domenica 12 gennaio 2014

AMISTADOSIDADI

de Francu Pilloni* 

Alloddu: si hessi depiu nai cun unu fueddu vetti sa sustanzia de sa personalidadi mia, creu chi amistadosidadi siat cussa giusta. E no poita deu tengia unu numeru de amigus foras de contu, datu chi indi tengiu cantu serbit; atiri indi tenit prus de mimi, mancai no siat amistadosu che dèu.
Immagine da questo sito, ndr
Po si scabbulliri de s’idea chi, mancai simplici, hapu presentau in una muina de fueddus, affirmu chi no tengiu amigus medas, ma vetti cussus chi hapu scerau e postu a parti in su tempus de sa vida, medas de is calis no si funti mancu abbizaus de sa particularidadi de s’indula mia amistadosa, ma hanti cunfiau in s’amistadosidadi insoru.
E is amigus chi tengiu no ddus cunsidèru totus a sa paris, cosa chi cumprendu accuntessat a totus: ddus sceru in amigus-amigus, in amigus-giai, in amigus-podit-essiri e, a ultimu, in amighixeddus-amighixeddus. No est chi s’abbisiteus duas bortas sa dì mancu cun is amigus-amigus: si bieus candu si bieus, a sa missa su dominigu cun cussus de bidda, a su telefunu una borta a su mesi o a s’annu, essit puru po Paschixedda. No teneus abbisongiu de attoppai fatu-fatu po sighiri a s’intendiri amigus. E si un’amigu-amigu miu est prus a cuntattu cun atiri che cun deu, no seu gelosu. Po no nai de is aterus, chi siant amigus mius o insoru.
S’amigu prus amigu chi hapu tentu, e issu abarrat chene duda peruna, est Mineddu, su potecariu: duus annus in mancu de mimi, mi benit avatu de totu una vida, comente unu fradixeddu o unu nebodi. Candu fui partiu sordau, m’inci hiat accumpangiau, issu vetti contendu is familiaris puru, finas a sa scaba de su piroscafu. No si fut pozziu poderai de  prangiri.
Hiat bofiu su pareri miu primu de andai ainnantis a sa seria cun Gina, sa picciocca chi pustis s’hat coiau (e bollu biri in basi a cali valutazioni negativa indi dd’ hiap’ hai fattu storrai), aici chi issa, tempus appustis, m’hiat cunfessau chi ddi fut partu de s’essiri coiada cun ambaduus.
Custu chi hapu nau pertoccat a sa sfera spirituali, siat craru e creu chi si cumprendat: po mimi est stetiu unu doveri lebiu su ascurtai is fattus insoru candu mi faiant a parti de imbrunchinus chi ddus poniant a murrus de angioni po una dì o duas, sempri prus pagus de cantu est accuntessiu a mimi e a mulleri mia. Una borta fut s’unu, una borta fut s’atera, candu no tot’ e is duus, a mi pediri s’aggiudu, comente maladius chi arribbant a su prontu-succursu: in su tempus hapu tentu a notu comenti sa propriu chistioni, contada de issu ammostàt chi fut issu su reu, a su contrariu mi dda contàt issa. A mimi mi parriat de offerriri una tassa de filuferru a unu chi no si reit in pei po s’imbriaghera, ma tantu balliat a ddis cunsillai un’abbrazzu mancai chene fueddus, siat a s’unu che a s’atera, po tanti donniunu cumprendiat chi beniat perdonau de s’aturu, ambaduus reus, ambaduus perdonaus a sadru.
Custu finzas a giobia passada, sa dì chi seu passau in potecarìa e ddoi hapu agatau a Gina vetti: in mesu de is chistionis dd’hapu cunfessau chi po mimi su bentu de sa passioni fut bambu donnia dì e a bortas mancu si pesàt. S’est posta a riri comente una macca, scoviendumì chi fut annus chi, a sa cuada, donàt “s’aggiudixeddu” a su pobiddu, una pindula scallada in su caffei, poita, m’hat nau, su teniri unu pobiddu scarrigu est meda peus de indi teniri unu infieli. M’hat contau ch’ind’hiat fueddau cun mulleri mia puru, ma issa dd’hiat assegurada ca su fusilli miu sempri carrigu e a grillettu arziau dd’agatàt.
Possibili chi custas dudas siant unu bremi miu vatti? Dudas prus timìdas che provadas?
Fut giobia passada, mi parrit de dd’hai nau. E propriu a custu puntu de sa chistioni, mancu chi m’hessit liggiu in su pensamentu, Gina m’inci fichit sa manu intre zugu e collettu, comente chi mi depessit contai su battidu de su coru in sa vena de su zugu; cun s’atera si fut posta a mi cumpudai aundi pesat a pillu s’effettu “placebo”, boxi verbali latina chi bolit nai primu de totu “deu t’hap’ a praxiri”.
Candu Mineddu est torrau, nudda de nou dd’hapu liggiu in facci. No podiat essiri che aici.



