giovedì 10 ottobre 2013

Lingotti oxhide: la banca dati dei marchi

di Atropa Belladonna

Figura 1. Una mappa attualizzata al 2013 dei siti con lingotti  ox-hide (interi o frammentari) (sin.) e dei lingotti recanti i cosiddetti "marchi" (dx), segni scrittori di non facile definizione (dal rif. 1, Kaiser 2013; la mappa include anche i lingotti miniaturistici  con iscrizioni, da Egitto e Cipro). 

Invito gli amici del blog  a leggere con attenzione questo paragrafo, come premessa al resto del post; è tratto dal rif. 1 (Kaiser 2013); mio il grassetto: 

"[..]My discussion shall now briefly turn to an even more elusive topic – the symbols of the marks themselves Once again, a majority of the marks appear as Cypro-Minoan. We must then remember that many of the Cypro-Minoan signs come from earlier marked objects. This cycle begs the question – where did the marks come from? It is entirely possible that the script developed of its own accord on the island, but historically Cypro-Minoan has been believed to have been adapted from Linear A or Linear B (Ferrara 2012: 9-10). This was based upon early observations of a small corpus of marks during a time when the focus of Old World archaeology was on the Minoan civilization. It is still a completely valid path of investigation, and one that is certainly not refuted here. However, my own personal observations of the ingot marks have actually shown more parallels with Canaanite scripts.  Canaanite scripts such as Proto-Sinaitic, Byblian, and especially Phoenician scripts have a greater number of the ingot marks in their known corpus of alphabetic signs than either Linear A or Linear B (nota 68: There are ten signs that have parallels in Linear A, Linear B, Byblian, Proto-Sinaitic, and Phoenician scripts. There are eighteen signs that appear in the Canaanite scripts and not the Linear scripts, and only seven that appear in the Linear scripts and not the Canaanite scripts). I do not mean to imply that Cypro-Minoan stems from Canaanite scripts, although the idea merits discussion in another forum. However, it is worth considering that the marking systems associated with Cyprus by evidence or speculations do have some connection to Canaanite scripts of the era. I will here now humbly state some observations that have led me to this postulation.i.Nicolle Hirschfeld believes that the ingot marks are not related to Cypro-Minoan, although they bear similar marks as the ceramics with possible Cypro-Minoan symbols (1999:249-250). .[..]ii. Original interpretations of the Uluburun wreck wanted to place its origin at Ugarit. This was influenced by the common association seen between Enkomi/Cyprus and the archaeological remains of sites within the kingdom of Ugaritic. This association is still apparent and will certainly continue as the topic of further study. In the past few years, however, interpretations by Uluburun excavators have expressed a belief that the ship began its voyage from a more southern port (Pulak 2012). If the ingots were marked at their home port, which is sometimes speculated, would it not be safe to assume they would be marked with symbols from that center’s major script? While documents containing various scripts from all over the ancient Near East have been found at Tell Ras Shamra, the Ugaritic language itself was written in simplified cuneiform. No markings on the ingots resemble any kind of cuneiform. However, more southern alphabetic scripts, (e.g., the Byblian script) has several parallels with the ingot markings[..]
iii. Throughout her dissertation, Dr. Hirschfeld repeatedly refers to “simple marks that cross cultural boundaries” appearing in all of the marking systems (1999:109, 249).This implies that there is a pattern of certain symbols across all these object marking systems. These LBA trading systems involved several different geographical regions and cultures. These cultures did indeed occasionally use similar markings in their writing systems, regardless of whether or not this was the result of accident or influence. Many of these repeated symbols have parallels in Canaanite scripts, as well as some in Linear A and B.[..] Like Hirschfeld’s ceramic markings, the exact function or functions of the copper oxhide ingot marks remain unclear. The statistics tabulated within this paper do, however, demonstrate that there was standardization in the marks and indicate possible patterns in their geographic distribution and with other marks. Future work may strengthen or weaken the observations listed above, but any new data will only increase our understanding and are welcome contributions to the database assembled in this work[..]. (Alaina Kaiser, 2013, rif. 1, pg 49 e seguenti). 

E questo sì che si chiama parlare! In tutta umiltà e senza affermazioni lapidarie, ma nello stesso tempo proponendo  nuove linee concettuali e di ricerca. 
Inoltre la neo dottoressa magistrale non si limita ad analizzare i marchi-primari (impressed) o secondari (incised) e mettere a punto un corpus il più completo possibile, ma prende in considerazione anche i segni finemente incisi sui lati (chisel marks, presenti solo in Sardegna, Corsica e in 27 lingotti del relitto di Uluburun) e, cosa ancora più sorprendente, le rare "concavità" (concavities o depressions) (figura 2), forse noi le chiameremmo coppelline e la loro associazione con altri segni (figura 3). In pratica, Kaiser considera anche questi come marks

Posso dire che queste coppelline a me erano sfuggite (2)? Complimenti Atropa, continua così, con il naso per aria!


