lunedì 31 marzo 2014

SA PERDA DE NORANISH

de Karmel*

In s'utima riunioni in sa "Domu Manna," is bidanesusu Majores, anti decidiu de fai iscriri, una perda
fitta, de ponni in su Malkitu de Noranish, po su santu Nogaresu Lefisi (Santu Lefisi, esti unu
Gigantinu fillu de AK, è nasciu a Noranish, ma esti bei bofiu, de totu sa genti de is pramasa in terra Shardana). Custa iscrittura depidi essi fatta a nomini de sa bidda de Tarshish e de sa bidda amiga Gorrash. Po fai custu traballu esti stetiu incarrigau su bidanesu Jacu.
Ziu Jacu, decididi de si fai iscri sa perda de Ziu Borore, poita issu, esti su mellusu maistu de perda in Bida.
Intrau in buttega, Jacu preguntada a Ziu Borore, si podidi fai custa Santa Iscrittura po Lefisi de Noranish.
"Po mimi esti unu presceri, mannu, su de essi stetiu scioberau po fai custu traballu"  arrespundidi Borore
"Maistu Borore - du narada Jacu - labai ca amancanta sceti cincu disi, po sa festa manna de Santu Lefisi"
"Non timasta Jacu - arrespundidi Borore - a mimi srebidi sceti una di, po approntai su traballu; prusu a prestusu, narami; ita depu iscriri? "
"Is fueddusu, de ponni in sa perda, funti custusu," e cumenti chi vessidi preghendu, Jacu narada:

        DEI BIDASA DE TARSHISH
E GORRASH, IS HOMINISI DE AK,
SALUDANTA, DE CUSTA BIDA SHARDANA,
IS HOMINISI DE AK, E SALUDANTA,
SANTU BABBU AK,
CUN CUSTU MALKITU, PO NORANISH,
E PO SU BIDANESU, NOGARESU
LEFISI, SANTU  ISSU

"Ita narasa Borore è craru?" si faidi Jacu.
"Meda craru - arrespundidi Borore -, poita in terra Shardana, totusu, mannusu e piticusu, scinti iscri e liggi sa limba nosta"
"Du racumandu su Maistu, - du frimada de chistionai Jacu - sciobera sa perda prusu bona, chi bivada, po meda, meda tempusu"
"Abarra senzeru Jacu, ca is perdasa, bivinti po sempri, i Santusu, milla.. dumilla.. tremill'annusu, is hominisi ottant'annusu; sa Genti de Prama sceti, finzasa a candu ada essi bona a iscri e liggi sa propria limba."
"Borore, - Narada abellu Jacu po no si fai intendi de atrusu - sa notti passada apu vatu unu bisu, apu biu sa perda chi depeusu ancora iscri, segada in pizzusu, cumenti chi fessidi giai beccia de tremill'annusu; Fuda in duna domu manna, posta in mesu cumenti chi fessidi cussa etotu su santu; Innantisi ci funta tres'ominisi, parianta grandu Maistusu , deu cumprendia, casi tottu su chi naranta, sceti ca candu si funti postusu a liggi sa perda, deu, non apu cumprendiu prusu nuda"




LA STELE DI NORA

Durante l'ultima riunione, nella grande capanna, i cittadini anziani hanno deliberato di  realizzare  un' iscrizione su pietra, da apporre nel tempio di Noranish, da dedicare alla citta' ed al suo santo il Nogarese Efisio, (Santo Efisio è un Gigante figlio del Dio Toro, è nato a Noranish, ma è ben voluto ed amato da tutto il popolo dei Prama in terra Shardana). Tale iscrizione dovrà essere fatta a nome della citta di Tarshish e della città amica Gorrash. Per fare ciò è stato incaricato il concittadino Jacu. Jacu si reca dal miglior incisore di citta', il maestro Borore, per commissionare la Scrittura Sacra. 
Entrato nell'atelier dell'incisore, Jacu chiede al maestro se è disposto a scolpire su pietra il Testo Sacro; 
Ziu Borore, risponde che si ritiene onorato di poter realizzare l'epigrafe.
"Maestro Borore -gli dice Jacu- bada bene che mancano solo cinque giorni al primo di maggio, il giorno della festa solenne in onore del santo"
"Tranquillo, Jacu -gli risponde maestro Borore-, a me basta un solo giorno per scolpire queste poche lettere. Piuttosto dimmi, qual' è il testo da incidere?"
"Le parole che l'assemblea mi ha incaricato di far scrivere, sono queste" gli risponde Jacu, declamando solennemente la frase.

        DALLE CITTA DI TARSHISH
        E GORRASH, GLI UOMINI DI FEDE,
        SALUTANO, DI QUESTA CITTA SHARDANA,
        GLI UOMINI DI FEDE, E SALUTANO,
        IL SANTO PADRE, 
        CON QUESTA OFFERTA, PER NORANISH,
        E PER IL SUO CITTADINO, IL NOGARESE
        LEFISI, SANTO LUI

"Che dici Ziu Borore, è chiaro?" interroga Jacu.
"Chiarissimo, -risponde Ziu Borore-, dato che tutti, in terra Shardana, fin dalla più tenera età, sanno leggere e scrivere la lingua che i nostri avi ci hanno tramandato."
"Mi raccomando maestro -lo interrompe Jacu- scegli una pietra resistente alle ingiurie del tempo; vogliamo che viva il più a lungo possibile!"
"Tranquillo, Jacu -gli fa eco Ziu Borore-, le pietre vivono in eterno, i santi mille..duemila..tremila anni, gli uomini ottant'anni; i popoli, invece, solo fino a quando saranno in grado di riconoscere la propria lingua scritta".
"Borore, -Dice sottovoce Jacu, per paura di essere udito da altri - l'altra notte, ho fatto un sogno, ho visto la stele che dobbiamo ancora incidere, spezzata nella parte superiore e vecchia di almeno tremila anni, era messa al centro di una grande stanza, sembrava essa stessa un Santo; Innanzi stavano tre uomini, sembravano dei grandi maestri esperti di iscrizioni, io capivo quasi tutto quello che dicevano, solo che quando si sono messi a leggere la stele, io, non ho capito più nulla."

*questo racconto partecipa al concorso "Scritturiati"