venerdì 2 gennaio 2015

Collane di storia della Sardegna

Osso, ambra, pasta di vetro o cristallo di rocca; pietre di mille colori o semplici conchiglie; denti di volpe o vaghi di bronzo; electrum o scarabei in steatite. E c'è perfino del corallo tra le antichissime collane della Sardegna: vi proponiamo una piccola mostra tra epoca neolitica e nuragica, una "lussuosa" visita ad una virtuale gioielleria del passato. MP

Fig. 1 Villanovafranca, Museo Civico Archeologico "Su Mulinu": Vaghi di collana in cristallo di rocca (X - IX sec. a.C.?). Cultura Nuragica, Età del Bronzo Finale (1150 - 850 a.C.)


Fig. 2: Collana, sec. XX-XVII a.C. pietra verde e nera, h pendente 2,1 cm, Cagliari, Museo Archeologico Nazionale. Collana proveniente da Alghero, necropoli di Anghelu Ruju, composta da vaghi cilindrici in pietra nera, alternati ad altri semiglobulari o allungati in pietra verde; sostiene un pendente a mandorla in pietra verde. Da: Altea Giuliana, Carta Mantiglia Gerolamo, Clemente Pietro, Corrias Paola, Dalmasso Ennio, Massari Stefania, Piquereddu Paolo, Porcu Gaias Marisa, Tavera Antonio, Gioielli : Storia, linguaggio, religiosità dell'ornamento in Sardegna , Illisso, 2004

Fig. 3. Collane in pietra, sec. XX-XVIII sec. a.C.; Sassari, Museo Nazionale “G.A. Sanna”. Arzachena, località La Macciunita; la più grande formata da 72 elementi; Da: http://www.lamiasardegna.it/files/arzachena.htm


Fig. 4.  Padru Jossu (Sanluri, Cagliari).  Tomba a camera ipogeica. Strato II, fase finale della Cultura del vaso campaniforme (1900-1800 a.C.); Museo Archeologico "Villa Abbas" di Sardara  a. Collana in conchiglie e denti animali. Da questo sito. (slide nr. 76). b. Collana in conchiglie e denti animali. Da questo sito. c. collana in conchiglia e in avorio. 74 lamelle a goccia di telline piccole, medie e grandi. Da questo sitod. Collana in conchiglia e avorio. Composta da 115 pendenti a lamella di telline piccole e medie, 3, canini di canide e un pendaglio di zanna di cinghiale spezzato e ricomposto. Zanna lungh. cm 10; (Da questo sito).

Fig. 5  a. Collana, sec. XX-XVIII a.C. conchiglie, Ø max vaghi 2,7 cm, Cagliari, Museo Archeologico Nazionale. La collana, composta da vaghi biconici a fuseruola, proviene da Alghero, necropoli di Anghelu Ruju. b. Collana, sec. XVII-XVI a.C. conchiglie, denti di cervo, lunghezza max vaghi 3,8 cm, Cagliari, Museo Archeologico Nazionale. La collana è composta da vaghi ad anello e troncoconici di conchiglia e denti atrofici di cervo; proviene da una sepoltura in cista litica di Settimo San Pietro, Cuccuru Nuraxi. c. Collana, sec. XX-XVIII a.C. cultura del vaso campaniforme, conchiglie, denti animali (chele?), lunghezza max vaghi 7,3 cm, Sassari, Museo Nazionale “G.A. Sanna”. Da: Altea Giuliana, Carta Mantiglia Gerolamo, Clemente Pietro, Corrias Paola, Dalmasso Ennio, Massari Stefania, Piquereddu Paolo, Porcu Gaias Marisa, Tavera Antonio, Gioielli : Storia, linguaggio, religiosità dell'ornamento in Sardegna , Illisso, 2004


Fig. 6.  Collana, sec. XVIII-XVII a.C. conchiglie, zanne di cinghiale, dente di canide, h max della zanna 10,8 cm, Cagliari, Museo Archeologico Nazionale. Il monile proviene da Soleminis, tomba a fossa di Is Calitas. Da: Altea Giuliana, Carta Mantiglia Gerolamo, Clemente Pietro, Corrias Paola, Dalmasso Ennio, Massari Stefania, Piquereddu Paolo, Porcu Gaias Marisa, Tavera Antonio, Gioielli : Storia, linguaggio, religiosità dell'ornamento in Sardegna , Illisso, 2004

