domenica 25 maggio 2014

Mörderisch schön! e di "cultura Monte Prama"

Quel neologismo, "cultura Monte Prama", l' ha coniato Lorella Tola e mi è piaciuto subito. Ecco, quello qua sotto è di certo il mio oggetto preferito: scolpito nell'arenaria gessosa del Sinis (1), è bello in modo micidiale (mörderisch schön) e io credo che sia anche scritto in modo sublime (2). Al momento si trova alla mostra Mont'e Prama, il ritorno a casa: 1974-2014, al Museo Archeologico Nazionale di Cagliari. Poi non lo so dove andrà, temo il peggio ma non lo esprimo - perchè un pò di sana scaramanzia ci vuole. 


Foto di Nurnet -La Rete dei Nuraghi. "le dimensioni sono notevolissime: altezza 51 cm, diametro massimo 92 cm. La figura umana è alta 12.5 cm., l' animale (Usai suppone che sia un vitello) è alto 8 cm. Nella base superiore si distinguono 25 scanalature radiali e 25 mensole. Nella fascia che corre lungo il disco superiore, all' altezza delle figure scolpite, vi è un motivo a chevron continuo, leggerissimamente inciso ed appena visibile dalla fotografia. Una frattura passa tra la fronte dell' animale ed il braccio dell' antropomorfo, tanto da far pensare che in origine le due figure fossero connesse"  (rielaborato dal rif. 1)(2). 





Foto di Sergio Porru

(1) Usai A., San Vero Milis. Un modello di nuraghe da Serra ‘e is Araus, in Simbolo di un simbolo. I modelli di nuraghe, a cura di F. Campus e V. Leonelli, Ittireddu, Museo Civico Archeologico ed Etnografico, 2012, pp. 251-253.
(2) A. Belladonna, Beccatevi questo agglutinamento 'AB!1 GIUGNO 2013.