venerdì 20 dicembre 2013

Il magnifico fenomeno del tramonto del sole nel solstizio d'inverno nella Sala da Ballo (Shar ha Ba'al) in San Giovanni del Sinis.

di Stefano Sanna 


     Fig. 1. Faccia di Ba'al  RA                                                   Fig.2. Ore 16,30 del 19. XII.2013

Salve,
sono Stefano Sanna di Cabras. Da qualche anno seguo anch'io da appassionato ciò che si dice e si studia a proposito della religione nuragica legata al culto degli astri e in particolare al sole e alla luna simboli della divinità Forse qualcuno ricorderà che alcuni mesi fa, prima dell'estate di quest'anno, abbiamo segnalato l'esistenza di alcuni segni (pittografici e non pittografici) incisi su  una delle pareti della  cosiddetta Sala da Ballo di San Giovanni del Sinis di Cabras. In seguito a quella e ad altre segnalazioni di 'scrittura' protocananaica e anche egiziana (geroglifici) esistente sulle pareti rocciose della scogliera di Tharros, si è organizzato un incontro tra studiosi e appassionati per ammirare il dato del solstizio d'estate (21 Giugno) segnalato questo dal fatto che il sole al tramonto va ad illuminare la parte sinistra (per chi guarda: fig.4) della faccia (fig.1) disegnata nello spigolo di una piccola falsa parete ricavata in rilievo rispetto a quella più grande della sala.
   Durante quell'incontro estivo si è pensato e detto però, da parte di alcuni archeoastronomi presenti e che hanno provveduto a definire le angolazioni precise degli equinozi e del solstizi (che coincidevano con quelle date dallo spigolo e dalla direzione dei lati della piccola parete),  che quello 'strano viso' era disegnato in maniera così singolare perché, con ogni probabilità, con lo  spigolo si intendeva indicare gli equinozi e con le due metà della faccia il solstizio d'inverno (21 dicembre) e quello d'estate. 
  Ebbene, ieri sera sono andato per verificare e per eseguire delle foto circa l'evento. Ho potuto così registrare che il sole, così come ipotizzato durante la manifestazione del 21 giugno, poco prima del tramonto ha illuminato la parte destra del viso disegnato nello spigolo suddetto (v. fig.3), lasciando invece in ombra quella sinistra (fig.3).
   
Fig.3. Ore 16,30 del 19.XII. 2013  

  A me sembra dunque chiaro che il fenomeno astronomico solstiziale luminoso inventato dai nuragici con la 'finestrella'  nel Nuraghe Santa Brabara di Villanova Truschedu (e in altri nuraghi)  sia lo stesso di quello inventato  nella sala da ballo di San Giovanni, cioè nel tempio all'aperto degli abitanti nuragici di Tharros. La lieve differenza astronomica consiste solo nel fatto che in San Giovanni si registra simbolicamente  nella sera quello (ore 16,30) che in Villanova Truschedu si registra di mattina (ore 8,30). Si registra cioè lo stesso giorno della nascita del toro della luce.    

Fig.4. I tre eventi astronomici segnalati dalla faccia