giovedì 28 agosto 2014

Quella piccola "A" e il Tridente della Montagna

 Si ringraziano Mario Atzori e Paola Lai per la segnalazione dell'articolo su Archeologia Viva di settembre-ottobre 2014. 
Fig. 1: segni che Giovanni Garbini considera di scrittura filistea, incisi su alcuni dei conci di coronamento del nuraghe Nurdole di Orani (NU). Secondo gli archeologi i conci di coronamento, su cui sono incisi diversi segni/simboli, risalgono al XII-XI sec. a.C. Da: Maria Ausilia Fadda, IL SACRO MONTE DI NURDOLE-Sardegna nuragica, Archeologia Viva, settembre-ottobre 2014, 167: pp. 28-40  (1). 

Per me che abito in Pianura Padana, ai piedi delle prime colline che a sud marcano l'inizio della zona appenninica, 730 metri sono decisamente montagna. Anche, dalla mia non favorevole postazione, non mi era mai capitato di vedere quei conci con quei segni: neppure quando sono andata al Museo di Nuoro (1). Eppure ce ne sono diversi esposti, però quelli no: forse perchè si vede, tra i tanti segni (che la Fadda classifica come "enigmatici" e che il Garbini classifica come filistei) almeno almeno una piccola e inequivocabile "A"?  All'orientalista Garbini non viene neppure in mente che sia latina,  o un lusus degli operai,  o recentissima, o prodotta dallo sfregamento di un chiodo nel sacco. E lo esclude anche per gli "scarabocchi" adiacenti: forse lo fa perchè da anni sta cercando di imporre i Filistei come fondatori culturali della Sardegna e cercando in tutti i modi di arricchire il piccolo corpus di scrittura di questo sfuggente popolo (2)? Comunque lo fa, dando un colpo mortale alla "A" a freccia di Ugas (3).
Come si vede dalla didascalia alla figura (fig. 1) M.A. Fadda rimane incerta su questa interpretazione "alla filistea" , ma finalmente si decide a mostrarcela: o meglio a mostrarci disegni dei segni, se non le foto. La studiosa inoltre parla esplicitamente del 1200 a.C.  per le "decorazioni" sui conci di trachite. "Decorazioni" che non può fare a meno di ascrivere ai "mezzi di comunicazione visiva" , alla "Comunicazione del sacro" (fig. 2). Nella scheda ministeriale sui reperti "conci di decorazione" così come sul quaderno Delfino del Museo di Nuoro, si parla addirittura di XIII-X sec. a.C.!

Fig. 2: uno dei conci di coronamento del nuraghe Nurdole di Orani  (1). La freccia rossa, aggiunta da me,  indica un segno ad "A". 


Fig. 3: la "A" e le altre lettere sul concio di fig. 2, Dal rif. 4. 



E poi c'è il Tridente su uno dei conci di coronamento, vecchio più di 4 secoli rispetto a quello celeberrimo del "Circolo di Vetulonia": di quello si scrive che testimonia l'origine marinara della città. Di questo del Nurdole-sui monti e nel bel mezzo della Sardegna- non si sa bene cosa scrivere, se non che fu introdotto da "contatti esterni" (fig. 4). Io la storia e la psicologia sacra del tridente non la so, ma questo Vecchio diavolaccio di un Tridente della Montagna che vorrà dirci?


Fig. 4: il tridente scolpito su uno dei conci di coronamento del Nurdole (1). 

Vd. anche: 
Nuraghe Nurdole, conci di trachite, 19 NOVEMBRE 2012
I Filistei: anno 2013, 11 Lug 2013
Quanta scrittura c' era a S' Arcu ' e is Forros?, 28 OTTOBRE 2013
I cocci di Orani: 2580 click e un silenzio da permafrost, 17 Ott 2013

(1) Maria Ausilia Fadda, IL SACRO MONTE DI NURDOLE-Sardegna nuragica, Archeologia Viva, settembre-ottobre 2014, 167: pp. 28-40. 
(2) Aren M. Maeir, Louise A. Hitchcock, Liora Kolska Horwitz, On the Constitution and Transformation of Philistine Identity, Oxford Journal of Archaeology, 32: 1–38, 2013.
(3) G. Ugas, I segni numerali e di scrittura in Sardegna tra l’Età del Bronzo e il I Ferro, In: Tharros Felix 5, a cura di Attilio Mastino, Pier Giorgio Spanu, Raimondo Zucca. Roma : Carocci, 2013, pp. 295-377
(4) G. Sanna, Nurdole di Orani. Decorazioni? No, scrittura potente (II), gianfrancopintore.blogspot.com, 12/apr/2011 
(5) M.A. Fadda, S'arcu 'e is Forros, Nuragici, Filistei e Fenici fra i monti della Sardegna (con scheda di Giovanni Garbini), Archeologia viva, n.155 sett.-ott. 2012, pp.46 -57.