente martellante, almeno a pestare per far pietrisco, neanche l’ombra. Stavamo decidendo di tornare, se avessimo capito dov’era il dietro perché tutto era uguale, non avevamo lasciato traccia coi passi, quando percepimmo una voce, nel tono che usa da padrone a servo, o da maestro ad apprendista, in questo caso, manovale, una voce che ci parve vicina. Facemmo alcuni passi verso la fonte della voce e vedemmo il maestro che, in piedi e con un tizzone spento, disegnava serpenti, teste di bue, occhi, capanne e altre figure sopra la superficie liscia di una pietra. Ci fermammo di botto, ci pareva di essere entrati in casa altrui senza permesso. Il maestro ci guardò e alzò la mano aperta, non capimmo se in segno di saluto o per stopparci. L’apprendista sedeva per terra con fra le gambe una notevole lastra di pietra e, come il maestro ebbe terminato i disegni, egli tracciò le medesime figure con un punteruolo e poi cominciò a scolpirle battendo sulla testa dello scalpello con un mazzuolo. Di quando in quando alzava la testa a sbirciare l’espressione del maestro, per leggerne il compiacimento o la contrarietà. Mi parve, per una volta di più che l’apprendista sollevò la testa, di riconoscerlo, ma rimasi perplesso in quanto avevo pensato all’apprendista come ad un ragazzo, invece era un uomo maturo.
Il maestro ci fece cenno di allontanarci per lasciar tranquillo il lavorante a fare il suo dovere. Si trascinò dietro ad un altro albero, mentre io non riuscivo a spiegarmi perché mai dovesse per forza rifugiarsi dietro un tronco un’altra volta, e … “Siete arrivati…”, disse in un tono che non so se fosse di domanda o di affermazione (ecco perché non ho messo il punto interrogativo e neppure quello esclamativo. Vero è che, nel dubbio, avrei potuto metterli entrambi, ma è venuto fuori così!).
“Siamo venuti … “ cominciai a dire io, “Ma non sappiamo dove siamo capitati!”, finì di dire Mikkelj.
“Che site entrati in Purgatorio, è ciò che vi posso rivelare. Per il resto, continuate a camminare e troverete il luogo giusto per voi”.
“Mi perdoni, maestro, se dico che mi è sembrato di conoscere quello a cui sta insegnando il mestiere. Ma quello era un grande archeologo, mica un manovale…”.
“Eh, caro lei! Qua la logica è diversa: per entrare nel Cielo Sardo degli Archeologi, bisogna conoscere almeno i rudimenti, come dite voi. Ecco che un corso di scalpellino, per scrivere e leggere il sardo in sardo, è quanto meno indispensabile”. 
Il concetto era chiaro, solare perfino. Anzi, solilunare dovremmo dire, per rimanere in sintonia col luogo. Giuro che stava per scapparmi una risata, mentre guardavo la faccia di Mikkelj, giacché mi passò per la testa la domanda: o Mikkelj, e a noi cos’avranno riservato per espiazione?
Questa volta il compagno di passeggiata mi capì senza che avessi parlato per niente: “Lascia che il racconto esca nel blog e vedrai quanti si faranno avanti per darci i compiti”.
Mi sveglio che sono solamente le sei del mattino: devo andare in vigna prima che il sole avvampi.
Scaccio il sonno dagli occhi con una mano d’acqua fresca e ripenso al Purgatorio con un sorriso: scalpella, amico, scalpella! Se vuoi salire in Cielo.
Mi viene da pensare che se il dono di Padre Sole per i figli è la ragione, i sogni sono la carezza di Mamma Luna.