giovedì 19 settembre 2013

Dal Monte Arci (OR) alla Catalunya nel Neolitico Medio

Passando attraverso la Corsica e la Francia meridionale il percorso era di 1200 chilometri: dal Monte Arci fino al nord-est della Spagna, secondo gli autori il più lungo cammino finora rintracciato  per l'ossidiana sarda durante il Neolitico (1). Andando via mare sarebbe stato ovviamente più corto. Fatto sta che  durante il periodo a cavallo tra il V ed il IV millennio a.C., l' ossidiana del Monte Arci viaggiava fino a più importanti siti neolitici dell' attuale Catalunya, oltre che verso l' enorme mercato del sud della Francia, dove il 90% dell' ossidiana è sarda (1). Un esempio dalla Catalunya lo vedete in figura 1: una lama di ossidiana rinvenuta nel sepolcro di un inumato alle miniere di variscite di Gavà (2).

(Spagna nord-orientale), assieme ad altri oggetti importati; primo quarto del IV millennio a.C. (2)

I manufatti di ossidiana dall'area, in qualche caso semplici nuclei non lavorati, non sono molti finora: sei in tutto, coccolati come oro al Museu d’Història de Sabadell; provengono da cinque sepolture singole dei siti di Bòbila Padró (Can Tiana, Ripollet), Bòbila Madurell (Sant Quirze del Vallès), Can Gambús-1 (Sabadell), Lla Serreta (Vilafranca del Penedès) e dalle miniere di Gavà. Sono stati esposti nel corso di una recente mostra dal titolo: Vidres negres del neolític. D’on vénen?dal 17 maggio al 14 luglio 2013. Mostra il cui logo è un oggetto che definire "strano" è dire poco (figura 2)!
Figura 2. Venus de Gavà, 4.000-3.750 a.C, Mines Prehistòriques de Gavà
(fotografia: Josep Casanova / Museu de Gavà)
Abstract del rif.1. We analyse the origin of all obsidian artefacts recovered up to date from Neolithic sites of north-eastern Iberia, which are the only documented ones in the whole Iberian Peninsula. Despite the antiquity of one of the findings, they had never been studied in detail. The recent discovery of the other remains has allowed us to better clarify its context and specify its absolute chronology. All the archaeological sites where obsidian tools have been recovered can be placed somewhere between the end of the fifth millennium and the first centuries of the fourth millennium cal BC, corresponding to the full Middle Neolithic. The study about its origins shows clearly that it can be linked to the island of Sardinia, namely the SA source. Its spread can be associated to the time that the Sardinian obsidian reaches maximum intensity in its exploitation and maximum diffusion around the Mediterranean coasts. In this sense, the artefacts recovered in the Iberian sites are the ones located to a farthest distance from their source of origin, about 1200 km away. The linking of these products to individual burial grave goods, along with other non-native elements of nature, indicates that its value exceeds the strictly utilitarian.(1)

(1) Terradas, X., Gratuze, B., Bosch, J., Enrich, R., Esteve, X., Oms, F.X., Ribé, G., Neolithic diffusion of obsidian in the western Mediterranean: new data from Iberia, Journal of Archaeological Science (2014), 41, 69-78
(2) F. Borrell & J. Bosch, 2012, Las minas de Gavà (Barcelona) y las redes de circulación en el Neolítico.  M. Borrell, F. Borrell, J. Bosch, X. Clop & M. Molist (eds.) Redes en el Neolítico. Circulación e intercambio de materias, productos e ideas en el Mediterráneo occidental (VII-III milenio aC). Rubricatum 5. Museu de Gavà. Gavà: 315-322