martedì 3 dicembre 2013

The epigraphic, nuragic boat model at the Archaeological Museum of Teti (NU, Sardinia): what now?

This archaeological find, manufactured in ceramics, is epigraphic, genuinely Sardinian,  finally authenticated and 2900-2700 years old. Since December 2012 it is exposed in a vitrine, at the civic Museum of Teti (Nuoro, Sardinia). The small object belong to the nuragic culture, that, according to scholars, remained alive for centuries even after the imposing nuraghi were not built any longer (putatively they were not any more erected since about 1100 B.C.). 

Figura 1. Pre-firing marks incised on a nuragic fictil boat model at the Museum of Teti (NU). The arrows indicate some of the most peculiar signs of writing: blue, the typical nuragic gamma dagger; red, a resh-like sign, of pre-phoenician type; green, two parallel signs, denoting a sign of proto-sinaitic legacy; on the back side, one of the sign reproduces an archaic 'aleph, in the form of an ox's head (1b,c). A recent photo of the exposed boat model can be seen here
This small pottery piece has been the object of a somehow weird controversy: its existence has been disregarded for years, even if it had been already exposed before 2009, in the same museum; then it was put in a box, and kept  undisclosed to the public. It was reproposed in december 2009, on Gianfranco Pintore's blog. I saw it with my own eyes in april 2011.

Its existence has been denied even to or/and by the Ministry of Cultural Heritage, Sandro Bondi, while answering to a Point of Order posed by two senators during summer 2010: this object, together with other 4, had been submitted to the attention of the two senators by a popular petition. After more than 6 months, the Ministry gave this answer (the document is official, but in Italian): "[..] As for the nuragic fictil model boat from Teti, I must report that the photograph presented by the promoters of the petition, has been absolutely incomprehensible to the archaeologists of our Superintendances, who, on the other hand, have no hints about the alleged finding "nearby Teti" of a nuragic boat model "with evident epigraphic signs". If a finding has occurred, then it could have happened ouside official researches and from unauthorized persons. I guarantee that we will do all that is needed to retrieve the find.[..]" (vide infra for the full text).

Needless to say that the find was not to be retrieved, since it was already within the museum, as the responsible superintendent was well aware of. As anybody interested in this subject knew, and knows,  very well: the small boat was not hidden, it was shown on request, but its exhibition within the museum was simply forbidden by the Superintendance. The same Superintendance, and here comes the funny aspect, that denied its existence to the Ministry. In principle to lie to a Ministry is also forbidden, I suppose. Even if the denial was not total: because  the object was defined "nuragic", with a sort of freudian error.

Well, no problem: things went on, because some researchers fortunately feel the duty to investigate and because the dozens of people that went to Teti since December 2009, facing an uneasy trip within the inner core of Sardinia  and saw the model boat, were growing a bit tired to be considered as visionary or delusional.

And finally it happened: archaeologist Nadia Canu presented the small and fragmentary boat on November 30th 2013, during a public conference. She spoke of chemico-physical analysis and archaeological investigations: the outcome is IX-VIII century BC, nuragic culture. Asked about the written, pre-firing incised signs, Canu answered that one should pose this question to an epigraphist of "phoenician-punic alphabet". Problem is, evidently, that there is -among other signs- a genuinely and exclusively nuragic gamma dagger (figure 1, blue arrow). Another problem is the presence of a very ancient, definitely pre-phoenician resh (red arrow). A third  problem are two horizontal and parallel lines, too much reminiscent of  a proto-sinaitic sign for dh/Zayin and foreign to the standard phoenician alphabet (green arrow). A fourth problem is at least one 'aleph that has too much of an ox's head to be phoenician, not to speak  of punic (yellow arrow). An so on. 

Needless to say that the regional journals of Sardinia did not mention the object and its relevance, at least not to my knowledge.

So, what now? what will Sardinian archaeologists, epigraphists and all the other of the Noble Company do of this small thing? will it be disregarded again, or will it change the attitude towards the stubbornly denied possibility that such a great civilization as the nuragic one possessed a writing system? I am not a fan of conspirancy theories and mysteric doctrines: the are not needed,  reality goes always well beyond them. The small boat of Teti was not hidden, it was shown at wish: it was simply kept low-profile and forbidden to be "officially" exhibited in a vitrine. There, in this little jewel of a museum, safeguarded by two incredibly good curators, there is another epigraph exposed: a document that should let researchers jump on their stool (3).

No, when researchers deny or do not recognize empirical data like these, there is no need to evoke conspirancies theories; as a member of the scientific community I can assert that there are only two reasons for such a denial: whether these reasearchers are incompetent or they lie (for whatever reasons); or, even, they lie to cover their incompetency. Only, they forget that to deny the existence of objects that physically exist  is without any perspective, is simply ridicolous. Sooner or later a serious scholar, as I think Canu is, discloses things and make them public. 