Figura 2. Sopra: Disegno dei tre lingotti superstiti di Serra Ilixi, Nuragus (Sardegna), conservati al Museo di Cagliari. La freccia azzurra indica un chisel mark; la freccia rossa una concavità (1, 2b, 3); sotto,  il lingotto da Sant'Anastasia, Borgo (Corsica), con la concavità centrale disposta in associazione ai segni (fig. 3) (4)



Figura 3: i rari chisel marks e le rarissime concavità presenti rispettivamente sui lati (vd. fig. 2) e sulla superficie piana di alcuni lingotti. In Sardegna si riscontrano entrambe le particolarità (1). 

In ogni caso, grazie a questo lavoro, disponiamo ora del repertorio di segni che costituiscono i cosiddetti marchi dei lingotti a pelle di bue (figura 4): iscrizioni "canoniche" si trovano, per ora, solo nei lingotti miniaturistici di Cipro ed Egitto: "Inscriptions occur only on miniature ingots from religious contexts at Thebes in Egypt and Enkomi in Cyprus. The four miniature ingots from Thebes are part of temple foundation deposits and are inscribed with the temple deities’ names in Egyptian hieratic. The inscriptions from Enkomi are in Cypro-Minoan. The inscriptions on the four miniature ingots from Enkomi likely served a different function than the singular marks. These miniature ingots are included in the distribution tables and maps, but not in the bulk of my analysis in order to avoid stepping into the realm of epigraphy". (1) (vd. 2a)

Figura 4. Repertorio di marchi primari (impressi a caldo) e secondari (incisi) sui lingotti oxhide noti (1). Il pallino rosso indica segni presenti in Sardegna. 

I segni a T e a doppia T: una particolarità?
Chiamati così solamente in base alla loro forma, questi segni sono solitamente impressi durante il raffreddamento del metallo: sono quindi segni primari, verosimilmente eseguiti in fase di produzione (1). Così Kaiser: "Geographical distribution analysis, places these two marks predominantly in the same regions. The majority of both T and Double T marks are from the Uluburun and Cape Gelidonya shipwrecks. On land, T marks appear at Enkomi (Cyprus) and Ozieri (Sardinia); Double T marks appear at Mycenae (Greece) and three sites on Sardinia (Teti, Nuragus, and Capoterra). This data, especially the prominence of these marks on Sardinia, indicates a possible connection between these symbols and ingots sent to the western areas of the Mediterranean." (Figura 5)

Figura 5. Distribuzione dei marchi più frequenti sui lingotti oxhide (da 1)

Faccio notare come il segno "a doppia T" (figura 2, lingotto nr. 3) non sia diagnostico per l'attribuzione ad un determinato sistema scrittorio, essendo ubiquitario durante il II millennio (figura 6a). E che, nonostante sia stato attribuito  con eccessiva  sicurezza sia al Lineare B (5) che al sillabario Cipro-Minoico (6), tale segno non è stato reperito (su lingotti oxhide) nè a Cipro nè a Creta (fig. 5). Inoltre, "la doppia T" del lingotto di Nuragus ha le due linee orizzontali palesemente disuguali (figg. 2, 4), facendo sorgere il sospetto che in realtà si tratti di un segno composto da un "T" + linea orizzontale: questa diseguaglianza non è riportata per i repertori egei. Lo stesso dicasi per il  segno a "T": anche qui sorge il sospetto di un segno composto oppure, almeno in qualche caso, che il segno sia "altro", perchè la supposta linea orizzontale tanto orizzontale non è (fig. 6b). 

Figura 6a. Sin, uno dei più arcaici documenti in proto-cananaico (si veda il rif. 2c per una discussione su di esso); dx, il segno a "doppia T" nei repertori cretesi, micenei e ciprioti del II millennio a.C. (si veda il rif. 3, per una discussione)

Figura 6b. Il cosiddetto segno a "T" su alcuni lingotti ox-hide (si veda anche la figura 4. del rif. 3) (da: Lilliu G. 1958, Ciottolo prenuragico inciso nella grotta sarda di S. Michele di OzieriSassari, in Archeologia Classica, X, 183-193 in: Sardegna e Mediterraneo negli scritti di G. Lilliu, vol. 3, pp. 1197-1210). a. particolare del segno sul lingotto da Sant'Antioco di Bisarcio, probabilmente proveniente da un ripostiglio dello strato di fondazione di un nuraghe ; b. lingotto 14 dal relitto di Gelydonia; c. lingotto dal relitto di Uluburun (si vedano 2a, 3 per i riferimenti puntuali).  

