mercoledì 4 settembre 2013

Un commento a Romina

Un commento di Mikkelj Tzoroddu al post Foto del giorno: faretre votive nuragiche del 25.08.2013

di Mikkelj Tzoroddu

Una orta ke fippo in sa British School e kircande carki cosa de Sardinna, nde appo idu una de Juanne Ispanu: “Mnemosine Sarda, ossia Ricordi e Memorie di vari Monumenti antichi”, istampadu a Casteddu dae sa Tip. Timon, s’annu 1864. Abbaidande custu nikele postu dae Romina, appo idu ki su Mastru Sanna at nadu: « […] nella faretrina perché essa non è un 'oggetto votivo' ma è un talismano». Mi so’ ammentadu de custu “talismano” ki fit in d’una pàzzina de su libbru de Juanne Ispanu. Diffattis i’ sa “Tavola XI” (binde sun duas, i’ sa seconda bi sunt sas friguras e i’ sa prima b’est iscrithu itte sunu), a su N.6 b’est una frigura (anzis duas attaccadas a pare), in d’unu kirru paret proppriu sa MS275, ma kin tres nikeles longos fattos a punta (poi idimus comente los muttit s’Ispanu) imbezzes de duos comente l’ades colada bois; a s’atteru kirru b’at una cosa ki non bi la comprendo. S’Ispanu, pro custa cosa, narat: «Talismano o ornamento bellico di bronzo di Tharros, da una parte ha un gladio, e dall’altra tre verghe sardorum (Bullet. an. I, p. 161); sa frigura juket sos aneddos pro appiccare sa cosa (a su estire?). A su N.10, s’idet sa mattessi cosa (verghe sardorum) de prima e a daisecus b’est unu istoccu “ad elsa gammata”. S’Ispanu, in hoke, narat: «Altro talismano bellico di bronzo quasi simile al num. 6. Da una parte invece del gladio ha un parazonio (Bullet. an. I, p. 161)».
Pro cumprender mezus sa kistione toccat de andare a lezzere su Bullettinu. Soe andadu peri a bider itte keret narrere custu parazonio: este sa zinta pro bi attaccare s’istoccu o si nono s’istoccu ettottu. Sa cosa de su N.10, no at sos aneddos de fiancu, pro l’appiccare, ma una ispezzie de lorica posta in conca.




Per meglio entrare nel merito di due particolari: 1- la parte prensile delle “verghe sardorum” è dissimile da quella mostrata nel contributo di Romina: la parte esterna ha una forma semisferica, quella interna ha forma ellittica solo leggermente schiacciata, mentre la parte mediana si compone di uno spazio ove prendono luogo quattro anelli; di essi tre sono addossati l’uno all’altro e quello più interno poggia sulla forma ellittica, mentre il quarto anello occupa lo spazio restante andandosi a trovare distante sia dal terzo che dalla parte finale semisferica. 2- riguardo al soggetto che lo Spanu definisce gladio, esso (se di gladio trattasi) ha un manico o elsa siffatto: dal corpo superiore dell’arma (a nervatura centrale quasi assomigliante a stocco) è un corpo centrale che termina ai due lati da disegno a semiluna, anzi partendo dal corpo dell’arma e terminando alla cima dell’elsa, sono due mezze semilune più mezza semiluna. I contenitori dei due oggetti al N.10 hanno su un lato (che dovrebbe essere quello fra i due combaciante) tre rientranze a dente di sega, essendo i “denti” non ad angolo acuto, ma con sommità piatta.