giovedì 15 maggio 2014

Astarte il nome (di Baal) e Resheph signore delle stalle dei cavalli

Cose che potevano capitare  nel XV secolo a.C. percorrendo la via di Horus  -la w’awt Ḥr dei testi egiziani, la via di Shur (bdrk Šwr) della Bibba-  dal Basso Egitto alla Palestina, passando per il Sinai settentrionale: alla fortezza di Tell el Borg (1)(fig.1) ci si poteva imbattere in una stele scritta in geroglifici egizi, ma che celebrava divinità cananee. Una stele con tanto di nomi -Resheph e Astarte: e non solo. 


Figura 1. Ricostruzione della "Via di Horus" nella parte che passava per il Sinai settentrionale


La stele data con ogni probabilità al periodo pre-Amarna, cioè prima della riforma "anti-Amun" di Akhenaten del 1345 a.C. (2). 

Quello che c'è scritto dei due dei sopra la stele, vale la pena di leggero direttamente dall' autore (figura 3 e 4), perchè in entrambi i casi vi sono delle peculiarità mai riscontrate prima

Fig. 3 (dal riferimento 2)



Fig. 4 (dal riferimento 2)


Se capisco bene: per Resheph il determinativo divino è dato dalla figura maschile seduta (con barbetta) (ger. A40); per Astarte il determinativo divino è dato dal cobra: quindi la frase si legge "Astarte il nome". Se ancora capisco bene, un epiteto della dea cananea Astarte era quello di "nome di Baal": una peculiarità attesta, ad esempio, a Ugarit (KTU 1.2 I 8 e 1.16 VI 56), dove viene chiamata `štrt šm b`l. Secondo Frank Moore Cross, l' epiteto sarebbe semanticamente equivalente al titolo di Tanit, Tnt pn b`l= Tanit volto di Baal (3). Sebbene neppure lui abbia saputo dire cosa significhi e cosa comporti.

Richiamo l' attenzione del lettore sulle interessantissime ricerche dell'archeologo James Hoffmeier nella regione del Sinai: ne riporto una mappa (fig. 5) (4), dove ritroviamo nomi che già conosciamo come i luoghi dell' alfabeto proto-sinaitico del II millennio a.C., i luoghi delle miniere di turchese e di rame, i luoghi di incontro tra i faraoni egizi e le maestranze cananee.


                            Fig. 5: mappa del Sinai con la presunta "Via di Horus"; dal rif. 4

(1) James Hoffmeier, The Gate of the Ramesside Fort at Tell el-Borg, North Sinai, 2011, in: Ramesside Studies in Honour of K.A. Kitchen, Rutherford Press
(2) James K. Hoffmeier & Kenneth A. Kitchen, Reshep and Astarte in North Sinai: A Recently Discovered Stela from Tell el-Borg, Agypten und Levante/ Egypt and the Levant 17, pp. 127-36.
(3) Hennie J. Marsman, Women in Ugarit and Israel, Their Social and Religious Position in the Context of the Ancient Near East, E.J. Brill-Leiden, 2003.
(4) James Hoffmeier, "A Highway out of Egypt": the Main Road from Egypt to Canaan, In: Desert Road Archaeology Archaeology in Ancient Egypt and Beyond. (eds. F. Förester & H. Reimer; Africa Praehistorica 26, Köln: Heinrich-Barth-Institut), 2013.