Considerazioni Finali
Riporto qui sotto  le conclusioni della ricerca della Kaiser. Con la speranza che il suo modo di procedere serva da esempio contro l' eccessiva sicumera in un campo dove, attualmente, non può esservi. E con la notazione che laddove è stata messa con troppa fretta una pietra tombale e si considera il discorso chiuso (5,6), la studiosa dice che si è appena iniziato to lay a foundation e parla di un argomento elusive. Da ultimo, il fatto che questi manufatti abbiano un significato economico, politico e culturale, non esclude affatto che ne abbiano uno anche religioso, come giustamente fa notare Kaiser (1).

CONCLUDING STATEMENTS
Like Hirschfeld’s ceramic markings, the exact function or functions of the copper oxhide ingot marks remain unclear. The statistics tabulated within this paper do, however, demonstrate that there was standardization in the marks and indicate possible patterns in their geographic distribution and with other marks. Future work may strengthen or weaken the observations listed above, but any new data will only increase our understanding and are welcome contributions to the database assembled in this work.
In regards to ongoing inquiries, it seems that the three best paths to follow regarding these marks are (1) the observations of the marks discussed in the earlier chapter of this work, (2) similar studies conducted on the markings present on copper bun ingots and tin ingots from LBA eastern Mediterranean contexts, and (3) the “simple signs crossing cultural boundaries” discussed by Hirschfeld and elaborated on here. As always, further studies are needed with particular emphasis on marked objects. The work presented here is merely an attempt to add to the corpus of growing information and data for the marked objects. When more object marking “systems” have been investigated and documented, we may then begin looking at the larger picture by comparing and contrasting them.
For the present time, I have endeavored to gather and present here an extensive amount of information about the copper oxhide ingots in order to lay a foundation (i.e., my database) for future research on these artifacts. An artifact such as this requires multifaceted research methods in order to investigate its cultural, political, economical, and possible religious significance to the peoples of the LBA Mediterranean world. Collecting all of the contextual and physical data for these artifacts, however, is an arduous task. The database is explained and presented in part in Appendix IV, but is now also available online for public use (see Appendix IV for information). For researchers who also wish to analyze the oxhide ingots in regards to their entire spatial distribution, this database will prove a time-saving reference tool that will hopefully assist in answering some of the remaining questions about the copper oxhide ingots." (1)

Considerazioni finali (mie)
Il mio concluding statement invece è il seguente: prima di esprimere certezze lapidarie,  ex cathedra e senza un'ombra di dimostrazione (5,6) e per di più ingenue (come pensare che poichè il rame è di Cipro, anche la manifattura e i marchi debbano essere necessariamente ciprioti), bisogna andare molto cauti: anche e soprattutto se si è una figura accademica e di riferimento. E se non si sa, non si è al corrente degli ultimi studi, allora io credo sia meglio tacere: meglio per tutti. Per chi scrive e per chi legge. Alternativamente ci si può rimettere, in tutta umiltà, a studiare; non so se la Kaiser abbia ragione in tutto quel che dice o propone, ma non ha importanza, l'importante è che dimostra come si fa ricerca in un campo incertissimo. E come si scrive in open access, il che implica che lo si fa per tutti-cioè implica grande responsabilità.
L' articolo di Zucca sulla storiografia della scrittura nuragica (6) è bonariamente scritto per i profani, per instillare la certezza che la scrittura nuragica non esista; è stato un vero e proprio killing, in questo senso, utilizzando come arma la parola di un superiore nei confronti degli inferiori, che gli devono credere: senza un'ombra di una fotografia o di una dimostrazione. Non è open-access, ma a renderne conto ci hanno pensato i soliti divulgatori e i soliti giornali, quindi è come se lo fosse. Fidando sulla poca voglia di studiare ed approfondire - vale purtroppo anche per troppi giornalisti- che è uno dei mali della nostra epoca: così in pochi si sono accorti delle assurdità sulla fibula prenestina (7a), sugli scarabei della Sardegna (7b), sul documento del nuraghe Palmavera (7c)  eccetera.  In questo modo l' affermare, senza dimostrazione, che i primi segni di scrittura dell' isola (secondo Zucca i marchi dei lingotti oxhide) sono in cipro-minoico, appare essere solamente funzionale alla idea/desiderio di Zucca che anche tutti gli altri segni protosardi lo siano, che il proto-cananaico di Gigi Sanna non c'entri nulla e che il documento di Palmavera, disturbante il suo modello teorico,  sia stato un sollazzo degli operai di scavo. Ipotesi più spericolata di questa l' ha formulata solo Pittau, dicendo che sono segni casuali prodotti da oggetti appuntiti nel sacco degli oggetti ritrovati. Io non so, non so davvero, come la direttrice del Museo di Sassari possa tollerare queste affermazioni senza battere ciglio, visto che l' oggetto è esposto in bacheca con la scritta in evidenza.

