martedì 3 giugno 2014

Diamo dei nomi

Da noi si sente dire a volte "dare dei nomi" e non è certo un'espressione che denoti gentilezza: quando si danno dei nomi a qualcuno in pratica ci si rivolge a costui o costei con improperi poco gentili e con buona dose di incazzatura. 
Dare un nome è anche però dare una connotazione, battezzare; il Gotha archeologico di Oristano ha deciso, per esempio, di dare il nome di PHOINIX-Parco del Golfo dei Fenici ad una certa entità che si snoderà tra Tharros e Torre Grande (OR). Poichè di golfi in quella zona non ce ne sono poi tanti, discende l' ovvia considerazione che Golfo dei Fenici = Golfo di Oristano. Che gli abitanti di Cabras ed Oristano ne siano felici o meno, non è cosa che possa preoccupare chi si occupa di battesimi ed altri sacramenti. 

Poco importa che il Sinis di Cabras avesse una densità di nuraghi spaventosa: 2.3/kmq. E poco importa che il Campidano Maggiore fosse un luogo dove già nel Bronzo Medio (1600-1300 a.C. ) vi fossero innumerevoli insediamenti nuragici (fig. 1). E ancora poco importa, ad alcuni, di essersi già presi dei nomi per questa bella pensata. Del resto i nomi, si sa, vanno e vengono: ciò che resta saranno Oristano 2018 ed il suo chair.

In questi giorni gira, in rete, un video che ha fatto rabbrividire e rallegrare molti (fig. 2): un appassionato ha raccolto forti indizi (anche dall' alto) che tra il nuraghe Sianeddu Monte Prama vi sia un sito nuragico enorme, uno dei più grandi dell' isola.

La scoperta è tutta da verificare ma una domanda spontanea sorge:  se davvero c'è, questo sito, come lo chiameranno? Per non prendersi poi dei nomi è meglio iniziare subito a pensare ad un bel nome. Speriamo che sia femmina, come diceva quel film. 
_

Fig. 1: gli insediamenti nuragici del Bronzo medio (1600-1300 a.C.) nel Campidano Maggiore. Modificato da: Sebis S. e Pau L., L’insediamento nuragico di Sipoi (Baratili S. Pietro-OR), Firenze 2012,  ATTI DELLA XLIV RIUNIONE SCIENTIFICA dell IIPP, LA PREISTORIA E LA PROTOSTORIA DELLA SARDEGNA, Cagliari, Barumini, Sassari 23-28 novembre 2009

Fig. 3: localizzazione del nuraghe Sianeddu di Cabras rispetto a Monte Prama (modificata da: Anna Depalmas, 2008, Evidenze e apparenze del paesaggio attuale per una lettura del territorio nuragico, In: Preistoria e protostoria in Etruria: atti del 8. Incontro di studi: V. 1: paesaggi reali e paesaggi mentali, 15-17 settembre 2006, Valentano-Pitigliano, Italia. Milano, Centro studi di preistoria e archeologia. p. 523-534. ). In linea d'aria di due siti sono distanti circa 3 km. Sianeddu si trova all' altezza della spiaggia di Is Aruttas, Monte Prama è all'altezza di Mari Ermi