Fig. 7 a. Alghero, necropoli ipogeica di Anghelo Ruju.  COLLANA FORMATA CON VAGHI RITAGLIATI DA CONGHIGLIA e b. Sanluri, Tomba ipogeica di Padru Jossu. Da: LILLIU, G. 1999. Arte e religione della Sardegna prenuragica. Idoletti, ceramiche,oggetti d’ornamento. Sassari, Delfino.

Fig. 8 Alghero, necropoli ipogeica di Anghelu Ruju: tomba XIII. Collana di denti di volpe.Da: LILLIU, G. 1999. Arte e religione della Sardegna prenuragica. Idoletti, ceramiche,oggetti d’ornamento. Sassari, Delfino.


Fig. 9. Bingia 'e Monti (Gonnostramatza, Oristano), tomba ipogeico-megalitica. Collier in oro a verga piena di sezione tonda, a capi aperti, appiattiti e ricurvi. Diam. 14 cm; spess. 0, 2, cm. Eneolitico Finale\Bronzo Antico. Museo Archeologico Nazionale, Cagliari. Da questo sito. In realtà  il torque di Gonnostramatza è in electrum, una lega di oro e argento (naturale o creata), con possibili tracce di altri metalli. Un oggetto unico per l' epoca, per lo meno in Italia (Giovanna Bergonzi, The earliest gold objects in Italy: a review of the archaeological evidence,  ArcheoSciences, revue d’archéométrie, 33, 2009, p. 91-97) . http://monteprama.blogspot.it/2013/01/oro-e-torques_2.html


Fig. 10 Arzachena, circoli megalitici: Tomba I. Collana in steatite con elementi di forma sferica e discoidale (in alto) e a olivelle in steatite forate (in basso); scheda 229 da: LILLIU, G. 1999. Arte e religione della Sardegna prenuragica. Idoletti, ceramiche,oggetti d’ornamento. Sassari, Delfino.

Fig. 11. Collana, sec. XI-IX a.C. ambra, osso, lunghezza max vaghi 3,6 cm, Sassari, Museo Nazionale “G.A. Sanna”. La collana, proveniente da Sassari, nuraghe Attentu, è costituita da elementi in ambra di forma diversa, alcuni del tipo “ad astragalo” o “tesoro di Tirinto” e da un grano discoidale in osso.Da: Altea Giuliana, Carta Mantiglia Gerolamo, Clemente Pietro, Corrias Paola, Dalmasso Ennio, Massari Stefania, Piquereddu Paolo, Porcu Gaias Marisa, Tavera Antonio, Gioielli : Storia, linguaggio, religiosità dell'ornamento in Sardegna , Illisso, 2004


Fig. 12. Collana, sec. XI-VIII a.C. bronzo, Ø max vaghi 1,5 cm, Sassari, Museo Nazionale “G.A. Sanna”. La collana, proveniente da Sassari, nuraghe Attentu, è composta da 31 grani in bronzo fuso di forma sferica, discoidale, cilindrica e da 3 troncoconici in filo di bronzo. Da: Altea Giuliana, Carta Mantiglia Gerolamo, Clemente Pietro, Corrias Paola, Dalmasso Ennio, Massari Stefania, Piquereddu Paolo, Porcu Gaias Marisa, Tavera Antonio, Gioielli : Storia, linguaggio, religiosità dell'ornamento in Sardegna , Illisso, 2004

Fig. 13. Collana di bronzo dal Nuraghe Attentu o Mela Ruja- Sassari. Bronzo Finale (1100-900 a.C. circa) - Civiltà Nuragica. Collezione Dessì

Fig. 14 Cabras, Mont' e Prama, tomba XVCollana composta da uno scarabeo egizio, vaghi di bronzo, tra cui un frammento di spada votiva, e un vago di cristallo di rocca. Mostra "L'Isola delle Torri. Giovanni Lilliu e la Sardegna Nuragica", Cagliari 2014