Infine rivolgo un invito, pressante, ai lettori appassionati di storia e di archeologia della Sardegna: studiate, leggete, pretendete da un articolo dimostrazioni, documentazione, analisi chimico-fisiche, protestate. At a èssiri ora de s'incatzari, una borta e bona?!

A questo proposito, c'è una recente review del libro di Giovanni Garbini "Introduzione all’epigrafia semitica" del 2006, un'autorevole voce fuori dal coro di osanna dei colleghi del famoso epigrafista (8). E' la voce di un semitista dell' Università di Chicago, che nel 2011 fa una critica del libro, molto dura e molto precisa. Demolitiva direi. Nello specifico, sul fatto che il libro sia destinato ai non specialisti, scrive queste frasi (mio il grassetto): 
"Where to start? Perhaps with the fact that a book including the phrase “Semitic epigraphy” in its title includes neither a single original reproduction of a Semitic epigraph nor a single hand-copy of such an epigraph taken from the edition thereof—something in the neighborhood of two hundred figures are to be found here, all more-or-less accurate facsimiles, apparently from the hand of the author since none bears a credit, many partial and/or with the lines reorganized to fit the boundaries of the figure. 
Let us perhaps move on to the fact that a book including the phrase “Semitic epigraphy” in its title deals in fact with only a fraction of the known Semitic epigraphs (anything in cuneiform is excluded). A very frustrating bookimmense erudition at the service of interpretations that run the gamut from brilliant to implausible underpinned by extensive yet inadequate bibliographical documentation. This last aspect appears to be owing to the presentation having been tailored to the series in which the book appears, intended for a nonspecialist audience. But the presentation of the data makes it, for practical purposes, useless for such readers: page after page filled with bare mentions of individual inscriptions without specific references are preceded and/or followed by historical reconstructions and very select bibliographies (there is also the occasional footnote, mostly to the author’s own interpretative works). The non-specialist who cannot devote years of research in specialized libraries to completing the bibliographic resources and assimilating the mountains of data resulting therefrom is dependent on the author’s presentation and interpretations, while the specialist must fill in the missing data as he/she follows the presentation, evaluating each and every description and interpretation.
It is a brave discipline that can maintain its self-definition a century and more after it has lost contact with reality. Limiting “Semitic epigraphy” to the inscriptions in various linear scripts that began appearing in the seventeenth century made sense before the discovery and decipherment of syllabic cuneiform in the second half of the nineteenth century and that of alphabetic cuneiform early in the twentieth (1929–1931). But to do so without at least a change of title in the twenty-first century makes far less sense.[..]  (8). 

Un confronto fra giganti, certo, ma uno spunto di riflessione anche per noi tutti; medagliati o meno. 

(1) A. Kaiser, Copper Oxhide Ingot Marks: A Database And Comparative Analysis database, Master of Arts thesis, Cornell University, 2013
(2) A. Belladonna, monteprama.blogspot.com, a.  Lingotti oxhide in depositi di fondazione: Egitto e Sardegna. Un'esclusiva? 05.09.2013; b. I marchi dei lingotti oxhide, 28.09.2013 (e riferimenti ivi contenuti); c. I primi passi del proto-cananaico, 06.08.2013
(3) A. Belladonna, Il rame di Cipro, la regina di Ugarit e la Sardegna, http://gianfrancopintore.blogspot.it/, 19.05.2011
(4) Kewin Peche-Quilichini, Un épandage de céramique protohistorique au lieu-dit « Sant’Anastasia » à Borgo (Haute-Corse), Bulletin de l’Association pour la Promotion de la Recherche sur l’Age du Bronze, 11, 2013, pp. 108-110.
(5) Paolo Bernardini Segni potenti: la scrittura nella Sardegna protostorica, in Verba Latina, L'epigrafe di Bau Tellas, L'Africa Romana, convegno XIX, Senorbì 19.12.2010
(6) R. Zucca, "Storiografia del problema della ‘scrittura nuragica’" in Bollettino di Studi Sardi, Anno V, numero 5, dicembre 2012
(7) A. Belladonna, monteprama.blogspot.it, a. La fibula e i falsi a priori, 29.07, 2013; b. La scarabeologia sarda secondo Raimondo Zucca, 15.03.2013; c. Il documento di Palmavera secondo Raimondo Zucca, 05.03.2013. 
(8) D. Pardee, Introduzione all’epigrafia semitica, by Giovanni Garbini,  Review by: Dennis Pardee,  Journal of Near Eastern Studies, Vol. 70, No. 2 (October 2011), pp. 314-316.