The discoidal and epigraphic object from nuraghe Palmavera, has been discarded as a "lusus of the workers that took part to the excavation", by archaeologist and historian Raimondo Zucca, full professor at the University of Sassari (1a, 2). Too bad that this lusus is exposed in a National Museum (is the Ministry aware of this shameless exhibition? I think the very best thing would be to let it melt in the fire of  Mount Doom and destroy this Evil forever).

With this respect I have a wish, a personal note: that professor Raimondo Zucca will never touch or speak of this object (maybe to state that it is document with nuances of cypro-minoan (2)!), never go to Teti, never enter this small but wonderful museum: I hope he is not willing to drive  the uneasy way  from Sassari to Teti. That would be for the best.

And with him also the orientalist Dr. Stephan Jakob Wimmer, PhD: the nuragic documents, these epigraphs of a forgotten island in the West,  would be extremely important for his studies in the East: but he has classified them as garbage (4), what a pity. He has classified scholars that have seen and studied the documents as delusional, as clowns; he has even felt free to send around our private correspondence about  these documents, to the entire world and to lough about these beautiful, and exceedingly important witnesses of the past. Witnesses of a civilization that had erected at least 7000 stone towers towards the sky, stone towers that have challenged the millennia and have no equals or rival, as for their building technique and number. Not even the egyptian pyramids are so touching and incredible: whoever enter a nuraghe would not forget the feeling of "celebration" inside it.
No, Stephan Wimmer does not deserve to study these documents:  for the sake of decency.

(1) A. Belladonna, monteprama.blogspot.it, a. Il documento di Palmavera secondo Raimondo Zucca, 05.03.2013; b.  Al Museo di Teti...14.10.2013; c. A Teti 30.11-01.12.2013: si parlerà della navicella scritta? 27.11.2013
(2) R. Zucca, "Storiografia del problema della ‘scrittura nuragica’" in Bollettino di Studi Sardi, Anno V, numero 5, dicembre 2012
(3) Monte Prama, monteprama.blogspot.it, An epigraph at the Museum of Teti (NU, Sardinia), 02.11.2012
(4) A. Belladonna, monteprama.blogspot.it, Stephan J. Wimmer ed il mandolino, 04.05.2013

In the following, the reader can appreciate what the Ministry answer to the two senators and, further on, the present official position of the Superintendance. 



GIRO, sottosegretario di Stato per i beni e le attività culturali. Mi riferisco all'interrogazione dei senatori Massidda e Sbarbati relativa al rinvenimento di alcuni reperti archeologici di estremo interesse scientifico, annunciato nel corso di una trasmissione televisiva dell'emittente sarda Videolina.
Ritengo opportuno procedere iniziando dalla notizia relativa al vaso rinvenuto in località Arzachena, recante una "misteriosa scrittura", per sottolineare l'assoluta infondatezza del suo contenuto. Infatti il servizio, firmato dal giornalista Andrea Busia, faceva riferimento ad un vaso ritrovato durante una delle campagne di scavo dirette dalla dottoressa Angela Antona dal 2003 al 2008. In particolare, si tratta di un'olla con decorazioni plastiche fino ad allora inedite, rinvenuta in frammenti in un edificio (la "Capanna delle riunioni") del villaggio circostante il nuraghe La Prijona (o Prisgiona) in regione Capichera di Arzachena, e ricomposta durante le operazioni di restauro dei materiali. Del ritrovamento di tale reperto e dello studio del medesimo sono state date immediatamente e a più riprese notizie, corredate di foto e disegni, in contesti scientifici accreditati. La nutrita bibliografia che gli uffici mi hanno allegato dà chiaro riscontro dell'importanza attribuita al pezzo e della pronta risposta scientifica che ha suscitato negli uffici istituzionalmente deputati alla sua conservazione, tutela e valorizzazione.
Non ci si è inoltre risparmiati sulla divulgazione, intervenendo in servizi televisivi nei quali sono state mandate in onda, insieme alle immagini del villaggio, quelle del vaso in questione (conferenza stampa organizzata sul sito nel maggio 2007 alla presenza di tutte le testate giornalistiche e televisive sarde), in conferenze organizzate in occasione delle Giornate europee del patrimonio 2007, Settimana della cultura 2007, 2008, 2009, 2010, in lezioni e conferenze pubbliche promosse da istituti scolastici superiori e associazioni culturali (liceo scientifico di Arzachena, istituto tecnico di Palau, Università della terza età di Tempio, Università del tempo libero di Olbia), o con articoli in riviste di ampia diffusione.
In relazione al frammento fittile da Pozzomaggiore si precisa quanto segue. Il nuraghe Alvu di Pozzomaggiore è stato oggetto di un intervento di restauro e scavo archeologico nell'ambito del progetto «Il nuraghe Alvu tra fruizione e salvaguardia», con finanziamento della Regione Sardegna, dal novembre 2006 fino al dicembre 2007. I lavori, diretti dalla Soprintendenza per i beni archeologici per le Province di Sassari e Nuoro, hanno permesso di mettere in luce uno dei complessi monumentali nuragici più interessanti della Sardegna settentrionale e di evidenziare un'importante stratigrafia all'interno del complesso. Un ulteriore finanziamento da parte del Comune di Pozzomaggiore ha consentito di procedere con la documentazione grafica, ancora in corso, di tutti i reperti.
Il frammento è attualmente conservato presso il centro di restauro della Soprintendenza archeologica delle Province di Sassari e Nuoro. Si procederà con la pubblicazione integrale dei risultati dello scavo dopo gli interventi di restauro. Una comunicazione sui risultati dell'indagine è stata presentata dagli archeologi Luisanna Usai e Franco Campus al convegno dell'Istituto italiano di preistoria e protostoria che si è tenuto a Cagliari nel novembre 2009. Gli stessi studiosi hanno presentato al comitato scientifico il testo per gli atti.
Tutti gli ambienti scavati, ed in particolare il cortile, hanno permesso di evidenziare una sequenza stratigrafica che documenta, oltre alla fase nuragica, l'occupazione del nuraghe in età punica e romana, con sporadiche frequentazioni anche in età fenicia. Il reperto citato nell'interrogazione è chiaramente riferibile alle fasi di rioccupazione del nuraghe ed i caratteri della scrittura sono facilmente ascrivibili ad ambito fenicio-punico; ciò non contrasta neanche con la posizione stratigrafica del reperto.
Per quanto riguarda la Navicella nuragica fìttile da Teti, devo riferire che l'immagine trasmessa dai promotori della petizione è risultata assolutamente incomprensibile agli archeologi delle nostre Soprintendenze che, d'altra parte, non hanno alcuna notizia in merito al ritrovamento "nei pressi di Teti" di una navicella nuragica "con evidenti segni di scrittura". Se un ritrovamento è stato fatto potrebbe essere stato effettuato al di fuori delle ricerche ufficiali e da persone non autorizzate. Assicuro, a tale proposito, ogni attività utile al recupero del reperto. 
I reperti citati dai promotori non recano peraltro alcuna traccia di scrittura di età nuragica anche perché, come ben esplicitato in tutti i testi scientifici sulla civiltà nuragica, questa non ha mai conosciuto la scrittura.
Del frammento proveniente da Villanovafranca o Senorbi gli uffici competenti dispongono della fotocopia di una fotografia. Sono in corso ricerche in proposito.
Concludo sottolineando come il Ministero, nonostante i gravi tagli subiti, che incidono, soprattutto, sulla possibilità degli ispettori archeologi di presidiare il territorio, approntano sempre ed in tempi brevissimi sia il restauro che lo studio e la pubblicazione dei reperti ritrovati nel corso di scavi regolari. 