Fig. 15. a. Collana ricomposta da 31 vaghi sferici schiacciati in bronzo; b. Collana composta da 15 vaghi sferici schiacciati in bronzo e da un vago in ambra sub cilindricocon scanalature parallele ad angolo vivo di tipo Allumiere. Da: Usai, Emerenziana; Zucca, Raimondo (2011) Nuovi bronzi nuragici dell’Antiquarium Arborense di Oristano: contributo alle rotte mediterranee della Sardegna. In: Mastino, Attilio; Spanu, Pier Giorgio; Usai, Alessandro; Zucca, Raimondo (a cura di). Tharros Felix 4. Roma, Carocci editore. p. 323-350, ill. (Collana del Dipartimento di storia dell'Università degli studi di Sassari, 39; Tharros Felix, 4).  

Fig. 16. Collana composta da vaghi in pasta vitrea dal riparo sotto roccia di Littu. Epoca nuragica, Museo di Dorgali. Da: D. Pulacchini, IL MUSEO ARCHEOLOGICO DI DORGALI, 1998, Carlo Delfino ed.

Fig. 17. Voragine di Ispinigoli: collana composta da vaghi di pasta vitrea.Epoca nuragica, Museo di Dorgali. Da: D. Pulacchini, IL MUSEO ARCHEOLOGICO DI DORGALI, 1998, Carlo Delfino ed.
Fig. 18. Voragine di Ispinigoli: collana composta da vaghi di pasta vitrea.Epoca nuragica, Museo di Dorgali. Da: D. Pulacchini, IL MUSEO ARCHEOLOGICO DI DORGALI, 1998, Carlo Delfino ed.

Fig. 19. Orani, Tempio nuragico di Nurdole. Collana composta da grani d’ambra, cristalli di rocca e pasta vitrea. Età nuragica (1100-900 a.C.). Museo Archeologico Nazionale di NUORO.


Fig. 20. Bitti, Villaggio nuragico di Su Romanzesu. Composizione ideale di collane con vaghi d’ambra con superfici a scanalature parallele di tipo “Tirinto” e “Allumiere”. Età nuragica (1200-900 a.C.).Museo Archeologico Nazionale di NUORO 


Fig. 21. Oliena, Grotta Rifugio: collana di Columbella rustica. Da: LILLIU, G. 1999. Arte e religione della Sardegna prenuragica. Idoletti, ceramiche,oggetti d’ornamento. Sassari, Delfino.


Fig. 22 Villanovafranca, Museo Civico Archeologico "Su Mulinu": Valve di conchiglia ( Cardium Edulè) forate.
 Cultura Nuragica, Prima età del Ferro, fase Orientalizzante II / Arcaica ( VI sec. a.C.)

Fig. 23. Oliena, Grotta Rifugio. Composizione ideale di collane con elementi in pietra, conchiglie e zanne di animali. Neolitico recente (3800- 2900 a.C.).Museo di Nuoro. Da: M.A. Fadda, Il Museo Archeologico Nazionale di NUORO, 2006, C. Delfino ed. 
Fig 24 Soleminis, Is Calitas, tomba I: collana composta da 31 rondelle di conchiglia consunta di forma ovale, un vago di conchiglia di forma triangolare, 5 vaghi a botticella in osso, 1 vago a tortue in osso, una placchetta tratta da una zanna di cinghiale con foro centrale. Cuccuru cresia arta Maria Rosaria Manunza Dolianova (Ca),Grafica del Parteolla 2005

