martedì 23 luglio 2013

S’isprigu est fadau

de Efisio Loi

In su “mari tremi”, intr’e mesu de  s’oru otzidentali de su stainu de Cabras e su mari, dhu’ apu passau diis intreas, de innantis de obresciri fintzas a iscurigadroxu. Po giai totus is annus sessanta,  incumentzaiaus acabbendu su mesi de Ladàmini po nci dha tirari a cabudu de Mratzu. In domìnigu cun duus cumpànngius e sa giòbia a sa sola.

Unu de is cumpàngius, pagu témpus a immoi, mi nci at tirau un’atra borta a-i cussus bidilis. Non siat a depiri fa’i mai, de andari cichendu  paradisus disimparaus o pèrdius, comenti dhisi nanta. Cumbenit  nantis chi s’intzrupit s’arregodu, a dh’allogari sentza de dhu pònniri a proa de su presenti chi ti nd’imbodhiada etotu. Est comenti de segari unu sprigu cichendu de dhu’ intrari aintru. S’isprigu est fadau, feti cun su sentidu e cun sa memmòria ingannadora de su passau fait a dhui intrari.

Intraiaus de Riola, tirendu conca a part’e jossu in-d unu caminu malandau. Arribaus a costau de su staini lassaiaus sa macchina e s’apostaiaus palas a sa parti de innui ndi depiat bessiri su soli, abetendu debbadas chi cussu sonu de alas, a passadas sighi sighi, si fessat biu che pillonis bolendu. Fatu fatu, duas, tres iscupetadas acumpangiaiant cussu passa passa de pillonis e sona sona de alas sentza de ndi biri supa, lassendusia spantaus. Totunduna, su Maistu addobbàt pagu pagu cun sa pertiedha cosa sua a su faristolu. Su xelu niedhu e istedhau, tandus, cumentzada a pigari colori fàcias a oriènti e sa luna, si dhui fudi, cumentzada a s’abbrandiri.

Immagine da questo sito
Sa primu aparessida de luxi sanguìnnia a s’orizonti fut saludada de unu grandu trìnnidu de trumba. M’apu sempri crètiu chi fut su Pudhoni, a pinna bleu metàllica, a gradus difarentis, chi paràt faci a sa crighirista e a su bicu arrubiu, a su culàciu biancu che ni’ e a is cambas a colori de aràngiu. Fut issu a donai s’intzillu a totu s’orchestra. Su mudari de is coloris in cussu xelu pariat acumpangendu sa musica chi ndi bessiat de su staini e su “mari tremi” trinniat cun milla boxis in mesu sa canna e su iuncu

Ma tandus totu cantàt po nosus e cun nosus. Fuiaus aspetadores e istrumentus de-i cussu cuncertu, no istamus de portari una scupeta peri manus. Sa cassa cun s’arregorta est istada s’abrescidroxu de s’umanidadi, candu dònnia cosa si faiat cun arrispetu e s’arrispetu prus mannu fut po sa vida. E nd’anti prenu is arutas e is arrocas de sinnalis de cussa grandu “piedadi”, is òminis de s’antigòriu de is tempus andaus. Oi, in logus aici, tocat a dhui intrari pedendu perdonu po su dannu fatu. E non cun sa cassa feti.

 A chini dhu’ andat in diis de oi, dhui depit andari a chitzi mannu, obresci e no obresci, cun passu e cun animu lixeri. Podit èssiri chi cancunu chirriolu de cudhu cuncertu siat abarrau arrèsciu in sa canna, in su iuncu e in is airis de is lacanas intra mari e terra.

Lo specchio è magico

di Efisio Loi

Nel “mari tremi”, fra il limite occidentale dello stagno di Cabras e il mare, ho passato giornate intere, da prima dell’alba fino al tramonto, per quasi tutti gli anni sessanta. Si incominciava a fine ottobre e si andava avanti fino a marzo. I giorni erano le domeniche, con due compagni, e i giovedì in solitudine.


Uno dei “pard”, poco tempo fa, mi convinse a ripercorrere quei paduli. Mai si dovrebbe fare: andare alla ricerca di paradisi abbandonati o perduti  che dir si voglia. Conviene conservare il ricordo, prima che svanisca, senza metterlo alla prova della contingenza che ti avviluppa senza scampo. È come rompere uno specchio per cercare di entrarci dentro.  Lo specchio è magico, solo coi sensi e la memoria ingannevole del passato possiamo penetrarlo.

Si entrava da Riola e si andava verso sud su una carrareccia sconnessa. Nei pressi dello stagno si abbandonava la macchina e ci si metteva spalle al sole che doveva sorgere, nella vana speranza che quel fremito continuo e possente di ali si trasformasse in un bersaglio percepibile. Ogni poco, due, tre schioppettate di delusa ma ammirata impotenza accompagnavano quel passare frusciante di invisibili migratori. A un certo punto, il Maestro batteva un colpetto sul leggio con la sua bacchetta. Il nero punteggiato di stelle, cominciava a cedere colorandosi a oriente e la luna, se c’era, cominciava a impallidire.
  
Il primo livido violetto all’orizzonte veniva salutato da un possente squillo di tromba. Ho sempre pensato che fosse il Pollo Sultano dal piumaggio blu metallizzato, nelle sue diverse sfumature a contrasto col rosso acceso della fronte e del becco, col candore di neve del sottocoda e coll’arancio delle lunghe gambe. Era certo lui a dare il là all’intera orchestra.  Il variare dei colori di quel  cielo accompagnava la musica che si sprigionava dallo stagno  e il “mari tremi” vibrava di mille voci fra giuncaie e canneti.

Allora tutto cantava per noi e con noi. Eravamo spettatori e strumenti di quel concerto, pur avendo un fucile in mano. Di caccia e di raccolta è vissuto l’uomo ai suoi albori, quando tutto si faceva con rispetto e il rispetto più grande era per la vita. Hanno riempito le grotte e le rocce coi segni di quella grande “pietas”, gli uomini di quella civiltà lontana. Oggi, a certi luoghi, bisognerebbe avvicinarsi chiedendo perdono per il danno arrecato. Non solo con la caccia.


Chi dovesse andarci di questi giorni, lo faccia molto presto, al limite della notte e del giorno, con passo e con animo leggero. Può darsi che qualche brandello di quel lontano concerto sia rimasto impigliato fra le canne, i giunchi e i cieli di quei confini fra mare e terra.