giovedì 5 giugno 2014

Antichi pozzi di legno nell' Europa centrale. Cioè, antichissimi

Fig. 1,  i quattro pozzi in legno di cultura LBK datati nell' articolo di cui al riferimento 1: (A) Eythra 1, (B) Eythra 2, (C) Brodau 1, e (D) Altscherbitz (vd. figura 2). Le datazioni hanno fornito un intervallo temporale compreso tra il 5469 e il 5098 a.C. (1).

Quando i ghiacci iniziarono a ritirarsi 12000 anni fa, l'Europa centrale si ritrovò gradualmente da steppa ad un ambiente di dense foreste, con alberi che potevano fornire un ottimo legname da costruzione (1). Secondo il modello corrente, nel corso del sesto millennio a.C. questo cambiamento di condizioni ambientali favorì il diffondersi dell' agricoltura e lo stile di vita sedentario che, ahimè, tanti problemi ci dà oggigiorno. All' epoca fu anche, secondo gli studiosi, uno stimolo a sviluppare tecnologie costruttive e di sopravvivenza che in qualche caso fortunato sono giunte fino a noi (fig. 1). Stiamo parlando delle genti raggruppate sotto l' ombrello della Cultura della ceramica lineare o LBK (dal tedesco Linearbandkeramik) (fig. 2). Genti che, si pensa, immigrarono dai Balcani e dai Carpazi verso l' Europa centrale, circa 7500 anni fa, spargendosi nelle fertili regioni del loess (1) (fig. 2). 


Fig. 2: la distribuzione del loess nell'Europa centrale e le fasi di espansione della cultura della ceramica lineare (LBK) (1). Sono indicati anche i 12 pozzi in legno, che si sono preservati grazie all' ambiente saturo di acqua.

La comprensione della neoliticizzazione di queste regioni richiede la datazione precisa dei manufatti: uno dei modi trovati dalla studiosi è quello di datare il legno che fa parte degli antichissimi pozzi costruiti da genti di cultura LBK (1). Legno che si è preservato, talvolta in ottime condizioni (figura 3), nelle zone impregnate di acqua (3). Sono noti ben 12 pozzi in legno con queste caratteristiche; gli autori dell'articolo ne hanno datati 4 (da Altscherbitz, Brodau and Eythra) utilizzando la dendrocronologia per il legno di quercia impiegato nelle costruzioni (1). Inoltre ne hanno studiato la tecnica costruttiva, inaspettatamente abile (figura 3). La statistica è stata fatta su 151 pezzi di legname, preservati nell' ambiente saturo di acqua, che hanno fornito una datazione compresa tra il 5469 e il 5098 a.C. (1). 


Fig. 3. Tecniche di costruzione dei pozzi neolitici dell' Europa centrale (da: 1, fig. 4)

(1) Tegel W, Elburg R, Hakelberg D, Stäuble H, Büntgen U (2012) Early Neolithic Water Wells Reveal the World’s Oldest Wood Architecture. PLoS ONE 7(12): e51374.