Fig 25 Soleminis, Is Calitas, tomba I: elementi di collana di conchiglia.
Cuccuru cresia arta Maria Rosaria Manunza Dolianova (Ca),Grafica del Parteolla 2005
Fig 26 Collezione Cabras, Orosei, provenienza incerta del nuorese: Collana composta da 12 vaghi biconici a spirale di bronzo, 5 elementi di forma lenticolare-discoidale in sottile lamina bronzea, 1 vago di bronzo di forma cilindrica con costolature trasversali. Collezione Cabras, Orosei, A. Moravetti in Sardegna Centro-orientale dal neolitico alla fine del mondo antico: mostra in occasione della XXII Riunione scientifica dell'Istituto italiano di preistoria e protostoria, Nuoro, Museo civico speleo-archeologico Ed. Dessì 1978
Fig 27 Villa S.Pietro,tomba megalitica di Perda 'e Accutzai (XVI-XIII sec. a.C. ca.): Collane composte da vaghi di vetro, faiance, bronzo e ambra. Museo Archeologico Nazionale di Cagliari. Immagine dalla pagina Facebook di Nurnet Villa .S. Pietro Archeologica
Fig 28 Museo Archeologico Civico "Marongiu" di Cabras, Cuccuru is Arrius, tomba 385, Cultura Bonu Ighinu:
Collana composta da elementi di dentalium.
Fig 29 Museo Archeologico Civico "Marongiu" di Cabras, Cuccuru is Arrius, tomba 385, Cultura Bonu Ighinu:
Collana composta da elementi litici a rondelline
Fig 30 "Cabras, Cuccuru is Arrius. Collana con vago in corallo dalla tomba 439 (foto: C. Buffa, L. Corpino). Alcuni campioni ossei, sottoposti ad analisi al C14, hanno restituito date calibrate comprese fra 4800 e 4450 anni a.C.". Da: "La Pietra e gli Eroi: le sculture restaurate di Mont'e Prama, Guida all'esposizione",  AA. VV. - a cura di Minoja Marco e Usai Alessandro, h_demia.ss/press (SS). 

Fig 31 Museo Archeologico di Carbonia (CI). Tomba 2-ad incinerazione-della necropoli "fenicia"  di Monte Sirai (ca. 540-530 a.C.): Collana con tre amuleti in steatite, con grani e pendenti in vetro e pasta vitrea. Da: Luisa Anna Marras, IL MUSEO ARCHEOLOGICO di Carbonia, 1998 , Carlo Delfino editore. 


Fig 32. Esempi di "pendagli a catenelle" in bronzo, di cultura nuragica: sin, dal sito di Tillai (Cala Gonone). Museo Archeologico di Dorgali (NU); dx, pendaglio frammentario dalla collezione Dessì, dalle tombe scavate nel granito, adiacenti della chiesa di Lanusei: [..] fa parte della dozzina e più di esemplari congeneri finora ritrovati in Sardegna[..]. Museo Archeologico Nazionale di Sassari. Da: G. Lilliu, Sculture della Sardegna Nuragica, Illisso ed. 1966 (ristampato nel 2008). I pendagli sono formati da 3 catenelle appese ad un collare, ognuna recante 4 elementi a forma di "8" e terminanti con un elemento "foliato" a lamina sottile. 
"[...]le tombe ritrovate nell’area della chiesa parrocchiale di Lanusei, che hanno restituito numerosi i discussi pendagli a catenelle desinenti in elementi lanceolati[..]a 6 m di profondità numerose tombe a fossa scavate nel granito; «furono scoperte alcune urne di creta grossolana ch’erano tutte piene di materia carbonizzata ed una quantità di scodellini in terra rossiccia», insieme a quattro pendagli a catenelle; oggetti analoghi vengono da un altro contesto funerario di cui si ignora la localizzazione.[..]Pinza, Monumenti primitivi, cit., col. 269, ricorda catenelle e pendenti in lamina dal nuraghe Gadoni e ne cita altre con generica provenienza, che lui suppone da contesti funerari, in vari nuraghi." Da:  P. Bernardini, 2011, Necropoli della Prima Età del Ferro in Sardegna: una riflessione su alcuni secoli perduti o, meglio, perduti di vista. In: Mastino, Attilio; Spanu, Pier Giorgio; Usai, Alessandro; Zucca, Raimondo (a cura di). Tharros Felix 4. Roma, Carocci editore. p. 351-386


Fig. 33. Altri pendagli a catenelle (Fig. 32) esposti al Museo di Dorgali. Da questo sito: 

Fig. 34. Osini, Nuraghe Sanu. Collane in bronzo con catenelle terminanti con elementi foliati. Età nuragica (VIII-VII sec. a.C.). Museo di Nuoro. Da: M.A. Fadda, Il Museo Archeologico Nazionale di NUORO, 2006, C. Delfino ed.