domenica 16 novembre 2014

Che vuoi farci? è la Vita!



Sin. Oggetto in bronzo a forma di "Tanit". Complesso nuragico di S’ Arcu e is Forros (XV-VIII sec. a.C.) (1);          
Dx. Oggetto-geroglifico in legno placcato d'oro, a forma del  segno 'ankh = Vita. Tomba del faraone   Tutankhamun (XIV sec. a.C.) (2).


(1) M. A. Fadda, Villagrande Strisaili. Il villaggio santuario di S'Arcu 'e is Forros, 2012, Carlo Delfino ed.:  "[..] un pendaglio di bronzo della dea Tanit* portato nel santuario di S’Arcu e is Forros in un periodo più antico rispetto all’ epoca cartaginese in Sardegna, dal momento che i materiali più recenti del ripostiglio si datano all’VIII-VII sec. a.C.[..] *Non tutti sanno che…: Tanit. La dea più importante a Cartagine, venerata come protettrice della città e del suo impero. Chiamata Phanébalos, ovvero “Faccia di Baal”, la sua effigie compariva nella maggior parte delle monete puniche, ma la sua origine potrebbe essere più antica […].
(2) TUTANKHAMUN, “Wonderful Things” From The Pharaoh’s Tomb,  The Origins Museum Institute, El Paso, Texas

vd. anche: 
L'incredibile storia dei cocci di Orani e le antichissime Tanit sarde, 11 NOVEMBRE 2012
Le donnine di Amun (e le altre): co-evoluzione del segno 'ankh e del segno a Tanit,  2 MARZO 2014
Gebel el Silsila (Egypt): the rising life and the unfinished lion, 9 AGOSTO 2014