giovedì 26 settembre 2013

Die europea de sas limbas

 26 de cabudanni: Die europea de sas limbas
Comunicadu istampa

Ocannu in Sardigna, su 26 de cabudanni, in ocasione de sa Die europea de is limbas, su Servìtziu Limba e Cultura Sarda de s’Assessoradu de s’Istrutzione Pùblica de sa Regione Autònoma de Sardigna, ammàniat tres cunvegnos: unu in Casteddu, unu in Tàtari e unu in Nùgoro.
Su Cussìgiu de Europa paris cun s’Unione Europea ant decraradu s’annu 2001 "Annu europeu de sas limbas". Dae tando ogni annu su 26 de cabudanni si festat sa Die europea de sas limbas in 45 Paisos membros de su Cussìgiu de Europa, pro promòvere sa diversidade linguìstica. S’Europa tenet una prenda linguìstica manna: si contant 24 limbas ufitziales e prus de 60 comunidades autòctonas chi faeddant una limba regionale o minoritària. Sas limbas sunt su tzimentu pro su fràigu de s’Europa e ogni annu pro sa Die europea de sas limbas ammàniant eventos medas in totu s’Europa.

In Casteddu, in sa Biblioteca regionale in s’Arburada de Trieste 137, a sas 17.00 b’at a èssere sa presentada de bator libreddos de sa Pimpa de su dissinnadore Altan bortados in sardu. Sunt òperas didàticas pro pitzinnos (publicadas dae Papiros) chi serbint pro imparare su sardu, ue b’at disignos e fràsias de cumpletare. Sos reladores ant a èssere Diegu Corràine, tradutore e editore de sas òperas, sos operadores de s’Ufìtziu Regionale de sa Limba Sarda Giusepe Corronca, chi at a fàghere una relata subra de sa figura de Altan e de s’òpera sua e Giusepe Orrù, chi at a faeddare de su ghetu didàticu de s’òpera. At a moderare sa dibata Micheli Ladu, operadore de s’Ufìtziu Regionale de sa Limba Sarda.
In Tàtari, in sa sala romana de su Museu Sanna in carrera de Roma 64, a sas 17.00 s’ant a presentare sas tradutziones in sardu de duas òperas publicadas dae Domus de Janas. At a moderare Cristianu Becciu, funtzionàriu de su Servìtziu de sa Limba Sarda de sa Regione e b’at a èssere s’editore Fàbiu Pillonca. S’òpera “Sa tzia Tula” at a èssere presentada dae Elena Casu chi nd’at fatu sa bortadura in limba sarda, mentres Pàulu Pillonca at a presentare sa tradutzione chi at fatu dae s'òpera greca “Aiace” de Sòfocle.
Ant a intervènnere fintzas Giuliana Portas, Istèvene Ruju e Giuanna Tuffu, chi sunt sos operadores de s’Ufìtziu de sa Limba Sarda e Catalana de Tàtari.
In Nùgoro, in su MAN (Museu de Arte de sa Provìntzia de Nùgoro), in carrera de Sebastiano Satta 64, a sas 15.30 b’at a èssere sa presentada de sas tradutziones in sardu publicadas dae Grafica del Parteolla. At a moderare sa dibata Austinu Sanna, operadore de s’Ufìtziu de sa Limba Sarda de sa Provìntzia de Nùgoro. Mariantonietta Piga at a presentare “Su Cursaru Nieddu”, su romanzu famadu de Emilio Salgari bortadu in sardu. At a intervènnere finas Gianfranca Selis chi at bortadu in sardu ”Su giornalinu de Giamburrasca” de Vamba. S’at a faeddare de sa figura de sos autores Vamba e Salgari, ponende sas òperas in su cuadru istòricu in ue sunt nàschidas. S’at a faeddare de su ghetu didàticu de sos libros chi at a dare ocasione pro unu laboratòriu pro pitzinnos cun leturas animadas. 

Sas òperas chi ant a èssere presentadas su 26 de cabudanni, sunt istadas finantziadas gràtzias a su progetu de sa Regione Autònoma de Sardigna “Tradùere pro crèschere”. Est una misura prevìdida dae s’Assessoradu regionale a sa Istrutzione Pùblica, cun sa punna de afortiare su primore de sa limba sarda.
Sas tres fainas ammaniadas in Sardigna cherent mustrare comente sa limba sarda si potzat impreare pro sa tradutzione de òperas de clàssicos de sa literadura internatzionale e fintzas pro fraigare materiales didàticos e literàrios pro s’iscola .

