martedì 18 novembre 2014

Le nuove rotte "dirette" dell'ossidiana sarda:VI-IV mill. a.C.

Da: (1) Kyle P. Freund and Zack Batist, Sardinian Obsidian Circulation and Early Maritime Navigation in the Neolithic as Shown Through Social Network Analysis,  Journal of Island & Coastal Archaeology, 9:364–380, 2014
9000-7000 a.C. e nel Mediterraneo già si navigava alla grande: parola di archeomammiferi, 17 SETTEMBRE 2014)

Fig. 1. In tratteggio: le nuove rotte "dirette" via mare proposte nello studio del 2014 per l'ossidiana sarda, sulla base della Social Network Analysis (SNA). Puntini: le vie dell'ossidiana sarda tradizionalmente proposte in letteratura. (Da (1)) (vd. anche fig. 2)

[..]we use social network analysis (SNA) to situate Terres Longues within the broader landscape of Neolithic Sardinian obsidian distribution.While we do not deny that the people of southern France and northern Italy interacted with one another,we argue that strong similarities both in raw material selection and obsidian reduction strategies between communities in southern France, Corsica, and Sardinia have important implications, especially when considering the broader socio-economic circumstances of their occurrence. We argue that common traditions in how peoples of these regions procured and worked Sardinian obsidian strongly suggest that these communities interacted with one another. In order to test this hypothesis, we analyze the distribution of obsidian at 79 Neolithic sites dating from the sixth to fourth millennia BC. After collating previously published obsidian sourcing data (see online supplement), we use SNA to identify the strengths of inter-site relationships through time based on common patterns of obsidian exploitation. As such, it becomes possible to reconstruct the relationships that mediated the distribution of obsidian throughout these regions" (1).

Fig. 2.  Puntini: le vie dell'ossidiana sarda tradizionalmente proposte in letteratura. Secondo la SNA, tuttavia, già nel VI millennio si stabiliscono contatti diretti tra Sardegna, Corsica e Italia settentrionale (frecce bidirezionali rosse) e già nel V millennio tra le due grandi isole e la Francia meridionale (frecce bidirezionali blu). (modificato da (1)) (vd. anche fig. 3,4). Nel IV millennio la rete di interazioni si fa più complessa, con la formazione di centri di re-distribuzione (es. Francia meridionale). 


Fig. 3: il network di ossidiana (tipi e modi di lavorazione) nel VI millennio. Si notino alcuni link diretti tra Italia settentrionale (quadrati) e le due grandi isole (cerchietti = Corsica, rombi = Sardegna). (da (1))

Fig. 4: il network di ossidiana (tipi e modi di lavorazione) nel V millennio. Si notino alcuni link diretti tra Francia meridionale(quadrati con patterns) e le due grandi isole (cerchietti = Corsica, rombi = Sardegna). (da (1))

Fig. 5: il complesso network di ossidiana (tipi e modi di lavorazione) nel IV millennio. Si notino veri e propri "clusters" di siti continentali con link diretti sia alla Sardegna che alla Corsica (da (1))

LEGENDA dei SITI: