giovedì 1 gennaio 2015

Una coda a cavatappi: ma perchè?

Per ricordare che esistono anche i cavatappi spiraleggianti, dopo i tappi da spumante di ieri notte..e sempre con i nostri migliori auguri di buon 2015

Fig. 1: "Toro con uccello sulla schiena" Nr. 37 da: J. Thimme,  Kunst und Kultur Sardiniens vom Neolithikum bis zum Ende der Nuraghenzeit: Sammlung Elie Borowski, Hirmer Verlag, Muenchen, 1983

Un toro dalle enormi corna, il corpo da cerbiatto magro e la coda a "cavatappi" (fig. 1) : un pò impensabile che fosse un cavatappi bronzeo a forma di toro, e allora? Vd. anche: Un' impossibile storia d'amore, 22 SETTEMBRE 2014

Un simile toro di bronzo, magro come un'asse da stiro e con coda anch'essa a "cavatappi" si trova al Museo Sanna di Sassari: proviene dal nuraghe Pizzinnu di Posada (NU) (fig. 2).

Fig. 2: [..]Significativi i ritrovamenti nel nuraghe Pizzinnu di Posada (Nu) con la più antica datazione al c14 (dal 1491 al 1331 –età nuragica-): trattasi di antichissimo focolare con resti di ceramica e bronzetti (sempre nuraghe Pizzinnu di Posada), in queste foto la rappresentazione di un toro[..]. Da questo sito