26 settembre: Giornata europea delle lingue
Comunicato stampa

Quest’anno in Sardegna il 26 settembre, in occasione della Giornata europea delle lingue, il Servizio Lingua e Cultura sarda dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione della Regione Autonoma della Sardegna, organizza contemporaneamente tre convegni a Cagliari, a Sassari e a Nuoro.
Il Consiglio d’Europa, insieme all’Unione Europea, hanno dichiarato l’anno 2001 "Anno europeo delle lingue". Da allora ogni anno il 26 settembre si festeggia la Giornata europea delle lingue in 45 paesi membri del Consiglio d’Europa con l’obiettivo di promuovere la diversità linguistica. L’Europa possiede un vero tesoro linguistico: si contano 24 lingue ufficiali e oltre 60 comunità autoctone che parlano una lingua regionale o minoritaria. Le lingue costituiscono il cemento della costruzione europea e ogni anno per la Giornata europea delle lingue vengono organizzati centinaia di eventi in tutta Europa.
A Cagliari, presso la Biblioteca Regionale di Viale Trieste 137, alle ore 17.00 si terrà la presentazione dei quattro libretti della Pimpa del vignettista Altan tradotti in lingua sarda.
Si tratta di opere didattiche per bambini, pubblicati dalla casa editrice Papiros,utili all’apprendimento del sardo, corredate da disegni e frasi da completare. I relatori saranno Diego Corraine, traduttore ed editore delle opere in questione, gli operatori dell’Ufficio Regionale della Lingua Sarda Giuseppe Corronca, che farà un breve excursus sulla figura e l’opera di Altan e Giuseppe Orrù, che incentrerà il suo discorso sull’aspetto didattico dell’opera. Modererà il dibattito Michele Ladu, operatore dello Sportello Linguistico Regionale.
A Sassari, presso la sala romana del Museo Sanna di via Roma 64, alle ore 17.00 si terrà la presentazione delle ultime due traduzioni in sardo pubblicate dalla casa editrice Domus de Janas. Il moderatore della serata sarà Cristiano Becciu, funzionario del Servizio lingua sarda; sarà presente anche l’editore Fabio Pillonca. L’opera “Sa Tzia Tula” sarà presentata dalla traduttrice Elena Casu mentre Paolo Pillonca presenterà la sua traduzione dal greco in sardo ddell'opera "Aiace" di Sofocle.
Durante l’iniziativa interverranno Giuliana Portas, Stefano Ruiu e Giovanna Tuffu operatori dell’Ufficio della lingua sarda e catalana con sede a Sassari.
A Nuoro, presso il MAN, Museo d’Arte della Provincia di Nuoro, via Sebastiano Satta 64, alle ore 15.30 ci sarà la presentazione delle ultime due traduzioni in sardo pubblicate dalla casa editrice Grafica del Parteolla. Modererà il dibattito Agostino Sanna, operatore dell’Ufficio della lingua sarda della Provincia di Nuoro. Mariantonietta Piga, presenterà “Su Cursaru Nieddu” il famoso romanzo di Emilio Salgari tradotto in sardo. Interverrà anche Gianfranca Selis che ha tradotto in lingua sarda ”Su giornalinu de Giamburrasca” di Vamba. Ci si soffermerà sulla figura degli autori Vamba e Salgari, contestualizzando le opere nella cornice storica in cui sono state concepite. Si parlerà dell’aspetto didattico dei libri, offrendo lo spunto per un laboratorio di lingua per bambini con letture animate.
Alcune delle opere che verranno presentate nella giornata del 26 settembre, sono state finanziate attraverso il progetto della Regione Autonoma della Sardegna “Tradùere pro crèschere”. Si tratta di una misura prevista dall’Assessorato regionale della Pubblica Istruzione, con l’obiettivo di rafforzare il prestigio della lingua sarda.

Le tre iniziative organizzate in Sardegna intendono dimostrare come la lingua sarda possa essere utilizzata per la traduzione di opere dei classici della letteratura internazionale e anche per fornire materiali didattici e letterari per la scuola.