AMICALITÀ 

Ecco: se si dovesse esprimere con una parola soltanto la sostanza della mia personalità, credo che amicalità sia quella giusta. Non significa che io abbia amici in numero stratosferico, perché ne conto quanto bastano; altri ne conta più di me, pur non essendo amicale quanto me.

Per uscire dal concetto che, sebbene semplice, ho espresso con un gioco di parole, affermo che non ho tanti amici, ma solamente quelli che ho scelto di avere nel tempo, molti dei quali non si sono accorti della specificità della mia indole amicale, ma hanno confidato nella loro.
Tutti gli amici poi, non li considero tali alla stessa stregua e ciò credo che capiti a chiunque: ci sono gli amici-amici, gli amici-sì, gli amici-insomma e, infine, gli amici-boh. In genere non ho rapporti frequenti neppure con gli amici-amici: ci vediamo alla messa domenicale con i paesani, ci sentiamo una volta al mese, una volta all’anno, fosse pure a Natale. Non abbiamo bisogno, almeno io non sento il bisogno, di una frequenzialità elevata per mantenere il rapporto. D’altra parte, non sono assolutamente geloso dei miei amici-amici, per quanto numerosi amici-amici abbiano a loro volta, figuriamoci degli altri, miei e loro.
L’amico più amico è stato, e tale resta senza ombra di dubbio, Mino, il farmacista: di due anni più giovane, me lo porto appresso da una vita, come un fratello minore o come un nipote. Quando andai militare, m’accompagnò, unico compresi i miei famigliari, sino al porto. E lì pianse. 
Ottenne il mio consenso quando s’impegnò con Gina, la ragazza che diventò sua moglie (e voglio vedere in base a quale valutazione negativa avrei potuto sconsigliargliela), così che lei, anni dopo, mi confessò di avere avuto l’impressione di aver sposato ambedue. 
Tutto questo è riferito alla sfera spirituale, credo che si comprenda e vorrei che fosse chiaro: per me fu facile e doveroso ascoltare le rispettive confessioni quando fra loro sorgeva qualche incomprensione, peraltro molto meno frequente di quanto è accaduto nella routine del mio stesso ménage famigliare. Ora fu l’una, ora fu l’altro a ricorrere al mio pronto soccorso matrimoniale e notai, nel tempo, che lo stesso episodio, se riportato da Mino, lasciava intravvedere una maggior colpevolezza dello stesso, quando al contrario succedeva nella confessione di Gina. Ciò mi arrecava una notevole complicazione perché mi pareva di dover somministrare ad un ubbriaco un ulteriore bicchierino: non mi restava di consigliare, ambiguamente, di abbracciare il partner senza proferir parola, così che il gesto sarebbe apparso come una richiesta di perdono per chi lo esprimeva, una concessione di perdono per chi lo riceveva. Che poi venisse dall’uno o dall’altra, poco cambiava.
Tutto questo sino a giovedì scorso, quando sono passato in farmacia e ci ho trovato Gina da sola alla quale ho confessato che per me la passione era diventata come il vento d’autunno, spirava poco e, in certe giornate, calava del tutto. Dopo una franca risata, mi mise al corrente del fatto che ormai da anni dava un “aiutino” al suo Mino, sciogliendo di nascosto una pillola nel caffelatte, perché avere un marito depresso è peggio che averlo infedele. Si era consultata con mia moglie prima di decidere la terapia; da lei ottenne conferma che per la mia parte non erano sorti problemi del genere. 
Possibile che le esitazioni siano solamente mie? Più fittizie che reali?
Era giovedì scorso, forse l’ho già detto. Fu a quel punto, come se mi avesse letto nel pensiero, che Gina m’infilò una mano tra il collo e il colletto, come a misurarmi i battiti nella carotide; con l’altra mi palpò dove si verifica l’effetto “placebo”, nota forma verbale latina che sta a significare, nella sua prima accezione, “io (ti) piacerò”.
Quando Mino è rientrato, non ho notato in lui nulla di diverso. Né poteva essere altrimenti.

*Racconto partecipante al concorso Scritturiati (MP)