Conferenza di presentazione delle analisi di autenticità sulla barchetta fittile

02 dicembre 2013
In occasione della manifestazione Autunno in Barbagia, svoltasi a Teti in data 30.11.2013, come annunciato nel comunicato del 21.11.2013 della Soprintendenza per i beni archeologici per le  province di Sassari e Nuoro, sono stati presentati al pubblico i risultati dell'analisi di autenticità sulla lucerna a barchetta in ceramica e con segni incisi proveniente dai pressi del sito di Abini, uno dei più importanti santuari nuragici dell'isola.
Il reperto è stato oggetto di un'interrogazione parlamentare dei senatori Massidda e Sbarbati nel 2010, ma al tempo non era presente nessuna traccia della sua esistenza agli atti della Soprintendenza, alla quale risulta formalmente dichiarato solo il 19 marzo 2012. A partire da questa data la dott.ssa Nadia Canu, funzionaria archeologa della Soprintendenza, ha ricostruito tutte le vicende del reperto, che è stato portato al Centro di Restauro di Li Punti a Sassari, dove è stato documentato fotograficamente da Gianni Pulina e disegnato da Antonello Farina. Del ritrovamento è stata data notizia in occasione delle Cortes Apertas di Teti, il 1° dicembre 2012, data in cui è stato esposto al Museo di Teti con una didascalia a cura di Nadia Canu. Viene descritto come barchetta in ceramica d'impasto compatibile con la ceramica nuragica, sulla quale sono presenti da un lato il motivo a onda corrente e dall'altro segni incisi a crudo, tra i quali uno schematico pugnaletto ad elsa gammata, con datazione proposta tra l'VIII e il VI secolo a.C.
Nel corso del 2013, a seguito del finanziamento da parte del Comune di Teti, il reperto è stato sottoposto ad analisi di autenticità presso i laboratori L'Arcadia di Milano, presso i quali è stato portato personalmente dal soprintendente Marco Minoja. È stato quindi concordato di presentare i risultati delle analisi in anteprima alla comunità di Teti, che alla conferenza ha salutato la notizia dell'autenticità del reperto, con datazione tra il IX e l'VIII secolo, con un caloroso applauso. Sono previsti nel 2014 un resoconto al mondo scientifico e la prosecuzione delle indagini, che potranno chiarire la provenienza dell'argilla, al momento ancora non effettuate perché si sta valutando il metodo meno invasivo per garantire la massima integrità del reperto.